Cerca nel sito

martedì 21 giugno 2016

Pietro Scidurlo rappresenta il nostro Paese al Tavolo Accessibilità e Itinerari Culturali del Consiglio d’Europa che si tiene oggi a Strasburgo

L'ITALIA PRESENTA LE BUONE PRATICHE PER L'ACCESSIBILITÀ DEGLI ITINERARI CULTURALI

Pietro Scidurlo rappresenta il nostro Paese al Tavolo Accessibilità e Itinerari Culturali del Consiglio d'Europa che si tiene oggi a Strasburgo

Strasburgo, 22 giugno 2016 – Pietro Scidurlo, fondatore di Free Wheels Onlus, partecipa oggi al Tavolo di lavoro Accessibilità e Itinerari Culturali del Consiglio d'Europa dove vengono presentate le buone pratiche di ogni paese dell'Unione relative all'accessibilità dei percorsi culturali e alla mobilità dolce. 
La best practice selezionata per l'Italia è quella messa a punto da Free Wheels Onlus, associazione nata nel 2012 con l'obiettivo di avvicinare ad esperienze di "cammino" tutte le persone, anche quelle con disabilità o esigenze speciali, difavorire la piena accessibilità dei percorsi e consentire quindi a tutti di vivere questo tipo di esperienza culturale e turistica.

"Perché l'esperienza del Cammino possa abbracciare sempre più persone, è importante cambiare il tipo di approccio da tecnico a culturale – spiega Pietro Scidurlo - Sappiamo tutti quali dovrebbero essere le normative e le attenzioni perché un percorso sia fruibile da tutti. Ma se non prendiamo consapevolezza che gli Itinerari Culturali possono e devono essere un'esperienza per tutti, rimarranno sempre una nicchia, un'esperienza per pochi. Ciò che rende un itinerario realmente accessibile – continua Scidurlo - non è solo non avere barriere architettoniche e consentire la percorribilità a persone con disabilità motoria o sensoriale. Un itinerario accessibile in senso moderno offre risposte alle necessità di tutte le persone con esigenze speciali: dai celiaci alle famiglie con bambini piccoli o con animali, solo per fare due esempi." 

Free Wheels Onlus, guidata da Pietro Scidurlo, paraplegico dalla nascita, in quattro anni ha realizzato diversi progetti, fra i quali la mappatura completa del Camino Françes (da Saint Jean Piéd-de-Port a Santiago de Compostela) e del Camino de Finisterre. Il risultato di tale esperienza è Santiago per tutti, la prima guida pensata per consentire anche a persone con esigenze speciali di affrontare in tutta sicurezza il cammino di Santiago. Pubblicata con le edizioni Terre di Mezzo, la guida è stata scritta da Pietro Scidurlo con Luciano Callegari.

L'associazione Free Wheels Onlus guarda oggi verso i cammini italiani con l'obiettivo di replicare questo progetto di accessibilità sulla via Francigena, l'itinerario europeo più importante nel nostro Paese. Il progetto ha ottenuto il patrocinio del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

Un primo viaggio di sensibilizzazione su CicloviaFrancigena si è svolto per 900 km da Somma Lombardo a Roma, dal 28 marzo al 12 aprile scorso. Cinque i protagonisti di questo primo viaggio e tra questi Pietro Scidurlo in handbike

Un'esperienza promossa dall'onorevole Stella Bianchi e con lei da altri parlamentari aderenti all'Intergruppo Parlamentare per la Via Francigena, tra i quali Chiara Scuvera, Marco Bergonzi, Raffaella Mariani, Susanna Cenni, Alessandra Terrosi. 

Il viaggio si è  concluso a Roma con l'accoglienza da parte del Ministro per i Beni e le Attività Culturali Dario Franceschini.

Obiettivo del Tavolo di Lavoro, che si è tenuto Strasburgo dal 20 al 22 giugno, è produrre le linee guida di riferimento per il riconoscimento di un Itinerario da parte del Consiglio d'Europa, la più antica Organizzazione per la tutela dei Diritti Umani e le Pari Opportunità.

Maggiori dettagli sulla Tavolo di lavoro per l'Accessibilità degli Itinerari Culturali del Consiglio d'Europa al seguente link:  http://culture-routes.net/events/cultural-routes-training-academy-2022-june-2016.




--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI