Cerca nel blog

sabato 15 ottobre 2016

BARI: ANCI ED ENEL SIGLANO PROTOCOLLO SU CITTA' RESILIENTI



In occasione della Giornata Mondiale della Resilienza (International Day for Disaster Reduction) promossa dalle Nazioni Unite



Bari, 15 ottobre 2016 – Enzo Bianco, Sindaco di Catania e Presidente del Consiglio Nazionale ANCI e Carlo Tamburi, Direttore di Enel Italia, hanno siglato lo scorso 13 ottobre, in occasione della XXXIII Assemblea Nazionale dei comuni d'Italia in corso di svolgimento a Bari, un protocollo finalizzato ad aumentare la sensibilità di istituzioni e operatori italiani ai temi e agli investimenti che rendano più resilienti le città italiane mettendo a servizio del Paese le proprie esperienze e competenze.

In particolare ENEL e ANCI mirano a stimolare l'adesione delle Città Italiane alla campagna delle Nazioni unite "Making cities resilient", guardando ai Sindaci quale fulcro di decisioni essenziali sul territorio e motore per l'attuazione di piani operativi.

Il 13 ottobre è stata anche la Giornata Mondiale della Resilienza promossa dalle Nazioni Unite.

Proprio uno studio delle Nazioni Unite rivela che dal 2000 il numero di abitanti delle città è decuplicato. Nel 2025 una persona su cinque vivrà in megalopoli sempre più in rapida espansione.

Per far fronte a questo fenomeno e per prevenire gli effetti delle catastrofi naturali i governi di tutto il mondo sono chiamati a seguire il modello della città resiliente.

Se si pone infatti l'orizzonte al 2050, tre-quarti della popolazione mondiale abiterà in città.

L'espansione urbana e l'incremento delle nascite si concentreranno soprattutto nei paesi in via di sviluppo, ciò nonostante, le autorità locali di tutto il mondo sono sempre più sensibili alla prevenzione degli effetti dell'aumento demografico, del cambiamento climatico e della sicurezza alimentare.

La città resiliente è la risposta alla necessità di un ingente miglioramento della qualità ecologica, ambientale e della vita all'interno delle realtà urbane.

ANCI da sempre impegnata con le amministrazioni locali per far fronte al rischio di calamità naturali crede nel ruolo della comunicazione tra gli amministratori municipali, il sistema di protezione e difesa civile, i cittadini e le aziende.

Enel, da sempre attenta ai temi della resilienza nell'interesse delle persone che vivono nei territori in cui si trova ad operare e per la sicurezza del proprio personale, è membro della Private Sector Alliance for Disaster Resilient Societies (ARISE) delle Nazioni Unite con il ruolo di Vice Presidente.

L'azienda mette in campo tutta la sua esperienza in materia di sicurezza delle infrastrutture con particolare riguardo alla valutazione dei rischi e all'adozione di misure di prevenzione e gestione nel caso di emergenza, oltre all'implementazione di forme innovative di partnership che creino sinergie ed opportunità di tutela del territorio e di aumento della resilienza all'insegna della sostenibilità ambientale, sociale ed economica.

Enzo Bianco ha dichiarato: "Siamo impegnati ormai da anni a promuovere presso i Comuni, ma anche le nostre comunità, la cultura della resilienza. Questo accordo con Enel rafforza la nostra mission finalizzata a territori più sicuri, soprattutto nelle aree interne, ovvero quelle più esposte ai rischi di dissesto e più vulnerabili rispetto alle calamità naturali. Sono contento di poter ricordare che la campagna 'Città resilienti' ha visto proprio nella mia città, Catania, una delle sue prime fondamentali tappe, dopo la presentazione a Firenze, nel 2013. Le città che hanno aderito sono già 130 e da oggi, grazie all'importante accordo con Enel, rilanciamo le iniziative per l'adesione di ulteriori 100 Comuni".

Carlo Tamburi ha dichiarato: "Promuovere la cultura della sicurezza è uno dei valori fondanti di Enel. Questo Protocollo è finalizzato ad implementare lo scambio di esperienze e competenze nella prevenzione dei rischi e più in generale per la gestione del sistema di protezione civile. Il ruolo dell'ANCI è centrale in questo progetto. Come Enel vogliamo mettere a disposizione anche le esperienze internazionali in materia di resilienza introducendo le 'buone pratiche' che svolgiamo come membri dell'ARISE per l'Organizzazione delle Nazioni Unite".


--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Follow by Email