Cerca nel blog

lunedì 5 marzo 2018

L'ex juventino Dani Alves: "non mi importa della morte di Davide Astori"


Fanno discutere le affermazioni dell'ex terzino della Juventus Dani Alves
"Non conoscevamo Astori, quindi non è che ci importa tanto. Mi dispiace, ovvio, per la sua famiglia. 
Ora è in un mondo migliore. 
Però, ogni giorno nel mondo ci sono tanti bambini che hanno fame e muoiono e di loro nessuno se ne importa. 
Invece, sono importanti. 
Qui siamo di passaggio e prima o poi tutti faremo quella fine!".

Dani Alves non mi è simpatico ed è certamente spiacevole la frase "non è che ci importa tanto" che sembra suonare come un cinico"non ce ne frega nulla".

Però immagino e spero che il vero senso di quel che volesse dire è quanto ha affermato subito dopo.

In effetti, pure a me è dispiaciuto della  tragica e improvvisa scomparsa di Davide Astori
Una morte improvvisa, un ragazzo giovane, un calciatore corretto, che mi era simpatico e aveva anche giocato nella mia Roma.
 
Sicuramente fa clamore una morte improvvisa così. E' sconvolgente per la sua spietata inaspettatezza e assurda imprevedibilità.

Mi spiace per la sua bimba di due anni, la giovane moglie, i familiari.

Tutto ovvio. Ma poi che altro? 

Capisco lo schock dei compagni di squadra la sospensione della partita che si sarebbe dovuta giocare ieri a poche ore dalla tragica scomparsa.

Capisco già meno il blocco di tutta l'intera giornata calcistica. 
Non perché creda alla regola "the show must go on" che cantava l'indimenticabile Freddy Mercury dei Queen.
 
Non mi importa della saltata domenica di calcio giocato.
Ma la chiamata al lutto mi è cinicamente sembrata un po' troppo mediatica, di facciata.

Il mondo del calcio purtroppo da sempre ha convissuto con tante morti incredibili e inaccettabili per colpa della stupida violenza di ultras accecati da un assurdo odio che non può trovare giustificazioni.

Eppure il circo è proseguito quando invece doveva essere fermato per condannare quegli atroci episodi compiuti per la stoltezza umana.

Stavolta invece ci siamo trovati di fronte all'imponderabilità dell'esistenza umana. 
Una morte per cause naturali. Che ci turba lasciandoci silenti. Ma che altro dire?

Purtroppo a me sconvolge molto di più, per esempio, la morte del signore di colore ucciso oggi a Firenze da un pazzo che gli ha sparato senza alcun motivo.

E se poi penso a me stesso, dico egoisticamente: "magari succedesse a me di morire nel sonno senza alcuna angoscia".

Certo sarebbe traumatico per i miei cari. 
Che di sicuro io non vorrei che soffrissero e soprattutto lasciare eventualmente in uno stato di bisogno.

Ma la cosiddetta morte bianca mi sembra certamente la preferibile per chi se ne va, rispetto ad una morte violenta per un incidente stradale o, peggio ancora, dopo lunghe sofferenze e agonie per un tumore incurabile.

Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *