Cerca nel sito

mercoledì 6 luglio 2016

Le tendenze dell'estate 2016 rilevate dall'osservatorio Evaneos


Come si comporteranno gli Europei nelle prossime vacanze 2016? Dove sceglieranno di andare i francesi? Cosa preferiranno i tedeschi? E gli Italiani? Ecco a voi i risultati frutto di un osservatorio privilegiato, quello di Evaneos.
Evaneos, marketplace fondato nel 2009 che mette in contatto i viaggiatori con operatori locali, esperti nell'organizzazione di viaggi su misura, presenta oggi i risultati di un studio approfondito sul comportamento degli utenti in vista della prossima estate 2016, prendendo in esame i suoi 5 mercati: Italia, Francia, Spagna, Germania e Regno Unito.

1.      Luglio o Agosto?La tendenza europea è di concentrare i viaggi nei mesi estivi: il 43% delle domande totali nei paesi latini – Italia e Spagna – prevede partenze nei mesi di luglio e agosto mentre per Francia, Regno Unito e Germania, più abituati a viaggiare su misura, sfruttando anche la bassa stagione, il dato si attesta tra il 28 e il 30%. Osservando le partenze tra luglio e agosto, inoltre, il blocco latino manifesta una netta preferenza per il mese di agosto, in particolare per le prime due settimane del mese (Italia 71%, Spagna 58%), Francia e UK per il mese luglio (Francia 51%, UK 52%), mentre i tedeschi si posizionano al centro con una preferenza pari al 50%. 

2.      Quanto dura la vacanza?Italia, Francia e Spagna sono in linea con la tendenza europea dei classici 14 giorni. Quelli a fare le vacanze estive più lunghe sono i tedeschi, con una media di 17 giorni in agosto, mentre quelle più brevi sono per gli abitanti oltremanica, che partono in agosto per una media di 11,5 giorni. 

3.      Quali sono le destinazioni preferite?Anche quando parliamo di destinazioni preferite, Italia e Spagna vanno di pari passo. A farla da padrona in entrambi i paesi è, infatti, la Thailandia, un mix di mare, cultura e gastronomia. La tendenza generale rivela, infatti, una preferenza diffusa per il sud est asiatico, che offre un mix di cultura, natura, gastronomia e spiagge da sogno, a prezzi accessibili. L'Italia resta, tuttavia, ancora piuttosto legata ai classici: al secondo e terzo posto nel mercato italiano troviamo, infatti, rispettivamente il Perù e la Grecia

Se si prendono in esame i dati Istat 2015 e dell'osservatorio Trivago, inoltre, si può notare come tra i viaggi degli italiani con mete extra-europee i Paesi più visitati siano Marocco, Stati Uniti, Giappone e Thailandia, mentre la Cina vince per i viaggi d'affari ( 4,6%). Evaneos si inserisce in questo quadro rivolgendosi in particolare alla clientela che vuole vivere un'esperienza di viaggio a 360°, mirata all'incontro di una cultura diversa e a paesaggi nuovi, restando comunque fedele al classico trinomio "balneare-cultura-gastronomia". Un altro paese che riscuote un grande successo è, infine, l'Islanda che arriva sul podio di ben 4 paesi su 5, grazie alla natura unica e all'atmosfera magica che porta il turista lontano dalla quotidianità.     

4.      Quali le mete italiane preferite dagli stranieri?Essendo Evaneos presente in diversi mercati europei, è un osservatorio perfetto anche per le tendenze incoming verso il Bel Paese. Gli utenti Evaneos tedeschi, britannici, francesi e spagnoli amano le isole italiane e la maggior parte di loro si reca, infatti, in Sicilia e Sardegna

5.      Qual è il profilo del viaggiatore straniero in vacanza in Italia?L'età media è 55 anni, preferisce partire in coppia (50,6%) o in famiglia (30,5%) ma anche con amici (12%), solo (4%) e in gruppo (2,4%). La spesa media a persona secondo le varie tipologie di viaggiatore: 950 € per le coppie, 850 € per le famiglie, 800 € per i gruppi di amici, 1.250 € per coloro che partono soli, 500 € per i gruppi.

--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI