Cerca nel blog

giovedì 29 gennaio 2015

Emilia svegliati! Presentata la maxi operazione antimafia “Aemilia” Più di 200 indagati per gli appalti post-terremoto

Oltre 100 milioni di euro confiscati e 160 arresti in Italia per l'indagine partita da Bologna

Nel capoluogo emiliano, il 21 marzo, Libera organizzerà la XX Giornata della Memoria

 

Bologna, 29 gennaio– "Un intervento che non esito a definire storico, senza precedenti". Così ha dichiarato il procuratore nazionale antimafia Franco Roberti, nel corso della conferenza stampa di presentazione di "Aemilia", la maxi operazione che ha portato a 117 richieste di custodia cautelare, quasi tutte eseguite e ad oltre 200 indagati. Ammonta a oltre 100 milioni di euro il valore dei beni confiscati.


Il tutto è partito da un'indagine condotta dalla procura distrettuale antimafia di Bologna, poi estesa ad altre procure, quella di Catanzaro e Brescia. Altri 46 sono stati i provvedimenti di custodia cautelare emessi da queste ultime procure. Al centro dell'inchiesta il clan Grande Aracri di Cutro, presente da anni, con propri rappresentanti, in Emilia-Romagna. Numerosi i capi d'imputazione: dal riciclaggio all'estorsione, dall'usura all'intestazione fittizia di beni, dall'emissione di fatture false all'associazione di stampo mafioso.

 

Non ci sono più alibi per chi continua a non vedere, a non sentire, a non parlare. L'Emilia felice, regione "esente da mafia" , non esiste da anni, ammesso che, nel lontano passato, lo sia effettivamente stata. Da decenni, evidenti sono i segnali di un progressivo radicamento della criminalità organizzata nella nostra regione. Recenti sono, inoltre, i dati pubblicati dal Ministero dell'interno.


Nel periodo settembre 2013-Luglio 2014 sono stati dodici i beni definitivamente confiscati nella nostra regione, su un totale confiscato, negli anni di funzionamento della legge, di circa un centinaio, e ancora, 448, per un valore complessivo di 21 milioni di euro, sono stati i beni sequestrati. Questi dati pongono l'Emilia-Romagna fra le prime sei regione italiane e al primo posto fra quelle al nord del Lazio. Quindi: Emilia svegliati!

 

Siamo riconoscenti alla Magistratura ed alle forze dell'ordine per lo splendido lavoro che stanno facendo ma siamo fermamente convinti che questo lavoro deve essere accompagnato contemporaneamente e nel minor tempo possibile, da un vero e proprio rinascimento etico, un sussulto di voglia di corresponsabilità, di condivisione e di continuità dell'agire, da parte della nostra intera comunità regionale.


Dall'associazionismo sindacale, al mondo dell'informazione, dalle istituzioni al mondo della politica, dell'imprenditoria, della scuola, dell'associazionismo ambientale, culturale, sportivo; insomma, da tutta la nostra comunità deve alzarsi forte il grido: "Basta, non ne possiamo più, smettetela!".

 

Il prossimo 21 marzo, a Bologna, verrà celebrata la XX edizione della Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Saranno tantissime le persone, provenienti da tutt'Italia. Saranno a Bologna per ricordare le vittime innocenti delle mafie e per assumere, nei loro confronti, l'impegno a continuare nelle azioni di contrasto alla criminalità organizzata.


E allora è importante essere in tanti e ancora di più. Chiediamo, a tutti coloro che possono, di unirsi a noi, quel giorno, per offrire una carezza ai famigliari delle vittime. Vogliamo costruire una barriera solida, in grado di respingere gli attacchi delle mafie. Ogni persona presente, quel giorno, in piazza, rappresenterà uno dei mattoni indispensabili per la sua costruzione. Aiutiamoci a costruirla. Lo dobbiamo a tutti noi, ma, in particolare, alle vittime innocenti delle mafie e ai tanti famigliari che verranno a Bologna il prossimo 21 marzo 2015.

 

Per Libera Emilia-Romagna

Daniele Borghi

Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *