Cerca nel sito

domenica 17 luglio 2016

Assicurazioni. Gli italiani “promuovono” la scatola nera: più che gli sconti interessa l’assistenza, lo rivela una ricerca Quixa

La compagnia online presenta QuixaBOX, il sistema satellitare con assistenza geolocalizzata, sconti sull'RC, bonus guida prudente e App dedicata

 

Milano, 17 luglio 2016Circa 8 italiani su 10 conoscono la scatola nera e il 65% degli assicurati la promuove come strumento per garantirsi assistenza e convenienza. 

A confermarlo è l'indagine "Stetoscopio – Il sentire degli assicurati italiani" promossa dalla compagnia online Quixa, che ha lanciato il sistema satellitare QuixaBOX.

 

Scatola nera: piace sempre di più, l'assistenza vince sugli sconti. 

In linea con gli ultimi dati segnalati dall'IVASS, che indicano una percentuale di contratti assicurativi con scatola nera pari al 16% del totale, l'analisi realizzata per Quixa dall'istituto di ricerca MPS Evolving Marketing Research ha rilevato un tasso di conoscenza e interesse in crescita verso i dispositivi satellitari negli ultimi due anni. 

Oggi infatti quasi l'80% degli italiani sa cos'è una scatola nera, contro il 72% del 2014

In particolare nel corso del 2015 è aumentata la "preparazione" dei cittadini del Nord Ovest, che oggi fanno registrare il tasso maggiore di conoscenza in Italia (81%), ma fino all'anno scorso erano in coda alla classifica perché solo il 67% aveva sentito parlare di scatola nera.

La ricerca conferma anche il gradimento in crescita dei dispositivi satellitari: se nel 2014 solo il 40% degli automobilisti era propenso a installarla, oggi ben il 61% la ritiene interessante, con punte del 69% tra gli intestatari di assicurazione delle regioni meridionali. 

Ad attirare sono soprattutto le funzionalità di assistenza: essere geo-localizzati per ottenere soccorsi o recuperare l'auto rubata (51%), chiamare aiuto premendo un pulsante o automaticamente in caso di incidente (47%), oltre ovviamente all'opportunità di ottenere uno sconto sulla polizza (46%) e sostenere le proprie ragioni in caso di incidente (43%)[1].

 

La proposta QuixaBOX. QuixaBOX è il sistema satellitare proposto da Quixa per consentire agli assicurati di ottenere un'assistenza ancora più rapida e puntuale, garantendo un costo sempre più conveniente. 

Si tratta di un dispositivo elettronico con assistenza satellitare GSM e GPS che consente di contattare i soccorsi in caso di necessità o rintracciare l'auto in caso di furto, grazie alla geo-localizzazione, al vivavoce e al tasto di emergenza integrato

Per chiamare la centrale operativa, attiva 24 ore su 24, è sufficiente premere un bottone: si riceve così il supporto immediato di un operatore specializzato, in grado di fornire assistenza per guasti e incidenti o aiuto per compilare la constatazione amichevole e ottenere informazioni. 

In caso di incidente la richiesta di intervento si attiva in automatico, individuando situazioni di emergenza anche se l'automobilista non è in grado di rispondere: è così possibile intervenire immediatamente con l'invio dei soccorsi grazie alla geo-localizzazione istantanea del veicolo.  

Il sistema garantisce anche uno sconto sulla garanzia responsabilità civile che può arrivare fino a un massimo del 40%, secondo il profilo dell'assicurato. 

In aggiunta, è possibile ottenere un'ulteriore riduzione del premio al rinnovo fino a 30 euro, grazie al bonus che premia lo stile di guida prudente e allo sconto per coloro che percorrono abitualmente pochi chilometri.

 

Una App in aiuto dell'automobilista. Tutte le informazioni sui propri viaggi e la propria auto sono sempre disponibili in tempo reale sia sul portale web sia sulla App dedicati a QuixaBOX. 

Attraverso l'applicazione mobile è possibile chiedere assistenza per furto, guasto e nel caso sia necessario soccorso, grazie all'apposito bottone SOS

La funzione CarFinder consente di individuare in ogni momento l'auto e di attivare la modalità di navigazione per raggiugerla, ad esempio nel caso in cui si sia dimenticato dove è parcheggiata. 

La App permette di monitorare lo stile di guida e i punti accumulati per il raggiungimento del bonus. Sono disponibili anche i dettagli di tutti i viaggi effettuati giorno per giorno, come chilometri percorsi, velocità media e itinerario, che è anche possibile condividere con chi si desidera. 

Grazie agli alert automatici, infine, l'automobilista può sapere tempestivamente se viene superato un limite di velocità massimo precedentemente impostato o se l'auto esce da un raggio predefinito.

 

"Le nuove tecnologie ci consentono non solo di offrire prodotti sempre più completi e flessibili ai nostri clienti, ma soprattutto di garantir loro maggiore sicurezza." – afferma Filippo Sirotti, CEO di Quixa – "Con QuixaBOX abbiamo voluto rispondere a due diverse esigenze: quella di essere assistiti in maniera efficiente e rapida, che abbiamo rilevato essere la prima richiesta da parte degli automobilisti, unita alla possibilità di risparmiare e ottenere un prezzo che premi i guidatori più virtuosi."

 

QUIXA

QUIXA è un marchio di AXA Global Direct Seguros y Reaseguros S.A.U., società del Gruppo AXA che opera nel mercato della vendita di polizze auto online. La compagnia è attiva in Spagna con il marchio Direct e in Italia con il marchio QUIXA.

QUIXA è specializzata nella vendita di polizze auto tramite Internet (www.quixa.it) in Italia. Attiva da settembre 2008, la compagnia propone una formula innovativa che unisce ai vantaggi delle assicurazioni auto dirette – prezzo competitivo e multicanalità – un'estrema attenzione alla qualità del servizio al cliente, assicurato dalla presenza di un team di professionisti specializzati.

 

Il Gruppo AXA

Con 161.000 dipendenti e 103 milioni di clienti in 59 Paesi, il Gruppo AXA è tra i leader mondiali nel settore della protezione assicurativa e dell'asset management. Il fatturato dell'esercizio 2014 in base alle norme IFRS ammonta a 92 miliardi di euro e il risultato operativo a 5,1 miliardi di euro.

L'azione AXA è quotata sul comparto A di Euronext Parigi, con il simbolo CS (ISIN FR 0000120628 – Bloomberg: CS FP – Reuters: AXAF.PA). Negli Stati Uniti, l'American Depository Share (ADS) AXA è quotata sulla piattaforma OTC QX con il simbolo AXAHY.



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI