Corriere del Web

Cerca nel blog

sabato 17 febbraio 2018

Mercato immobiliare. La casa? Ancora un buon investimento, ma romani frenati da tasse e normative - Osservatorio Sara

IL MATTONE? 

PER I ROMANI È ANCORA UN BUON INVESTIMENTO MA SONO SEMPRE PIÚ FRENATI DA TASSE E NORMATIVE

Se il 68% dei romani crede ancora nel valore del mattone, quasi la metà (49%) teme gli effetti di normativa e tassazione.

La proprietà vince comunque sull'affitto: il 93% preferisce vivere dentro le proprie mura.


Per gli italiani la casa è da sempre un grande bene sia economico che affettivo. Un aspetto – questo - che trova conferma anche a Roma: secondo l'ultima ricerca dell'Osservatorio di Sara Assicurazioni, la compagnia assicuratrice ufficiale dell'Automobile Club d'Italia, infatti, più della metà dei romani (68%) crede ancora nel valore del mattone, ma rispetto al passato ammette di avere molte paure.

La più grande preoccupazione è legata alle fluttuazioni del mercato immobiliare (53%), seguito dall'incertezza su tasse e cambiamenti normativi che - vuoi con l'introduzione di obblighi o il venir meno di agevolazioni e detrazioni - preoccupa quasi la metà dei romani (49%). A suscitare timori è anche il potenziale peggioramento del contesto ambientale circostante, provocato dal degrado, da interventi edilizi o da aumenti del livello di criminalità e inquinamento della zona (43%), ma anche gli eventi catastrofali (30%).

Nonostante queste preoccupazioni, l'abitazione continua a rivestire un ruolo molto importante come investimento per il futuro proprio e della propria famiglia, vedendo nel patrimonio immobiliare un lascito per i propri figli (36%), una forma di investimento finalizzata all'affitto (42%) o alla rivendita (19%), oppure un bene rifugio per tempi incerti (3%).

Secondo i dati emersi dalla ricerca, poi, proprietà batte affitto 1 a 0: ben il 93% degli intervistati preferisce infatti abitare in una casa di proprietà rispetto alla casa in affitto. Il 64% dei romani, in particolare, investirebbe nella sua stessa città, il 15% all'estero e l'8% in campagna.

Non tutti, però, la pensano così: il 13% dei romani, infatti, non crede nel valore del mattone come bene di investimento e l'8% preferirebbe l'affitto alla proprietà perché – afferma – comporta meno responsabilità ed è una forma più flessibile, che permette di spostarsi con più agilità (50%).

Ma come proteggere il valore dell'abitazione? Il 49% dei romani ritiene che di fatto non sia possibile tutelarsi, mentre per il 34% la soluzione è tenersi sempre aggiornati sulle novità normative e l'andamento del mercato immobiliare. Un altro 13% si proteggerebbe con una polizza assicurativa specifica e il 21% si rivolgerebbe a un consulente.

"La nostra ricerca evidenzia come la casa per gli italiani continui a rappresentare un bene molto importante, non solo come ambiente di vita per l'individuo e per la famiglia ma anche come forma di investimento per il domani. Considerata la sua importanza, l'abitazione è allora uno fra i beni che meritano maggiore attenzione e tutela e che è quindi fondamentale proteggere con adeguate coperture", commenta Marco Brachini, Direttore Marketing, Brand e Customer Relationship di Sara Assicurazioni.

1Indagine CAWI condotta dall'istituto di ricerca Nextplora nel 2017 su di un campione rappresentativo della popolazione italiana per quote d'età, sesso ed area geografica.

Sara Assicurazioni
Sara Assicurazioni, primo esempio europeo di joint venture tra un'associazione di consumatori - l'ACI - e una compagnia di assicurazioni, è nata nel 1946 con l'obiettivo di mettere a disposizione degli automobilisti un'ampia gamma di servizi assicurativi. 

Sara Assicurazioni è ad oggi la compagnia ufficiale dell'Automobile Club d'Italia ed è punto di riferimento per le famiglie italiane e per tutte le esigenze legate alla sicurezza personale, patrimoniale e del tenore di vita. 

La sua organizzazione commerciale è formata da una struttura che comprende oltre 400 agenzie e circa 1.500 punti vendita. 

Oltre a Sara Assicurazioni, del Gruppo fa parte Sara Vita, compagnia specializzata nell'area del risparmio, della previdenza e della tutela, con un'offerta articolata anche nell'area degli investimenti.


--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *