Cerca nel blog

giovedì 2 febbraio 2017

Cyber security. ANRA: un eterno cigno nero con solo una grande impresa su due al passo



La sicurezza informatica è sempre più attuale e "mediatico" come tema, ma a fronte di investimenti in information security per il 2016 nell'ordine di quasi 1 miliardo di euro, con un aumento del 5% sul 2015, solo 1 grande impresa su 2 ha in organico un manager per la gestione della sicurezza informatica.

Cyber security: un eterno cigno nero

Uno strumento da osservare con attenzione è quello che sta mettendo a punto il Team per la Trasformazione Digitale del Governo Italiano e che sarà rilasciato a breve

Milano, 02 febbraio 2017 - Cresce tra le imprese la consapevolezza del rischio cyber, ma è anche in forte aumento la fragilità delle aziende di fronte a queste tipologie di minaccia. 

Lo specchio del problema emerge oggi a tutto tondo nell'annuale indagine promossa dall'"Osservatorio Information security e privacy" promosso dal Politecnico di Milano. La sicurezza informatica sta diventando una tematica sempre più importante e attuale anche per le aziende in Italia. Quasi un miliardo di euro, per la precisione 972 milioni, con un aumento del 5% sull'anno precedente, è quanto hanno investito nel 2016 le imprese italiane con almeno dieci addetti alla voce information security.

Se spostiamo lo sguardo sullo scacchiere internazionale, secondo la IV° edizione dell'indagine di Zurich sulle PMI che ha intervistato oltre 2.600 imprese in 13 paesi nel mondo, i maggiori timori connessi al cybercrime sono il furto di dati dei clienti (27%) e i rischi legati alla reputazione aziendale (20%), seguiti da furti di denaro (15%), interruzione del business (15%) e appropriazione dolosa dell'identità (12%). Solo il 5% delle PMI ritiene di avere implementato sistemi IT in grado di far fronte a minacce informatiche nel 2016, mentre nel 2015 la quota raggiungeva l'8%.

Emergono, infatti, lacune estese e mancanza di protezioni efficaci tra le misure concrete prese dalle aziende. Infatti, secondo gli oltre 700 intervistati che hanno partecipato alla Cyber Risk Survey 2016 realizzata da Marsh, si registra una moderata crescita di consapevolezza e di proattività nell'affrontare la minaccia cyber, che viene citata tra i primi cinque rischi dal 32% delle imprese, e figura tra i principali rischi mappati da un altro 41% degli intervistati, registrando un totale di 73 aziende su 100 che hanno compreso quanto sia fondamentale oggi monitorare il cyber risk. 

Tuttavia, se da un lato la preoccupazione riguardo ad attacchi cyber cresce e il 31% delle aziende sostiene di avere una completa comprensione del rischio - una percentuale che registra un incremento del 50% rispetto al 2015 - solo il 14% di queste colloca il presidio del rischio cyber fra le responsabilità dirette del consiglio di amministrazione, mentre il 68% lo riconduce unicamente alla responsabilità della funzione IT. 

«Analizzando le fonti e indagini più recenti sul tema cyber security - commenta Alessandro De Felice, Presidente di ANRA - emerge il dato inequivocabile che solo una grande azienda su due ha un manager per la gestione della sicurezza informatica. E addirittura solo un'impresa su sei dispone di un piano pluriennale di difesa con riferimenti al piano industriale, anche se questo numero arriva al 58% tra le grandi società quotate. Troppo spesso manca una cabina di regia che organizzi difese efficaci in un'ottica di medio-lungo periodo e le sottoscrizioni delle polizze assicurative contro i cyber-rischi e i danni causati a terzi sono ancora basse, in quanto vengono siglate solo da un'impresa italiana su sette. Un quadro questo che mostra come la cultura del rischio cyber sia ancora troppo lacunosa, nonostante proclami ad effetto che leggiamo costantemente sui media. Come Associazione da anni affrontiamo anche questa specifica minaccia in corsi e seminari dedicati, e forti delle competenze maturate mettiamo a disposizione di aziende e professionisti percorsi finalizzati a strutturare in modo consapevole e informato l'infrastruttura di base per la gestione dei rischi cyber».

«Uno strumento interessante, che anche le imprese dovrebbe osservare, è quello che sta mettendo a punto il Team per la Trasformazione Digitale del Governo Italiano - aggiunge Alessandro De Felice - Infatti, sta per essere pubblicata una policy di responsible disclosure nazionale, che sarà fondamentale per la Pubblica Amministrazione per comunicare con la comunità italiana e internazionale di ethical hacker, i cosiddetti "hacker buoni". Inoltre, la PA potrà in questo modo agevolare la rapida risoluzione dei problemi di sicurezza e minimizzare i rischi per i dati personali dei cittadini». 

CHI È ANRA
ANRA è l'associazione che dal 1972 raggruppa i risk manager e i responsabili delle assicurazioni aziendali. L'associazione opera attraverso la sede di Milano e vari corrispondenti regionali. ANRA è il punto di riferimento in Italia per diffondere la cultura d'impresa attraverso la gestione del rischio e delle assicurazioni in azienda. 
Si relaziona con le altre associazioni nazionali di risk manager in Ferma, a livello europeo, e in Ifrima a livello internazionale. ANRA è costituita da Risk Officer, Risk Manager ed Insurance Manager che operano quotidianamente nella professione e che trovano vantaggio nello scambio continuo delle proprie esperienze e nella condivisione di progetti a beneficio dello sviluppo del settore. 

Complessivamente, le aziende pubbliche e private di cui fanno parte i soci rappresentano un fatturato complessivo di oltre 600 miliardi (pari a circa il 39% del PIL). Nella piena convinzione che l'esperienza sia il miglior argomento per diffondere la cultura del risk management, ANRA organizza incontri aperti a professionisti ed aziende su tematiche inerenti al rischio aziendale, corsi di formazione per nuove figure e scambi di esperienze con colleghi stranieri. 

Nella sua attività di supporto a manager ed imprese, ANRA si appoggia a molti partner, come enti universitari, società di consulenza, compagnie assicurative, broker, società di servizio nell'ambito del rischio d'impresa: con le loro competenze specifiche, tutti questi attori portano valore aggiunto ai membri dell'associazione e alle loro imprese. Dal giugno 2016 ANRA promuove "alp" - ANRA Learning Path - la nuova Accademia ANRA per la formazione dei professionisti della gestione del rischio, riconosciuta e certificata RIMAP a livello europeo.



--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Follow by Email