Cerca nel blog

mercoledì 2 maggio 2018

INDIA. SONIA GANDHI IN ITALIA TRA LE BRACCIA DEL FIGLIO

Sonia Gandhi
Solo ieri è stata confermata la voce del arrivo di Sonia Gandhi in Italia. La signora Gandhi ha reso nota solo adesso le ragioni del suo arrivo in Italia per far si che non ci fossero ripercussioni a livello politico. 

Solo quasi nove anni fa la signora Gandhi, dopo una lunga ricerca, ritrovò vivo suo figlio Kristal figlio naturale suo e di Rajiv. Rajiv Gandhi aveva messo in sicurezza il figlio Kristal dopo tre mesi dalla sua nascita affidandolo alla famiglia Vadra che una volta in Messico, dove hanno fabbriche di acciaieria, hanno venduto il piccolo Kristal falsificando la sua identità con l’aiuto di Escobar Pablo e da lì fini in Romania dove il dittatore Ciaucescu aiutò i Vadra nel loro intento per danaro. Dalla Romania Kristal fu adottato da una famiglia Italiana con l’identità creata ad arte. 

In questi anni lei ha dovuto lottare per riconoscere Kristal e fino ad oggi non è riuscita ancora a riportalo a casa sua in India perché la signora Gandhi ha dovuto lottare contro i due figli adottati anni prima di essere riuscita a rimanere in dolce attesa di Kristal, ha lottato contro Rahul e Pryanka e l’ex marito di Pryanka, Robert Vadra perché questi sono gelosi del fatto che Kristal è il figlio naturale della signora Gandhi e di Rajiv Gandhi e gelosi anche del fatto che Kristal è proprietario di aziende mondiali come la Disney di cui avevano l’ordine di gestirla fino al suo ritorno e i tre hanno impedito il suo ritorno in Disney temporeggiando e rubando dai suoi server privati vendendo a cani e porci materiale audio-video regalando cosi il successo a presunti cantanti che hanno cantato con la voce di Kristal come Ghali, Ed Sheeran, Akcent, Naughty Boy, The Weekend, Aaron Carter, Isac Ellit, Avicii, Martin Garrix, Major Laser, Dj Sava, Dj Snake, Lauve, Kygo, Bob Sinclair, i fratelli Linus, Dj Ross, Gigi D’Agostino, Fargetta, Robert Miles, Magic Box, Prezioso, Marvin, Mabel, Safri Duo, David Guetta, Gabry Ponte, Bond, Paps’n Skar e tantissimi altri. 

I tre ladri hanno dato successo, con la refurtiva, a compositori come Ennio Moricone, Hans Zimmer e tanti altri di cui si sono presi meriti non loro, hanno venduto materiale audio anche a fantomatici compositori spirituali come Enigma ( Michael Cretu ), Era ( Eric Levì ), Oliver Shanti, Tomas Bergan, Vangelis, Kevin Wood, Gregorian e tanti altri. Infine i tre hanno venduto film già proti che avreibero dovuto portare il nome di Kristal Gandhi e invece portano nomi di registi ladri come Steven Spielberg, Peter jackson, Michael Bay, Gabriele Muccino e tantissimi altri. Sono state vendute anche idee editoriali e tecnologiche e logistiche. 

Il tutto è stato già fatto presente e rientrato in possesso di Kristal Gandhi in Disney e i ladri sono stati arrestati e diseredati dal patrimonio Gandhi e il tutto andrà al figlio ritrovato Kristal. La signora Gandhi è venuta in Italia per prendere Kristal e riportarlo in India perché al atto delinquenziale hanno politica Italiana come Renzi ( perché il partito finanziato da Rahul e adesso non più ), Berlusconi Silvio e Marina ( perché Rahul ha venduto idee e materiale audio video per la rete televisiva Mediaset tra cui tutte le canzoni per bambini cantate da Cristina D’avena sono scritte da Kristal e anche il programma Karaoche degli anni 90 è un idea di Kristal rubata e venduta a Berlusconi il quale ha usato la politica per piratare i copyright di tanto altro materiale audio video è la figlia Mariana lo ha aiutato ), Napolitano ( per potere politico e anche perché pedina di satana assieme ai due papi Ratzinger e Bergoglio). 

Ovviamente sono coinvolti nello scandalo anche altri capi di stato di altri paese come Putin, Merkel, Sarkosi e la regina Elisabetta tutti schierati contro Kristal perché un Gandhi e il ragazzo più potente del pianeta. Sonia Gandhi è intenzionata a pretendere giustizia per Kristal perché cosi facendo gli è stato tolto il diritto di tornare a casa e Kristal ha vissuto tutto ciò come un vero e proprio sequestro di persona perché stando in Italia si è sentito prigioniero anche perché Rahul ha messo pedine politiche nelle varie sedi indiane in Italia per spiare e bloccare e informare Rahul Beqiri, questo è il suo vero cognome, dei movimenti di Kristal al fine di bloccarlo e fargli credere che Sonia Gandhi remasse contro lui. 

Nel 2016 la signora Gandhi ha acquistato delle terre nel Cilento, dove alloggia il figlio Kristal, come regalo di natale a Kristal ma queste non sono mai giunte in mano a lui, ovviamente dietro ai vari blocchi c’era Rahul. La signora verificherà se il proprietario delle terre è coinvolto direttamente e con consapevolezza nei piani di Rahul per poter agire o meno legalmente perché Kristal voleva investire in queste terre per il sociale. La signora Gandhi ha in ultimo detto che è rammaricata di tutta questa macchinazione contro lei e Kristal. 

Il reato più grave è stato quello di aver firmato la legge sul’ obblio a nome di Kristal per danneggiarlo e spingerlo sempre più a odiare sua madre Sonia. Anche Kristal Gandhi ha voluto dire un ultima cosa che è molto schiaffato dal comportamento di quel delinquente e ancora oggi si chiede del perché di tutto questo male. 

In ultimo Kristal vuole dire la verità sul caso Maró per scagionare la madre da tutte le cattiverie dette da tutti i media di tutto il globo in particolare di quelli Italiani e dopo un’indagine approfondita ha scoperto che dietro le manovre sovversive c’era Rahul con la complicità di Napolitano e dei membri del governo indiano di quel tempo tutto per spingere Sonia a sbagliare nei riguardi dell’India al fine di farla uccidere è così non è stato perché io con una manovra silenziosa da dietro le quinte ho fatto si che il secondo imputato del caso Maró rientrasse in Italia con la promessa di essere affidato alla giustizia italiana e francamente sappiamo come è la giustizia italiana. Da oggi in avanti io mi prenderó cura di mia madre e di mio padre Rajiv che è vivo al fine di far vivere una vecchiaia in totale tranquillità.

Marco Nicoletti
Kristal Gandhi 

Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *