Cerca nel blog

giovedì 15 gennaio 2015

Il Tomorrow’s Value Rating 2014 evidenzia la necessità di cambiare il modo di fare impresa



Milano, 15 gennaio 2015 – Per il secondo anno consecutivo, Unilever emerge come leader indiscusso della sostenibilità dal Tomorrow's Value Rating.
Il Tomorrow's Value Rating (
TVR 2014), pubblicato da DNV GL – Business Assurance, valuta la performance delle maggiori aziende mondiali sotto il profilo della sostenibilità. Per il secondo anno di seguito, Unilever si colloca ai vertici della classifica, mentre al secondo posto seguono, a pari merito, Holcim, Intel e Nestlé.

Il rapporto di quest'anno evidenzia che i leader in materia di sostenibilità hanno dimostrato di avere grandi ambizioni, sono stati capaci di interpretare e affrontare meglio le questioni chiave, nonché di fissare obiettivi intelligenti, significativi e di lungo periodo.
Jon Woodhead, Business Development Manager di DNV GL – Business Assurance, spiega: "È sempre più chiaro che la nostra società e la nostra economia globali stanno raggiungendo i limiti per la crescita tradizionale. Purtroppo, solo un piccolo gruppo delle grandi aziende analizzate nel TVR sembra prepararsi adeguatamente a cambiare il modo di fare impresa".
I megatrend, come la crescita demografica, la rapida urbanizzazione e il sovra consumo di risorse naturali stanno spingendo la Terra a un punto in cui, senza un cambiamento in tempi brevi, il collasso cessa di essere solo una possibilità remota e diventa una probabilità.

Da 11 anni, il TVR spinge le aziende valutate a dimostrare con i fatti di essere in prima linea nella ricerca di un modus operandi davvero sostenibile. Esamina strategie, strutture di supporto e i comportamenti aziendali rispetto ai temi concreti più critici; in particolare, si preoccupa di misurare quel che occorre ancora fare per assicurare a tutti un futuro sicuro e sostenibile.
La maggioranza delle 45 imprese analizzate ha ormai fatto proprio l'approccio alla sostenibilità, integrandolo nella strategia d'impresa, sebbene siano ancora poche quelle che se ne stanno avvalendo attivamente per far crescere la propria attività.

Mantenendo il proprio primato, Unilever propone una visione significativamente più ampia, convincente e ambiziosa del futuro per se stessa, per il settore e l'economia globale nel suo complesso. Holcim, invece, produttore di materiali e aggregati per l'edilizia, si distingue per la chiarezza con cui dichiara il proprio impegno ad affrontare alcune delle grandi sfide socio-ambientali.

Conclude Jon Woodhead: "Optare per modalità di crescita economica svincolate dall'impatto, ad esempio, delle emissioni di carbonio, delle attività estrattive e della perdita di biodiversità è, in prospettiva, l'unica soluzione possibile. Finora, solo alcuni dei leader esaminati nel nostro TVR 2014, come Holcim, Unilever e Intel, ha iniziato ad assumersi impegni in questo senso; tutti hanno parecchia strada da fare".

Le cinque aziende in vetta alla classifica 2014 del Tomorrow's Value Rating sono:
Unilever (96%)
Holcim (87%)
Intel (87%)
Nestlé (87%)
Diageo (84%)

Principali riscontri:

·         Unilever consolida il proprio posizionamento come leader della sostenibilità.
·         Solo la metà delle aziende analizzate si è data obiettivi smart e significativi a fronte di problemi concreti.
·         Leader del settore come Unilever, Microsoft e Nestlé puntano sulle innovazioni sostenibili come base per la crescita futura e il vantaggio competitivo.
·         Troppe aziende non riescono ancora a tener conto di rischi e opportunità legati alla sostenibilità nel proprio approccio alla gestione del rischio.
·         Le aziende valutate nel TVR 2014 sono tutte considerate leader nella sostenibilità; il punteggio medio, tuttavia, resta al di sotto del 70%, a dimostrazione del fatto che anche per i più virtuosi c'è ancora spazio di miglioramento.










Tutti i dettagli del TVR 2014 sono disponibili su www.dnvgl.com/TVR2014
Note per i redattori
Il Tomorrow's Value Rating (TVR) 2014 prende in esame i programmi di sostenibilità delle più grandi aziende mondiali.  Le società presenti nell'edizione di quest'anno sono ricomprese nell'indice S&P Global 1200 (SGL) e sono leader riconosciuti in materia di sostenibilità, presenti in almeno uno fra i seguenti indici: DJSI 2013 World Index, Corporate Knights Global 100 Index, 2013 CDP Global 500 Climate Disclosure Leadership Index. DNV GL – Business Assurance ha scelto di esaminare le 15 aziende più grandi[1] al mondo e le 10 maggiori nei settori alimentari e bevande, petrolio e gas, edilizia e materiali, per un totale di 45 aziende.



[1] Principali aziende dello S&P Global 1200 per capitalizzazione al 20.05.2014.

Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *