Cerca nel sito

giovedì 9 giugno 2016

CLUSIT: nell’era del cybercrime industriale le organizzazioni criminali come “S.p.A.”

 

CLUSIT: nell'era del cybercrime industriale

le organizzazioni criminali come "S.p.A." 

Sempre più coinvolti anche i privati cittadini.

 

Chiusa la tappa romana dedicata alla sicurezza informazioni delle reti e dei sistemi informatici. Il pericolo non è solo a livello di istituzioni e aziende; gli esperti a confronto confermano l'impatto sempre più elevato anche sulla vita dei privati cittadini

 

Clusit: "sensibilizzare i cittadini ad un uso consapevole delle tecnologie e della rete"

 

Roma, 9 giugno 2016  Chiusa ieri la tappa romana di Security Summit, la due giorni sulla sicurezza informazioni delle reti e dei sistemi informatici organizzata annualmente da CLUSITl'Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica e Astrea, agenzia di comunicazione e marketing specializzata in eventi b2b


Oltre 400 i partecipanti, che nelle sale dello Sheraton Roma Hotel & Conference Center hanno partecipato al dibattito articolato sui diversi fronti della sicurezza informatica. Con la presentazione del Rapporto CLUSIT 2016 - introdotta daRoberto Di Legami, Direttore del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni - sono stati analizzati i settori più criticiin particolare i servizi online e Cloud (categoria che comprende i principali sistemi di Webmail, i Social Network, siti di e-Commerce e piattaforme Cloud pubbliche), che registrano il più grave aumento in valore assoluto degli attacchi mai consuntivato (+81%), e le organizzazioni governative e militari, che rappresentano il 22% dei soggetti colpiti nell'ultimo anno.


I ricercatori del CLUSIT hanno inoltre rilevato per la prima volta attacchi cybercrime nel settore dell'Ospitalità -organizzazione alberghiere, ristoranti, residence e collettività sferrati negli ultimi mesi con l'obiettivo di colpirne gli utenti. 


Per quanto riguarda in particolare la città di Roma, questo può essere ricondotto ad eventi particolarmente rilevanti per l'affluenza dei turisti, quale il Giubileo straordinario in corso.


Al Security Summit di Roma è stata inoltre affrontata in maniera inedita l'analisi delle organizzazioni criminalievidenziandone il vero e proprio  "modello di business" alla base e i rischi per le imprese reali. 

Proprio per la loro struttura e ramificazioni, le aziende che operano nel cybercrime costituiscono oggi  un problema per tutti, dal privato cittadino alla piccola e media azienda, alle grandi realtà. 

"I rischi derivanti dalla insicurezza informatica oggi vanno imperativamente gestiti, da un punto di vista tecnologico, umano e organizzativo", afferma Paolo Giudice, Segretario Generale CLUSIT. "I criminali informatici possono contare su organizzazioni sempre più strutturate e capillari e competenze sempre più sofisticate, a fronte di una posta in gioco dai valori elevatissimi. Le Istituzioni si stanno muovendo con normative sempre più stringenti, ma queste da sole non sono sufficienti. E' fondamentale che anche i privati cittadini siano sensibilizzati e consapevoli di come utilizzare le nuove tecnologie e la rete correttamente. Basti pensare - conclude Giudice  che, da stime CLUSIT, almeno i due terzi degli incidenti che avvengono nel nostro Paese non sono rilevati dalle vittime per mancanza di strumenti, competenze e metodologie adeguate".

 

Nel corso delle due giornate romane di Security Summit irischio "Cyber" è stato analizzato anche guardando alle evoluzioni del mercato: nuovi scenari globali impongono infatti oggi alle aziende – anche alle più piccole – di non sottovalutare i pericoli che provengono dalla rete. 


In questo contesto può essere molto utile per le aziende l'integrazione di coperture assicurative tradizionali, nonché la valutazione di nuove polizze cyber e del trasferimento del rischio residuo.

 

Particolare attenzione è stata inoltre dedicata nel corso di Security Summit a SPID - l'elemento cardine dell'attuazione dell'Agenda Digitale Italiana, nonché il tassello su cui si baserà la sicurezza dell'accesso ai servizi della Pubblica Amministrazione e ai soggetti privati aderenti -  svelando per la prima volta gli elementi fondativi di sicurezza della norma tecnica che disciplina i requisiti a cui i Gestori di Identità dovranno conformarsi per erogare i propri servizi ai cittadini.

 

Security Summit ha il patrocinio della Commissione Europea e dell'ENISA, l'Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione.

 

L'attività di divulgazione del CLUSIT continua nel prossimoappuntamento di Security Summit a Verona, il 5 ottobre

 


Security Summit è organizzato da:

CLUSIT, la principale associazione italiana nell'ambito della sicurezza informatica, i cui soci rappresentano oltre 500 aziende e organizzazioni. 


Il CLUSIT collabora, a livello nazionale, con diversi Ministeri, Authority e Istituzioni, con la Polizia Postale e con altri organismi di controllo. Inoltre, svolge un'intensa attività di supporto e di scambio con le Confederazioni Industriali, con numerose Università e Centri di Ricerca e con Associazioni Professionali e dei Consumatori.


In ambito internazionale, CLUSIT partecipa a svariate iniziative in collaborazione con i CERT, i CLUSI, la Commissione Europea, ITU (International Telecommunication Union), UNICRI (Agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di criminalità e giustizia penale) e sostiene attivamente le attività di ENISA (European Union Agency for Network and Information Security). Ulteriori informazioni sulle attività del Clusit sono disponibili sul sito 


 

Astrea, Agenzia di Comunicazione e Marketing, specializzata nell'organizzazione di eventi b2b.


Con sede operativa a Milano, Astrea mette le competenze dei propri professionisti a disposizione delle organizzazioni per sviluppare soluzioni creative ed innovative volte a incrementare visibilità e ad acquisire autorevolezza sui mercati di riferimento.



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI