Cerca nel sito

mercoledì 14 settembre 2016

804 milioni di fatturato (+ 3,1%) per la vendita diretta in Italia nel primo semestre 2016, realizzato grazie a un esercito di 137mila venditori, in grande maggioranza donne

Il presidente di Univendita Ciro Sinatra: «In uno scenario economico incerto la vendita a domicilio registra ancora una volta una dinamica migliore rispetto al commercio tradizionale: merito di una forza vendita che si guadagna ogni giorno sul campo la fiducia dei consumatori».

Il primo semestre 2016 delle imprese associate Univendita si è chiuso con un fatturato di 804 milioni e 934mila euro, con un incremento del 3,1% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. 

Dopo il primo trimestre che aveva segnato un +2,8%, la vendita a domicilio consolida l'incremento per l'anno in corso nonostante l'economia italiana stia attraversando una fase di debolezza che, secondo l'Istat, proseguirà anche nei prossimi mesi.

«La vendita a domicilio registra ancora una volta una dinamica migliore rispetto al commercio tradizionale  –commenta il presidente di Univendita Ciro Sinatra– e la ragione è semplice: in questa modalità di vendita gioca un ruolo fondamentale la componente umana, il fatto che il venditore "ci metta la faccia", un indubbio vantaggio competitivo rispetto agli altri canali. In questi anni di crisi dei consumi l'andamento sempre positivo della vendita diretta ha rappresentato un'eccezione nel panorama del commercio. Oggi, in un quadro economico complessivo che resta incerto, i risultati delle aziende associate Univendita sono decisamente più brillanti rispetto ai dati espressi dalle vendite al dettaglio. E il fattore in grado di fare la differenza è la forza vendita, composta da professionisti preparati che si guadagnano sul campo, giorno per giorno, la fiducia dei consumatori».

Analizzando nel dettaglio i risultati di Univendita, il comparto più dinamico è stato quello degli "alimentari e dei beni di consumo casa", con un incremento del 5,6%, seguito dai "beni durevoli casa" (+2,5%), che con una quota di mercato del 58% si conferma il comparto più importante della vendita diretta a domicilio; la "cosmesi e cura del corpo", si attesta a quota + 1,5%. 

Gli "altri beni e servizi" mettono a segno un incremento del 7,4% grazie soprattutto al risultato positivo del comparto viaggi e turismo.

Il numero degli addetti rimane stabile rispetto allo stesso periodo del 2015, con oltre 137.000 venditori, importante la componente femminile pari al 91,8%.

Quanto al commercio tradizionale, secondo i dati Istat, nel primo semestre del 2016, il valore delle vendite del commercio fisso al dettaglio è cresciuto dello 0,4% rispetto allo stesso periodo del 2015. Le vendite della grande distribuzione sono aumentate dello 0,8%, mentre quelle dei piccoli esercizi commerciali hanno avuto una variazione nulla.


Univendita (www.univendita.it) Qualità, innovazione, servizio al cliente, elevati standard etici. Sono queste le parole d'ordine di Univendita, la maggiore associazione del settore che riunisce l'eccellenza della vendita diretta a domicilio.

All'associazione aderiscono 17 aziende: AMC Italia, Avon Cosmetics, bofrost* Italia, CartOrange, Conte Ottavio Piccolomini d'Aragona, Dalmesse Italia, Fi.Ma.Stars, Jafra Cosmetics, Just Italia, Lux Italia, Nuove Idee, Ringana Italia, Tupperware Italia, Uniquepels Alta Cosmesi, Vorwerk Contempora, Vorwerk Folletto, Witt Italia che danno vita a una realtà che mira a riunire l'eccellenza delle imprese di vendita diretta a domicilio con l'obiettivo di «rafforzare la credibilità e la reputazione del settore tra i consumatori e verso le istituzioni». Univendita aderisce a Confcommercio.

La vendita diretta in Italia, come riferito da Il Sole 24 Ore, nel 2015 ha generato un fatturato complessivo di 3,1 miliardi di euro; Univendita, con vendite pari a 1,6 miliardi, rappresentail 52% del mercato.

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI