Cerca nel blog

mercoledì 28 dicembre 2016

AGROPOLI - L'OSPEDALE CHE NON C'È HA FATTO UN'ALTRA VITTIMA / DI MARCO NICOLETTI

AGROPOLI  - L'ospedale che non c'è ha fatto un'altra vittima. Un tragico Natale quello che si è consumato in una famiglia di Agropoli.  Ecco come sembra siano andate le cose . Patricia Veneri 46 anni è morta con un infarto di cui lei stessa si era accorta ma al psaut di Agropoli non si erano invece  accorti del malessere della donna. A parlare è  il figlio Alessandro che racconta i momenti antiacedenti : “La sera della vigilia di Natale ero a cena con amici quando mia madre si è sentita male perchè soffriva di pressione alta,mio padre voleva portarla all’ospedale di Vallo della Lucania ma lei ha voltuto andare ad Agropoli dove io l’accompagnavo spesso soprattutto quando le se alzava la pressione.Al psaut le hanno fatto l’elettrocardiogramma e le hanno dato la solita cura per farla abbassare la pressione ma lei non era convinta perchè le tirava il braccio sintomo dell’infarto di cui lei si era accorta,l’hanno invitata ad andare a casa anche se lei non voleva ma loro hanno insistito,una volta giunta a casa mi ha telefonato tranquillizzandomi ma poco dopo mi ha chiamato mio padre il quale mi ha detto di tornare a casa e li l’ho trovata morta.Me l’hanno uccisa. Mi hanno tolto la cosa più bella  e dire che la mattina avevamo fatto la spesa insieme,eravamo stati in giro, non sono riuscito nemmeno a salutarla sono distrutto,siamo distrutti. Mio padre è tornato al psaut per dire a quei medici di cosa avessero combinato”

Un dramma quello di Patricia che muore e lascia nel dolore il suo unico figlio e il marito. La sera prima sul profilo facebook del figlio aveva lasciato un messaggio bellissimo. E il figlio: ” Aveva fatto le foto per metterle su facebook sono servite per i manifesti”. Le  lacrime e il dolore del giovane Alessandro svuotato dell’affetto più grande sono cose che non vorremmo mai vedere.Questo è quello che ci è rimasto dopo la chiusura dell’ospedale e anche per la negligenza di un psaut inutile e forse dannoso. Dovete vergognarvi di quanto state facendo a questo territorio. La chiusura dell’ospedale sta massacrando tutto e tutti,chi ne ha ispirato la chiusura deve soltanto guardarsi allo specchio e vergognarsi.la morte di Patricia è l’ultima di una lunga seria purtroppo destinata ad aumentare.L’appello è uno solo “Fate presto riapritelo”.Non c’è più tempo da perdere qui si muore per pochissimo e ogni giorno è sempre peggio e ormai la rassegnazione regna sovrana,la gente ha paura,si sente abbandonata. De Luca deve muoversi a riaprirlo a ripristinarlo costi quel che costi.



Fonte agropolinews 

foto Marco Nicoletti 

Diritti Riservati  

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Follow by Email