Cerca nel blog

lunedì 29 giugno 2015

Nasce Carrer Bike, legno, stile e tecnologia per la nuova bicicletta presentata a Milano il 9 luglio

Open Day a Milano, Fonderia Napoleonica, 9 luglio 2015 ore 11.00 - 19.00

Nasce Carrer Bike bici da strada su misura con telaio in legno

La bicicletta che abbina un telaio artigianale in legno e strumenti moderni prende vita dopo più di due anni di ricerche. Numerata, da collezione, fatta per durare e acquistare valore nel tempo, riassume in meglio del Made in Italy con un occhio alle eccellenze estere.


Bibione (VE) 29 giugno 2015 – Ha il cuore in Italia e guarda anche al meglio che c'è all'estero, con il proposito di diventare brand internazionale, Carrer Bike, la nuova bicicletta che unisce l'essenza dell'artigianalità italiana,  -il telaio realizzato in legno da maestri d'ascia - all'accurata selezioni dei particolari e alla componentistica di alto livello. I quattro modelli Bibione, Maranello, Milano e Valgrande, si acquistano, con tempi di attesa di circa tre mesi, on-line e nel cantiere di produzione tra Veneto e Friuli Venezia Giulia, dove per oltre due anni il progetto ha preso forma. Costo: a partire da 6.000 euro. L'occasione per vederla, toccarla con mano, provarla, è giovedì 9 luglio prossimo a Milano: Open Day alla Fonderia Napoleonica in via Theon di Revel 21, dalle 11:00 alle 19:00.

Carrer Bike nasce dall'idea di Gianni Carrer, imprenditore, laurea in architettura e passione per le barche in legno, ed è stata realizzata grazie all'incontro con i maestri d'ascia Attilio e Renato Perin, nati professionalmente nel cantiere navale Camuffo, il più antico al mondo. Il nome della bicicletta è quello del suo ideatore, perché rimanda alla paternità del progetto e perché è allo stesso tempo un nome "internazionale", in molte lingue è leggibile e acquista significato (dal Karrer tedesco, Carrer spagnolo, Carrér francese, ad esempio). La ricerca di Gianni Carrer è durata più di due anni e ha riguardato la costituzione del team di lavoro che annovera professionisti tra i migliori dei rispettivi settori e soprattutto la messa a punto del pezzo forte: il telaio in legno, unico, così come ogni albero unico è in natura.

Perché il legno? Nessun altro materiale può avere le sfumature, il calore e la piacevolezza al tatto del legno, materiale vivo, naturale, elegante, bello, resistente e dinamico. Perché un telaio in legno? Il telaio in legno rende la pedalata morbida e confortevole, grazie alle caratteristiche intrinseche del materiale, che interrompono le vibrazioni trasmesse dalla strada alle ruote. Poi, un telaio in legno è irripetibile: la dimensione di un nodo, il colore di una venatura sono elementi che lo impreziosiscono, rendendolo assolutamente originale. 

Per le Carrer Bike sono state provate tante essenze e poi scelte quelle più "stabili": Rovere, Frassino, Wengé, Olmo, Ebiara; i legni sono selezionati con cura, l'attenzione alla stagionatura è massima: la stabilità del materiale è indispensabile per rendere una Carrer Bike bella da vedere ed eccezionale da usare. Tutte le parti in legno sono rigorosamente costruite  a mano e passano controlli di tolleranza paragonabili ai migliori maestri dell'arte orologiera.  

La chiusura dei telai e l'installazione della componentistica è la parte conclusiva del processo di verifica della qualità. Il montaggio è fatto seguendo ogni particolare e la verniciatura finale un passaggio lento – paragonabile a quello delle barche-  fatto aspettando pazientemente l'asciugatura di ogni mano, prima di passare ad un'altra. 

Ogni elemento è fatto a regola d'arte e per quanto possibile, fatto in Italia, e più precisamente le alchimie che hanno generato l'idea sono tutte strettamente italiane - designer, artigiani, concept - e a queste si sono aggiunti elementi esteri d'eccellenza (es. le selle Brooks, produzione UK e proprietà italiana). C'è grande attenzione all'artigianalità e alla manualità: il telaio è lavorato a mano; le ruote assemblate ed assestate da mani esperte, la componentistica adeguata e accuratamente scelta. 

Una ricerca lunga che alla fine ha pagato con la bellezza del prodotto finale. La qualità di ogni Carrer Bike è garantita da una serie scrupolosa di collaudi effettuati in laboratorio e in corso del montaggio. A parte i test previsti dalla severa normativa vigente, le bici sono sottoposte a particolari prove di resistenza ad urti, usura, variazioni climatiche, resistenza agli agenti corrosivi dell'uso quotidiano e test sul strada condotti da ciclisti professionisti.

Carrer Bike è una bicicletta destinata a durare nel tempo e non per essere un prodotto di passaggio, e ad essere tramandata da padre in figlio.


I quattro modelli

Bibione - E' il  modello in  Ebiara, legno dalla buona resistenza meccanica e venature eleganti.
Riporta fregi verniciati in colore bianco come il cerchione che monta gomme Maxxis Detonator. La  sella è una Brooks Cambium in gomma naturale e cotone organico, completa di borsa porta attrezzi. Forcelle in carbonio Columbus. Il gruppo è l'intramontabile Campagnolo Veloce. Reggisella e piega  FSA. Porta il nome della località balneare veneta sede della Carrer Bike.

Maranello - La più sportiva e performante tra i modelli Carrer. Monta componentistica di fascia superiore adatta a chi desidera un utilizzo più agonistico. Il legno di Olmo, tenace e resistente, conferisce grande aggressività. Riporta fregi verniciati in colore nero. Le ruote sono Campagnolo Bora One 50 con gomme Maxxis Detonator. Sella Italia Superflow, forcelle in carbonio Columbus. Il gruppo è l'ottimo Chorus Campagnolo. Reggisella e piega FSA.

Milano - Bicicletta che spicca per l'energia del colore Blu Royal della sella Brooks in cuoio, delle forcelle Columbus, delle gomme Maxxis Detonator e della preziosa borsa porta attrezzi.
Il legno è l'Iroko dall'elevata durevolezza ma che si fa lavorare bene, è destinato a durare nel tempo, ottima la stabilità alle escursioni termiche. I fregi si differenziano dagli altri modelli per le scritte in corsivo poste sul carro posteriore. Cerchi in alluminio satinato, gruppo Campagnolo Veloce, Reggisella e piega FSA.

Valgrande - Aspetto elegante conferito dalla venatura del nero Wengè, legno  duro, compatto e con struttura fibrosa. La sella è l'inconfondibile Brooks Cambium nera, completa di borsa porta attrezzi che conterrà anche il kit di mantenimento. E' l'unico modello bicolore dove sono stati inseriti particolari in Frassino. Ispira immagini di strade di campagna tra boschi e ambienti lagunari. Le forcelle sono sempre le Columbus in carbonio, gruppo Campagnolo Veloce, reggisella e piega FSA. Monta gomme Schwalbe di colore beige.

Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *