Corriere del Web

Cerca nel blog

giovedì 22 marzo 2018

Fluidi refrigeranti: il settore della climatizzazione è in una difficile fase di transizione

Risultati immagini per Fluidi refrigeranti
Fluidi refrigeranti: il settore della climatizzazione è in una difficile fase di transizione

Per alcune tipologie di macchine manca la componentistica omologata per l'utilizzo dei fluidi alternativi. Nelle applicazioni non residenziali persiste il divieto d'impiego di refrigeranti A2L

Milano, marzo 2018 – L'ing. Roberto Saccone, Presidente di Assoclima Costruttori Sistemi di Climatizzazione, interviene al convegno "Il passaggio ai refrigeranti alternativi: impatto su nuovi e vecchi impianti" organizzato dal Centro Studi Galileo il 15 marzo 2018 all'interno di Mostra Convegno Expocomfort. Tema centrale dell'intervento è la difficile fase di transizione in cui si trova il settore della climatizzazione in seguito all'entrata in vigore del Regolamento 517/2014.

"Premesso che siamo favorevoli sia all'applicazione del Regolamento, sia all'utilizzo di nuovi fluidi refrigeranti a basso GWP, ci troviamo in questo momento di fronte a una difficoltà oggettiva che non ci permette di procedere rapidamente con la sostituzione: per le macchine a espansione diretta di media e grande potenza (VRF) e per le apparecchiature idroniche di potenza medio-piccola non è ancora disponibile una componentistica omologata per l'utilizzo dei nuovi fluidi che consenta di rispettare i parametri di efficienza obbligatori dal 1° gennaio 2018." – dichiara il Presidente Saccone.

A questa problematica si aggiungono l'inattesa difficoltà di reperire quantitativi sufficienti dei refrigeranti R410A e R134a attualmente utilizzati nelle apparecchiature per la climatizzazione e il loro continuo aumento di prezzo. Sul fronte dei nuovi refrigeranti HFO e HFC a basso GWP resta ancora da sciogliere il nodo dell'adeguamento legislativo.


"Le nuove famiglie di refrigeranti sono caratterizzate da una leggera infiammabilità, che ha portato alla definizione della specifica classe di identificazione A2L per distinguerle da altri fluidi infiammabili o molto infiammabili. La diffusione di prodotti con questi nuovi refrigeranti è in costante crescita per le applicazioni residenziali, mentre persiste il divieto d'impiego per tutte le altre principali applicazioni richieste dal mercato. È urgente quindi che il legislatore valuti questa situazione e vi ponga rimedio."


A questo proposito, Assoclima ha avviato da tempo un tavolo di confronto con il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco per consentire loro di valutare l'adeguamento delle normative e delle regole tecniche in alcune attività soggette a prevenzione incendi, oltre che la definizione di precise linee guida relative all'installazione di sistemi di climatizzazione caricati con refrigeranti in classe A2L. 


"Nel confermare il nostro impegno volto all'innovazione del settore della climatizzazione – conclude il Presidente – chiediamo al comparto chimico interessato, ai produttori della componentistica e alle istituzioni di costituire dei tavoli di lavoro per fornire risposte rapide e positive così da consentirci di completare con successo questa difficile fase di transizione."


ASSOCLIMA – Costruttori Sistemi di Climatizzazione - è l'associazione federata ad Anima che in ambito Confindustria rappresenta le aziende costruttrici di sistemi per la climatizzazione estiva e invernale di edifici e di processi industriali. 
Il comparto rappresentato da ASSOCLIMA occupa più di 7.200 addetti per un fatturato di 1.550 milioni di euro e una quota export/fatturato del 65%. 
La produzione merceologica si articola in diversi gruppi di specializzazione, comprendenti: pompe di calore - gruppi refrigeratori d'acqua - motocondensanti - ventilconvettori - condizionatori autonomi - unità di trattamento aria - ventilatori - aerotermi - scambiatori di calore - torri di raffreddamento - componenti per la distribuzione e la diffusione dell'aria - impianti per il disinquinamento atmosferico - filtri d'aria.
ANIMA Confindustria Meccanica Varia ed Affine  è l'organizzazione industriale di categoria che, in seno a Confindustria, rappresenta le aziende della meccanica varia e affine, un settore che occupa 213.000 addetti per un fatturato di 46,7 miliardi di euro e una quota export/fatturato del 57,9% (dati riferiti al preconsuntivo 2017). 
I macrosettori rappresentati da ANIMA sono: macchine ed impianti per la produzione di energia e per l'industria chimica e petrolifera - montaggio impianti industriali; logistica e movimentazione delle merci; tecnologie ed attrezzature per acqua e prodotti alimentari; tecnologie e prodotti per l'industria; impianti, macchine prodotti per l'edilizia; macchine e impianti per la sicurezza dell'uomo e dell'ambiente; costruzioni metalliche in genere.


--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *