Cerca nel sito

mercoledì 20 luglio 2016

Cantieri: come assicurare la sicurezza sul posto di lavoro



In Italia il fenomeno degli infortuni sul lavoro e quello ancora più funesto delle “morti bianche” è un decrescita, secondo gli studi dell’Inail, (Istituto nazionale assicurazione infortuni sul lavoro), le cifre mostrano una decrescita negli ultimi anni.
Tuttavia non si può e non si deve sottovalutare la questione.

Il tema della sicurezza sul luogo di lavoro in Italia deve rimanere di primaria importanza: si calcolano ancora, in media, 60 morti sul luogo di lavoro e oltre 50.000 casi di infortunio al mese (escluse le trasferte o i casi avvenuti “in itere”). Da qui si comprende come sia importante seguire e migliorare le norme di sicurezza sul lavoro.
Uno dei settori più a rischio di incidenti sul posto di lavoro è quello dell’edilizia con il 23% dei casi, e costituisce uno dei punti più sensibili nella battaglia della sicurezza.
La normativa vigente è stata esplicitata fin dal 1956 con il DPR 164/1956 (Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nelle costruzioni) , tuttavia questa era carente dal punto di vista della pianificazione della sicurezza e dei metodi per prevenire possibili situazioni di rischio. Queste carenze verranno successivamente risolte con la Direttiva Cantieri (92/57/CEE) della Comunità Europea e con il Dlgs 494/1996 e le successive disposizioni autonome. Attualmente tutta la normativa relativa ai cantieri è riunita nel capitolo IV (e allegati) del  il Dlgs 81/2008.
L’adozione di comportamenti e sistemi di prevenzione è essenziale nei cantieri quanto l’utilizzo di strumenti per il lavoro come utensili pneumatici e paranchi Milano.
Analisi dei rischi
Per la pianificazione della sicurezza nei cantieri la normativa ci mette a disposizione tre preziosi strumenti:
·         il Piano di sicurezza e coordinamento (PSC) previsto per i cantieri nei quali operano più imprese e che aiuta nella prevenzione e nella gestione dei rischi reali;
·         il Piano di sicurezza sostitutivo (PSS) da redigere nell’ambito dei lavori pubblici (dove non serva redigere il PSC) che sarà redatto dell'appaltatore o dal concessionario e non prevede la stima dei costi della sicurezza;
·         il Piano operativo di sicurezza (POS) documento redatto dal datore di lavoro dell’impresa esecutrice per pianificare la sicurezza e la prevenzione dei rischi in merito ad un singolo cantiere.
L’analisi per la sicurezza parte dall’elenco delle attività per l’esecuzione dell’opera, questo permetterà al progettista di individuare le migliori soluzioni tecnico-costruttive per eliminare o ridurre la possibilità di incidenti nel cantiere.
Questa analisi dei rischi può essere eseguita a priori o a posteriori, la differenza fra questi due approcci consiste nei casi analizzati: la prima è eseguita a partire da possibili rischi connessi all’attività in cantiere ed è di solito quella adottata nella maggior parte dei casi; la seconda si riferisce a casi avvenuti in passato che vengono presi a modello per studiare strategie preventive.
Prevenzione e protezione
Una volta che l’analisi dei rischi è stata portata a conclusione vanno attuate le misure per mettere in sicurezza il posto di lavoro, questi sono fondamentalmente di due tipi:
·         Prevenzione: misure atte a ridurre le possibili situazioni di rischio nel cantiere;
·         Protezione: strategie per limitare i danni qualora avvengano degli infortuni.
Fra gli ultimi possiamo annoverare i dispositivi di protezione (DP) individuale (DPI) o collettiva (DPC), queste sono di sicuro le più essenziali nella sicurezza nei cantieri, ponteggi, parapetti, reti anticaduta…) e l’adozione dei DPC è da considerarsi addirittura prioritaria rispetto a quella dei DPI.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI