Cerca nel blog

venerdì 16 settembre 2016

Caccia, Lipu: con apertura stagione sarà strage di allodole. Prosegue la petizione al premier Renzi



caccia

Lipu
CACCIA: AL VIA LA STAGIONE VENATORIA. LIPU: "CACCIATORI PRONTI AD ABBATTERE QUASI DUE MILIONI DI ALLODOLE"

La specie è in calo vertiginoso: - 45% negli ultimi 15 anni. Lipu prosegue con la raccolta firme su www.lipu.it: "Renzi fermi la strage di allodole"
Quasi due milioni di allodole saranno uccise durante la prossima stagione venatoria. Lo denuncia la Lipu-BirdLife Italia alla vigilia dell'apertura della caccia in Italia, in programma domenica 18 settembre.

La caccia all'allodola, che apre il 1° ottobre per chiudersi il 31 dicembre, comporterà un grave danno alla popolazione di questa specie, che è calata del 45% nel periodo 2000-2014 soprattutto in Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna. 

Sono 1,8 milioni gli esemplari abbattuti ogni anno nel nostro Paese, pari al 73% del totale delle allodole uccise in Europa.

Per fermare questa strage e chiedere la cancellazione dell'allodola dalla lista delle specie cacciabili, la Lipu, dallo scorso mese di giugno, ha attivato una petizione sul proprio sito www.lipu.it grazie alla quale ha già raccolto oltre 30mila firme.

"Nostro obiettivo – dichiara il presidente della Lipu Fulvio Mamone Capria è ottenere un Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri (Dpcm) che vieti la caccia all'allodola, specie non più in grado di sopportare la pesantissima pressione venatoria cui è soggetta, in Italia e non solo".

Classificata come "Vulnerabile" dalla Lista rossa italiana, l'allodola, oltre a essere decimata dai cacciatori, grazie anche all'illecita e furbesca pratica di non annotare gli esemplari abbattuti sugli appositi tesserini, è minacciata dall'agricoltura intensiva: nidificando direttamente sul terreno, lo sfalcio dei prati in pieno periodo di nidificazione causa la distruzione del nido e la morte dei piccoli.

"Chiediamo ai cittadini di sostenerci firmando la petizione sul nostro sito – conclude il presidente Lipu – Raccolte le 50mila firme, chiederemo al presidente del Consiglio Matteo Renzi di proteggere in modo pieno e definitivo questa specie preziosa e bellissima".

SCHEDA ALLODOLA
In Italia l'allodola è nidificante, migratrice e svernante. Si riproduce in campi coltivati, pascoli, brughiere, praterie montane, prati stabili, medicai, dune sabbiose e steppe. 

La specie si trova in un "cattivo stato di conservazione", e secondo la Lista rossa italiana è "Vulnerabile". 

Secondo i dati Mito 2000, il suo calo è stato pari al 45% nel periodo 2000-2014. In Europa il suo declino si è fatto da "moderato" a "forte" in ben 19 paesi su 23 in Europa.

A livello europeo, secondo BirdLife International, l'allodola è "Spec 3", ossia è in declino in Europa ma non si concentra nel continente.  

Gli unici paesi europei in cui la specie è ancora cacciabile sono, oltre all'Italia (vedi Legge 157/92), la Francia, la Grecia, la Romania, Malta e Cipro (Allegato II/2 Direttiva Uccelli).

16 settembre 2016 


--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Follow by Email