Corriere del Web

Cerca nel blog

martedì 3 luglio 2018

Lavoro flessibile. Regus, in Italia smart working per oltre il 50% dei lavoratori

Regus, in Italia smart working per oltre il 50% dei lavoratori 

• Il 56% degli intervistati dichiara di lavorare abitualmente in luogo diverso dalla sede principale dell'azienda
• Il 41% del campione sostiene di utilizzare spazi di lavoro flessibili una volta alla settimana

 

Milano, 3 luglio 2018  Anche il mercato italiano segna la tendenza che si registra a livello globale, dove è sempre più smart working. Dalle imprese multinazionali alle start up sino ai freelance, il quadro che si va delineando depone a favore di una maggiore richiesta di spazi di lavoro flessibili.Il dato è confermato anche da una recente ricerca condotta in Italia da IWG, gruppo primario di aziende fornitrici di spazi di lavoro flessibile, tra cui Regus e Spaces.


Più in dettaglio, dalla ricerca emerge il 56% degli intervista dichiara di lavorare abitualmente in un luogo diverso dalla sede principale dell'azienda, il 41% sostiene di utilizzare spazi di lavoro flessibili una volta alla settimana. Addirittural'80% degli interpellati indica nel fattore produttività la chiavevincente del lavoro flessibile: lavorare in luoghi diversi rispetto al classico ufficio, sembra aumenti l'efficienza produttiva. Produttività che va di pari passo con la soddisfazione del lavoratore, che aumenta, per il 71%, lavorando da remoto


Smart working significa anche adeguarsi con tempestività alle richieste del mercato: dal campione intervistato, si evince che, tra i motivi principali per cui si ricorre allo smart working vi è la capacità di rispondere rapidamente alle tempistiche dei mercati in cui si sviluppa o si contrae il business, sfruttando il fattore competitività, garantito da "uffici flessibili", che garantiscono una presenza capillare sui mercati internazionali, mantenendo un filo diretto con la sede principale dell'azienda.


Da non trascurare, tra i motivi che depongono a favore del lavoro flessibile, anche gli aspetti legati ai costi di gestione degli uffici. Infatti, secondo gli intervistati, questa modalità di lavoro comporta minori costi di gestione immobiliare, con conseguente capacità di liberare capitali da investire nella crescita. 


Tra i fattori positivi che depongono a favore di spazi alternativi in cui lavorare sono da annoverarsi, sempre secondo il campione demoscopico, l'ottimizzazione dei costi, la riduzione dei tempi improduttivi legati al pendolarismo e, laddove gli utilizzatori sono nuove imprese e start up, il minor rischio legato agli investimenti iniziali.


"Regus sulla scia di questa tendenza, porta avanti un piano di crescita che testimonia una significativa accelerazione nel cambiamento delle abitudini di lavoro nel nostro Paese",spiega Mauro Mordini, Country Manager di Regus in Italia, che aggiunge: "dalla ricerca emerge a gran voce, da parte di tutti gli attori coinvolti nella filiera, una richiesta sempre maggiore di lavoro flessibile. Anche se ancora spesso quando si parla di lavoro agile si tratta di lavoro da casa, penso che il punto di svolta non sia poi così lontano e presto parleremo di lavoro flessibile come della forma più utilizzata. In questo scenario ovviamente i cambiamenti nella tecnologia e nella digitalizzazione hanno favorito la richiesta di servizi on demand, con le imprese che tendono sempre più a esternalizzare le attività non core".


Attualmente in Italia, Regus dispone di circa 50 sedi in 13 città italiane, tra cui di Milano, Verona, Torino, Genova, Bologna, Bergamo, Brescia Padova, Roma e Napoli, ed entro la fine del 2018 il primo fornitore al mondo di spazi di lavoro flessibili è pronto ad aprire in Italia oltre 10 nuove location, arrivando ad un totale di 60 unità, pari a circa109.000 m2.

Regus, insieme a Spaces, No18, Basepoint, Open Office e Signature, è un brand di IWG, operatore globale tra i principali fornitori di spazi di lavoro flessibili, che ha superato a livello mondiale la soglia dei 50 milioni di piedi quadri (oltre 4,6 milioni di m2) di superficie totale destinata ad ufficio.


IWG ha aggiunto 314 nuovi spazi uso uffici al suo network nel 2017, per un valore di 5,5 milioni di piedi quadri (circa 511mila m2). Il totale di spazio aggiunto è maggiore del 36% rispetto al 2016, facendo superare complessivamente la quota di 50 milioni di piedi quadri. Questo è l'equivalente di 116 Stadi di Wembley, 261 Sydney Opera House o 3.718 piscine olimpiche. 

 

Regus

Regus è leader mondiale per la fornitura di spazi di lavoro. Ha costruito una rete unica di uffici, spazi di coworking e sale riunioni per le aziende in ogni città del mondo, creando un'infrastruttura globale su misura in grado di supportare ogni opportunità di business.


La rete di spazi di lavoro permette alle aziende di operare da qualsiasi luogo, senza costi di allestimento né investimenti di capitale. Offre ai clienti Regusvantaggi economici immediati, oltre all'opportunità di esternalizzare interamente il proprio portfolio di uffici. Fondata con l'obiettivo di migliorare la produttività di 2,5 milioni di professionisti e di metterli in contatto fra loro, Regus è una comunità globale immediata e un luogo di appartenenza.



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *