Cerca nel blog

giovedì 15 marzo 2018

EUIPO: Commercio di prodotti contraffatti e zone franche


Commercio di prodotti contraffatti e zone franche

15 marzo 2018 - L'istituzione di un'ulteriore zona franca nell'economia di un paese è associata a un aumento del 5,9 % del valore dei prodotti contraffatti che tale paese esporta.

È quanto afferma una nuova relazione pubblicata oggi dall'Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale (EUIPO) e dall'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economici (OCSE).
La presente ricerca integra uno studio del 2016 dell'EUIPO e dell'OCSE in base al quale il valore dei prodotti contraffatti era stimato pari al 2,5 % del commercio mondiale, arrivando a totalizzare 338 miliardi di EUR.
A livello mondiale esistono oltre 3 500 zone franche, caratterizzate da un regime economico particolare e istituite spesso (seppur non sempre) in prossimità dei porti. Complessivamente, creano posti di lavoro per 66 milioni di persone generando benefici diretti nel settore del commercio per oltre 365 miliardi di EUR (500 miliardi di USD).

Tali zone offrono vantaggi connessi all'ubicazione fisica, alle infrastrutture specializzate e a una normativa elastica, che si traducono in benefici concreti per le imprese e i paesi in cui si trovano. Tuttavia, le normative meno rigide e i controlli doganali ridotti fanno sì che le zone franche costituiscano poli di attrazione per soggetti dediti ad attività illecite e criminali.
In base alla relazione, che si avvale di dati relativi a zone franche ubicate in tutto il mondo e a sequestri operati dalle autorità doganali a livello internazionale, maggiore è il ruolo delle zone franche nell'economia di un paese (quantificato in base al numero sia delle stesse sia delle persone che vi lavorano) e più ingente è il valore dei prodotti contraffatti che tale paese esporta.

Nell'Unione europea, tali prodotti costituiscono fino al 5 % di tutte le importazioni, per un valore che raggiunge gli 85 miliardi di EUR, secondo lo studio EUIPO-OCSE «Commercio di merci contraffatte e usurpative: una mappatura dell'impatto economico», pubblicato ad aprile 2016.
Quello di oggi fa seguito a una seconda relazione congiunta EUIPO-OCSE, uscita a giugno 2017, contenente una mappatura delle rotte mondiali del commercio di prodotti contraffatti, nella quale si evidenziava l'importanza di quattro punti di transito (Albania, Egitto, Marocco e Ucraina) usati per introdurre falsi nell'Unione europea.

Il Direttore esecutivo dell'EUIPO, António Campinos, ha dichiarato:
«Con le nostre relazioni abbiamo già evidenziato che il commercio internazionale di prodotti contraffatti e usurpativi costituisce fino al 2,5 % di quello mondiale, arrivando a totalizzare 338 miliardi di EUR. La relazione di oggi è un ulteriore passo avanti nell'ambito di tale analisi. Ci auguriamo che i risultati siano di aiuto a governi e responsabili delle politiche impegnati a valutare e arginare il danno economico causato a livello mondiale da contraffazione e pirateria.»
I dati analizzati nella relazione sono stati messi a disposizione dall'Organizzazione mondiale del commercio, dall'Organizzazione mondiale delle dogane, dalla direzione generale della Fiscalità e dell'unione doganale della Commissione europea e dall'Ufficio delle dogane e della protezione delle frontiere degli Stati Uniti.

NOTA 
La relazione di oggi, pubblicata attraverso l'Osservatorio europeo sulle violazioni dei diritti di proprietà intellettuale, è il terzo lavoro di una serie di studi sul commercio internazionale di prodotti contraffatti e usurpativi a opera dell'EUIPO e dell'OCSE. Nel primo, «Commercio di merci contraffatte e di merci usurpative: una mappa dell'impatto economico», si evidenziava che il commercio internazionale di prodotti contraffatti e usurpativi costituisce fino al 2,5 % di quello mondiale (338 miliardi di EUR) e fino al 5 % delle importazioni complessive nell'UE (85 miliardi di EUR). Il secondo, «Analisi delle vere rotte commerciali delle merci contraffatte», tracciava le rotte mondiali dei prodotti contraffatti e usurpativi dalle economie di provenienza e attraverso i punti di transito.

INFORMAZIONI SULL'EUIPO
L'EUIPO è un'agenzia decentrata dell'UE, con sede ad Alicante, in Spagna. Gestisce la registrazione dei marchi dell'Unione europea (MUE) e dei disegni o modelli comunitari registrati (DMC), entrambi intesi a proteggere la proprietà intellettuale in tutti i 28 Stati membri dell'UE. Inoltre, l'EUIPO ospita l'Osservatorio europeo sulle violazioni dei diritti di proprietà intellettuale e organizza i premi DesignEuropa.

INFORMAZIONI SULL'OCSE
Maggiori informazioni sull'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economici (OCSE)


--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *