Cerca nel blog

domenica 26 ottobre 2014

Mesolella e Raiz in “Dago Red” Con “Buio al MARTE”, si inaugura il nuovo percorso musicale della mediateca

Mesolella e Raiz in "Dago Red"
Con "Buio al MARTE",  si inaugura il nuovo percorso musicale della mediateca


Atmosfere mediterranee, omaggio allo scrittore John Fante e alla musica classica napoletana riscritta in chiave "word music"



Giovedì 30 ottobre 2014 ore 21.30




 MARTE Mediateca, Arte, Eventi | C.so Umberto I, 137 - Cava de'Tirreni (Sa)

Il Marte Mediateca di Cava de'Tirreni, giovedì 30 ottobre ore 2014 ore 21.30, presenta il concerto Dago Red, dall'ultimo lavoro prodotto da Fausto Mesolella (Piccola Orchestra Avion Travel) e Raiz (Almamegretta). La serata si profila come una cena/spettacolo, in collaborazione con la Vineria BUIO di Nocera Inferiore, all'interno del nuovo percorso musicale intitolato "Buio al Marte".

Il Concerto: DAGORED. Prodotto da Fausto Mesolella e Raiz, il disco contiene 8 brani classici della canzone napoletana riletti e contaminati in modo assolutamente eclettico. "Ipocrisia" è il primo singolo estratto dal nuovo album di Raiz, voce storica della dub band napoletana Almamegretta e Fausto Mesolella, chitarrista e produttore degli Avion Travel.
Dago Red, che potrebbe essere tradotto approssimativamente come "Il vino rosso del terrone", intendendo cioè il vino "rosso" degli immigrati d'origine italiana, perché Dago era uno dei molti modi in cui, con un certo disprezzo, si potevano chiamare gli italiani d'America, è il titolo di una raccolta di racconti (e di un racconto in particolare) dello scrittore italo-americano John Fante.
I due artisti raccontano: <<Ci piaceva molto l'idea del vino rosso paesano, quello che forse non è amato dai palati raffinati dei sommeliers, ma che è forte, sincero ed inebriante. Abbiamo rivisto a nostro modo nove classici della canzone napoletana lasciando lo spazio aperto alla contaminazione con ciò che napoletano non è ma che altrettanto ci appartiene. In questo lavoro la nostra anima rock, soul, blues, reggae fa pace - o ci prova! - con l'altra sua parte, quella che appartiene alla canzone della terra dove siamo nati e cresciuti. Ecco come "a muntagna", la montagna di "Tu ca nun chiagne" diventa "the mountain" che scalano gli Who in "See me, Feel me" o l'emigrante di "Lacreme Napulitane" è lo stesso "Immigrant Punk" dei Gogol Bordello; nella "Carmela" di Sergio Bruni e Salvatore Palomba ad un certo punto parla Leonard Cohen ("I'm Your Man") e la guerra descritta in "O surdato Nnammurato" viene esorcizzata da "Give me Love" di George Harrison. Tutto scorre senza confini musicali, culturali ed ideologici: persino "Maruzzella" fa un bagno nel mediterraneo orientale e si reinventa in ebraico; un viaggio a ritroso in un Sanremo di metà anni '70 ci regala l'opportunità di ricantare Angela Luce e la sua "Ipocrisia". Questo disco è esattamente quello che siamo noi: due artigiani della canzone che propongono una visione della musica (e della vita) senza pregiudizi di nessun tipo>>.


Chi ascolta si ritrova a fare un viaggio senza passaporto attraverso diverse anime musicali che finiscono con il trovare molti punti connessione. Una musica in cui coesistono con pari dignità anime diverse è anche vista dal duo come un'anticipazione dell'unica futura umanità possibile: quella capace di conservare la differenza per favorire confronto, condivisione e crescita collettiva invece che come arma da brandire contro chi è "diverso".

Il percorso enogastronomico è a cura della Vineria BUIO, ristorante, enoteca, braceria di Nocera Inferiore. Il locale, diventato luogo di ritrovo dell'intera provincia salernitana - anche grazie ad un lavoro di riqualificazione culturale sul territorio, con la realizzazione di importanti rassegne di musica - è situato nel cuore della città, nei pressi dello storico Teatro Comunale Diana. Quello della Vineria BUIO sarà un viaggio attraverso i sapori.

Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *