Cerca nel blog

martedì 13 dicembre 2016

L'export dei venditori italiani con Marketplace Amazon si stima supererà i 250 milioni di euro nel 2016


Amazon.it: stima export venditori italiani sopra i 250 milioni di €; 5700 persone impiegate presso i venditori

Oltre il 40% delle aziende italiane attive sul Marketplace di Amazon.it vendono i propri prodotti a clienti esteri. La crescita delle vendite estere dei venditori italiani attraverso il Marketplace di Amazon si stima sia quasi del 50% nel 2016.

Lussemburgo, 13 dicembre 2016 - Amazon annuncia oggi che le aziende italiane attive sul Marketplace di Amazon.it nel corso del 2016 stanno registrando un aumento significativo delle vendite verso l’estero:
  • si prevede che il totale delle vendite verso clienti esteri da parte dei venditori italiani attraverso il Marketplace di Amazon.it crescerà di quasi il 50% per un valore superiore ai 250 milioni di euro nel 2016;
  • oltre il 40% delle aziende italiane che vendono sul Marketplace di Amazon.it vendono i propri prodotti a clienti al di fuori dell’Italia;
  • il numero di venditori presenti sul Marketplace di Amazon.it che vendono i propri prodotti a clienti in tutta Europa è più che raddoppiato rispetto allo scorso anno;
  • metà dei prodotti venduti su siti Amazon in tutto il mondo sono venduti da venditori Marketplace.
Sono lontani i giorni in cui si vendevano prodotti solo ai clienti della stessa città, regione o Paese”, ha commentato Francois Saugier, Vice Presidente di Amazon Seller Services in Europa. “Oggi le aziende di qualsiasi dimensione possono vendere facilmente i propri prodotti ai clienti di tutta Europa e del mondo. Stiamo inoltre assistendo a un significativo aumento del numero di aziende italiane che sfruttano al meglio questa opportunità”.
Il nostro obiettivo è offrire strumenti e servizi che consentano alle imprese che vendono su Amazon di crescere e prosperare” afferma Francois Nuyts, Country Manager di Amazon Italia e Spagna. “Ogni giorno vediamo molte aziende italiane espandere i propri orizzonti offrendo prodotti su base europea o globale, aprendosi a decine di milioni di nuovi potenziali clienti”.
Una ricerca indipendente realizzata da Keystone Strategy ha rivelato che sono 5.700 le persone impiegate dai venditori italiani in relazione alle attività di vendita sul Marketplace di Amazon.it.
Amazon ha creato un set di strumenti per aiutare le imprese italiane a vendere i propri prodotti in tutta Europa e nel mondo, offrendo ad esempio il supporto alla gestione delle traduzioni e fornendo consegne e distribuzione a livello globale. Le aziende di qualsiasi dimensione possono così vendere a livello globale attraverso gli undici siti web di Amazon in sette lingue diverse e raggiungere centinaia di milioni di clienti in ogni angolo del mondo.
I risultati record delle vendite all’estero derivano anche dal lancio, in aprile 2016, del Programma Paneuropeo di Amazon. Si tratta di un servizio con cui Amazon immagazzina, preleva, impacchetta e consegna i prodotti ai clienti per conto dei venditori, che possono così vendere in tutta Europa pagando unicamente le tariffe di gestione dell'ordine nel paese di destinazione. I servizi di Logistica di Amazon aiutano i venditori a far crescere il proprio business rendendo i prodotti disponibili tramite Amazon Prime, un accesso diretto ai milioni di clienti Amazon più fedeli, e beneficiando del supporto dell’apprezzato servizio clienti Amazon.
In Italia, il numero di aziende che usufruiscono dei vantaggi del programma Logistica di Amazon sono più che raddoppiate (+140%) durante lo scorso anno. L’adesione a Logistica di Amazon contribuisce alla crescita del business e delle vendite verso l’estero dei venditori Marketplace consentendo al contempo di sostenere minori costi rispetto a quelli derivanti da soluzioni logistiche di proprietà.
“Utilizzando il nuovo Programma Paneuropeo ci ha permesso, ci permette e ci permetterà in futuro un espansione delle vendite inimmaginabile solo due anni fa. Amazon ci ha aiutati a crescere in maniera velocissima e molto importante. Basta guardare le cifre di affari: da 1 milione di euro nel 2014 a 8 milioni di euro nel 2015 e presumiamo 12/13 nel 2016” racconta Sergio Giansante, CEO di Adognicosto.
"La Logistica di Amazon, ci permette di raggiungere facilmente i clienti di tutta Europa e di espandere il nostro mercato in maniera scalabile ed efficace" conferma Andrea Baldi, fondatore di Baldiflex.
"Ci siamo avvicinati al servizio nel 2015, dopo aver visitato il centro logistico di Amazon vicino a Piacenza. L’esperienza è stata fantastica: le moderne infrastrutture e l’efficienza operativa ci hanno convinti ad affidare ad Amazon la gestione logistica dei nostri ordini. Abbiamo cominciato a vendere i nostri prodotti su altri quattro marketplace europei sostenendo delle spese molto contenute. Visti i risultati attuali, le prospettive di crescita sono ottime: gli alti livelli di servizio offerti da Logistica di Amazon ci fanno ben sperare sul futuro del business" dice Massimo Foli, Amministratore e Responsabile Tecnico Prodotti di Ema Hospital.
A questa pagina sono disponibili ulteriori storie di venditori che hanno sviluppato la propria attività grazie al Markeplace di Amazon.
Le aziende interessate a vendere su Amazon possono visitare la pagina http://services.amazon.it.


***

Amazon.com
Amazon è guidata da quattro principi: ossessione per il cliente piuttosto che attenzione verso la concorrenza, passione per l’innovazione, impegno per un’eccellenza operativa e visione a lungo termine. Le recensioni dei clienti, lo shopping 1-Click, le raccomandazioni personalizzate, Prime, Logistica di Amazon, AWS, Kindle Direct Publishing, Kindle, i tablet Fire, Fire TV, Amazon Echo e Alexa sono alcuni dei prodotti e dei servizi introdotti da Amazon.
Questo comunicato stampa contiene dichiarazioni previsionali relativi a risultati per propria natura difficili da prevedere. I risultati effettivi potrebbero differire in modo sostanziale rispetto alle dichiarazioni per una serie di motivi, tra cui ad esempio, le somme investite da Amazon.com in nuove opportunità di business e tempistiche di tali investimenti, combinazione di prodotti e servizi forniti ai clienti, combinazione delle vendite nette dei prodotti rispetto ai servizi, imposte, concorrenza, gestione della crescita, potenziali fluttuazioni dei risultati operativi, crescita e espansione internazionale, esiti di procedimenti e azioni legali, logistica, smistamento, consegna, e ottimizzazione dei data center, rischi di gestione dello stock, stagionalità, stipula, mantenimento e sviluppo di accordi commerciali, acquisizioni e transazioni strategiche, rischi sui pagamenti e rischi di throughput e produttività. Altri rischi e fattori di incertezza includono, tra gli altri, rischi connessi a nuovi prodotti, servizi e tecnologie, interruzioni di sistema, previsioni normative, imposte e frodi. Molti di questi rischi sono amplificati dall’attuale panorama economico globale. Maggiori informazioni sui fattori che potrebbero influenzare i risultati finanziari di Amazon.com sono indicati nei documenti di Amazon.com depositati presso la Securities and Exchange Commission ("SEC"), inclusa la più recente relazione annuale su modulo 10-K e successivi depositi.

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Follow by Email