Cerca nel blog

martedì 30 giugno 2015

Come lavorano gli Europei?: app interattiva per analizzare attitudini e condizioni della vita lavorativa in Europa

Come lavorano gli Europei?
Quale Paese in Europa detiene il maggior numero di laureati?
Dove sono gli stipendi più alti?
Quante ore si lavora in media nei diversi Paesi?
Chi sono i lavoratori più produttivi?
Dopo aver scoperto come vivono le persone in Europa, Qlik analizza attitudini e condizioni della loro vita lavorativa



Milano, 30 giugno 2015 Qlik® (NASDAQ: QLIK), leader nella data discovery presenta la seconda fase dell'app "Quanto sei Europeo?" contenente dati e informazioni provenienti da tutti i 28 paesi dell'Unione Europea. Stavolta l'analisi fornisce una panoramica completa su somiglianze e differenze tra i singoli paesi dell'Unione nella vita lavorativa, prendendo in considerazione le informazioni relative a qualifiche, percorsi formativi, stipendi, settori d'impiego, ore di lavoro, produttività etc.

Esplorando gratuitamente l'app (http://howeuropeanareyou.eu/it/) si possono scoprire curiosità interessanti come:
·         In Francia, Spagna e Gran Bretagna si registra il maggior numero di laureati;
·         Nei paesi scandinavi si passano quasi 20 anni a studiare e, in media, gli stipendi sono abbastanza elevati.
·         Il tasso di possibilità di disoccupazione in Italia (5,5%) è ben più vicino al Paese con il tasso più basso (Germania, 3,2%) che a quello con il tasso più alto (Spagna, 17,7%);
·         In Grecia si lavora ben 42 ore alla settimana, mentre nei Paesi Bassi poco più di 30 e per di più senza alcun impatto sul salario (4° paese "meglio pagato" dell'Unione europea);
·         In Lussemburgo si percepiscono i salari più alti (52.000 € mensili). In Italia non arriviamo nemmeno a 25.000 €. Il salario medio europeo si aggira intorno ai 26.000 €
·         La produttività media oraria in Italia si avvicina alla media europea, 31 € l'ora contro i 33 € di media. Parecchio distante però dalla produttività più elevata del Lussemburgo: ben 54 € all'ora!
Pablo Calderón Martínez, il professore di Studi Europei al Kings College di Londra che ha lavorato allo sviluppo dell'applicazione insieme a Qlik, commenta così: "Questa seconda fase del progetto segue un andamento simile a quella precedente; analizzando come le persone si comportano nel mondo del lavoro in Europa, riusciamo a confermare o sfatare stereotipi e a scoprire novità interessanti. Da un lato, si conferma l'idea ormai consolidata che la produttività abbia maggior peso delle ore effettivamente lavorate, dall'altro si ammette che nei Paesi in cui la produttività è alta, gli stipendi sono commisurati mentre il rischio di disoccupazione è molto basso".

"Dai grafici è semplice intuire che il livello di istruzione generalmente è legato all'andamento dell'occupazione; i Paesi forti nel settore del manufacturing hanno percentuali più elevate di persone diplomate, mentre dove la produzione è meno forte, il numero di laureati è più alto. Questi risultati sono solo una conferma di ciò che sapevamo già da tempo. Quello che invece realmente sorprende sono i dati che dimostrano una certa parità tra uomo e donna nel livello di istruzione".

"Tutti abbiamo una vaga idea dell'approccio al lavoro delle diverse popolazioni europee, ma con Qlik è possibile scoprire se le nostre sono solo supposizioni oppure se effettivamente abbiamo un'idea corretta di ciò che accade in Europa", ha dichiarato John Sands, Qlik Evangelist. "E' facile dire che in alcuni Paesi si lavora di più rispetto ad altri, o che in alcuni mercati occorre avere una laurea per avere una buona posizione, mentre in altri non è fondamentale. Quello che abbiamo fatto noi è raccogliere una grande mole di informazioni per renderle visive in modo da consentire a tutti di scoprire curiosità e dati interessanti sul fenomeno lavoro in Europa".



A proposito di Qlik

Qlik (NASDAQ: QLIK) è un leader nella Visual Analytics. L'offerta di prodotti soddisfa i bisogni sempre crescenti dei clienti, dal reporting all'analisi visuale self-service, fino alle analitiche guidate, integrate e personalizzate. Circa 35.000 clienti si affidano alle soluzioni Qlik per dare significato alle informazioni provenienti da varie fonti, esplorando le relazioni nascoste tra i dati che portano a intuizioni e attivano buone idee. Con headquarter a Rednor, Pennsylvania (USA), Qlik ha uffici in tutto il mondo e più di 1.700 partner che operano in oltre 100 paesi.

Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *