Cerca nel blog

martedì 14 giugno 2016

Fedez - "Vorrei ma non posto " il mio successo più grande. / Intervista di Marco Nicoletti

Il contatore delle visualizzazioni sale sempre di più su YouTube.  È il video più visto in Italia e non solo , sono numeri da capogiro 40 milioni di persone hanno ascoltato , visto e ballato il tormentone dell'estate 2016 targato Fedez & JAX  " Vorrei ma non posto" . E su questo intervisto proprio Fedez che proprio dalla piattaforma di YouTube ha iniziato anni fa .
L'intervista al rapper Fedez, che ci parla di sé, della musica e di un interesse speciale per la cantante Emma.
È il fenomeno del momento. Non sbaglia un tormentone, i suoi concerti sono sold out, i premi per le vendite di dischi si moltiplicano così come le apparizioni in TV – ad Amici di Maria de Filippi, a X Factor etc ma fu  anche protagonista di un videogioco: Just Dance 2014 di Ubisoft, all’interno del quale è stata inserita la sua hit Alfonso Signorini (Eroe Nazionale). Fedez, classe 1989, rapper e cantautore nato dal web – in prima battuta è diventato un idolo su Youtube (ma “senza comprare pageviews”, ci tiene a precisare ndr) -, per poi sfondare anche al di fuori del mondo virtuale.
Ma se andiamo ancora più indietro troviamo Fedez in Corso Vittorio Emanuele, a Milano, mentre muove i primi passi di freestyle e inizia a capire che le rime e la musica rap sono destinati a diventare non solo la sua passione, ma anche il suo futuro. Attualmente Fedez sta lavorando al nuovo disco che, ovviamente, spera abbia lo stesso successo del precedente. E se i presupposti ci sono tutti, lui comunque mantiene aspettative ragionevoli: “Rimango con i piedi per terra, non per modestia ma per necessità. Non mi stimo meno di quello che sono, ma la discografia è un mondo in cui oggi sei primo e domani non si nessuno".

Fedez, com’è cambiata la tua vita con tutto questo successo in così poco tempo e a soli 24 anni?

Non mi aspettavo un tale cambiamento, così rapido e travolgente, anche se, devo essere sincero, delle avvisaglie e dei sentori che qualcosa di grosso fosse in atto c’erano. Questo evento (la presentazione del videogioco Just Dance 2014 ndr) è stato poi la classica ciliegina sulla torta, sono davvero felice che uno dei miei pezzi sia stato inserito nel game a fianco di nomi del calibro di Lady Gaga, Daft Punk e One Direction.

Quindi anche tu sei un appassionato di videogiochi?

A dire il vero, no. O meglio, non sono un videogiocatore assiduo e non amo i giochi di ruolo, mi piace però farlo in compagnia e Just Dance 2014 credo si presti molto per quelle serate in cui, ad esempio, si è tra amici, in casa e non si sa cosa fare. È un ottimo modo per stare insieme, ballare, divertirsi e ascoltare musica.

P​arlando proprio di musica e dei trend attuali, secondo te perché il rap in Italia ha così successo in questo momento? Perché tutti vogliono fare i rapper? E, soprattutto, perché di rapper donne che sfondano non ce ne sono in Italia?

In realtà in Italia c’è una ragazza molto brava, si chiama Baby K. Magari a livello di vendite, riconoscimenti o popolarità non ha ancora sfondato e deve ancora arrivare, ma sicuramente ha talento da vendere! È vero adesso il rap in Italia sta vivendo un momento d’oro, ma direi che sono già diversi anni che il genere “tira” anche da noi.

Ovviamente quando poi la gente si accorge che fai girare soldi, inizi ad avere tutti addosso…Immagino anche le ragazze! A tal proposito com’è cambiato il tuo modo di rapportarti con con il genere femmnile?

La notorietà, si sa, aumenta esponenzialmente il fascino di chiunque… Non che tu senza fama non avresti avuto successo con le donne, ma diciamo che la cosa sicuramente aiuta, no?
Beh, sicuramente! E direi che la vivo benone… Meglio così che niente, non credi?

Ma c’è stata qualche fan un po’ troppo irruente al limite dello stalking?

Mah, non lo so… non mi ricordo. Sicuramente qualche “eccesso di attenzioni” c’è stato, però niente che si avvicini al drammatico fenomeno dello stalking.


Tante fan poche certezze sentimentali ma tanto corteggiato. 

Diciamo che anche se sono giovane, ho già avuto alcune esperienze abbastanza dure e tormentate in campo sentimentale, fa parte del corso della vita, credo. Se mi definisco già disilluso? Direi “sni”. Però Emma Marrone la sposerei anche subito!

Il sodalizio con JAX vi ha premiato e anche tanto.  Il vostro pezzo è  già disco d'oro e vola alto. 

Ma sostanzialmente dice tutto e non dice niente.


Marco Nicoletti
Diritti Riservati

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Follow by Email