Cerca nel sito

giovedì 3 agosto 2017

A quanto si può affittare il proprio appartamento? La guida di Uniplaces

Quartiere e metratura, ma anche piano e servizi extra tra gli elementi che influenzano il prezzo.
Uniplaces stila una pratica guida che aiuta i proprietari di casa a fissare un affitto adeguato

 

 

Milano, 3 agosto 2017 – L'estate è la stagione più calda dell'anno anche per il mercato immobiliare. Questa tendenza è particolarmente marcata nelle città universitarie, dove proprio in queste settimane migliaia di studenti sono alla ricerca di una sistemazione in vista del prossimo anno accademico. Per un proprietario però non è facile dare il giusto prezzo al proprio appartamento: fissare un canone basso significa infatti perdere potenziali guadagni, ma avere pretese eccessive può scoraggiare i potenziali inquilini.

Uniplaces, il brand leader nel settore degli affitti per studenti universitari, ha stilato una pratica guida agli elementi principali dei quali i proprietari devono tenere conto per determinare il canone di affitto del proprio immobileGiampiero Marinò, Country Manager di Uniplaces per l'Italiaspiega che "anche se i fattori principali che determinano il valore di un alloggio sono le sue condizioni, la posizione e la metratura, esistono altri parametri che contribuiscono a fissare il prezzo".

Uno dei fattori che incidono maggiormente sul prezzo è la zona in cui si trova l'immobile, che può incrementarne il valore fino al 40%. Di norma gli alloggi più vicini al centro sono anche i più cari: molti inquilini infatti privilegiano la comodità di poter vivere in centro, anche a discapito di altri elementi come le condizioni in cui si trova la casa. "Per esempio, a Milano il prezzo medio di una stanza in appartamento condiviso a Famagosta è di 470 euro, ma andando verso il centro i prezzi crescono rapidamente: a Romolo la media è di 510 euro, mentre a Porta Genova tocca già i 550 e sale ulteriormente se ci si sposta all'interno della cerchia dei bastioni. Dinamiche simili si trovano a Roma, dove affittare una stanza nei rioni del centro costa in media 560 euro. Nel quartiere Ostienseun'area più periferica ma con una richiesta comunque elevata soprattutto tra gli studenti dell'Università Roma Tre, i prezzi sono invece decisamentepiù bassi: la media è di 490 euro in zona Piramide, ma scende ulteriormente (450 euro) verso la Garbatella", spiega Marinò. "I prezzi possono però variare molto anche all'interno di un singolo quartiere. Il primo passo da fare per un proprietario è quindi informarsi su quanto costi affittare un alloggio con caratteristiche simili a quelle del proprio, nella stessa zona".

Anche la metratura della casa è un elemento da tenere in considerazione nel determinare il giusto prezzo: se l'appartamento che si vuole affittare è più grande rispetto alla media della propria zona, la cifra che si può richiedere sale anche del 30%. È importante notare che non conta tanto la metratura dell'appartamento in termini assoluti, ma occorre guardare soprattutto al rapporto rispetto alle dimensioni medie degli appartamenti della zona.

Le condizioni della casa possono determinare ulteriori fluttuazioni del prezzo, sia in positivo che in negativo. Una ristrutturazione recente si traduce in un aumento del canone di affitto pari a circa il 10%; questo vale anche per interventi come l'ammodernamento degli impianti e la ritinteggiatura delle pareti. Al contrario, se un appartamento è in condizioni peggiori rispetto alla media, il prezzo scende almeno del 3-5%.

Gli appartamenti con vista verso l'esterno sono generalmente più costosi di quelli rivolti verso l'interno di un complesso. Nel fissare il canone d'affitto occorre quindi tenere presenti il piano a cui si trova l'appartamento e quale vista offreSi calcola che un attico costi di norma il 10% in più rispetto agli altri appartamenti del medesimo isolato.

La presenza di servizi extra, come per esempio ascensore, servizio di portineria, piscina o garage costituisce ovviamente un valore aggiunto, che si traduce in un aumento nel canone d'affitto stimabile tra il 5 e il 10%.

Ovviamente la richiesta maggiore fa salire il prezzo: se l'appartamento da affittare si trova in una zona particolarmente ricercata, i proprietari possono richiedere canoni più elevati a prescindere dalla presenza di comodità o extra particolari. È quanto accade, per esempio, in prossimità di alcuni campus universitari: molti studenti vorrebbero vivere a pochi passi dal proprio ateneo, il che sospinge i prezzi verso l'alto.

Un'ultima considerazione da fare per decidere il prezzo riguarda le tempistiche entro le quali si vuole affittare. Se la priorità è trovare un inquilino rapidamente per cominciare a far fruttare la casa, l'opzione più efficace consiste proprio nell'abbassare lievemente le proprie richieste. Un prezzo anche di poco inferiore alla media attirerà l'attenzione dei potenziali inquilini, che non vorranno rischiare di perdersi una buona occasione.

 

 

 

Uniplaces

Uniplaces, sin dal suo lancio avvenuto nel 2013, si propone come brand di riferimento per tutto ciò che riguarda prenotazioni online di alloggi per studenti universitari.

Questa ambizione è stata supportata da una rapida e costante crescita che ha reso Uniplaces il portale di riferimento per tutto ciò che riguarda prenotazioni online di alloggi per studenti.

Rivestendo un duplice ruolo nel mercato dello student housing, Uniplaces aiuta anche i proprietari di casa ad affittare le proprie strutture in maniera rapida e sicura realizzando una rendita spesso superiore rispetto alla media degli affitti in quella determinata destinazione.

Il portale, in costante crescita, può contare su investimenti da parte di partner finanziari di assoluto spessore inclusi: Octopus Investments, Atomico ed i fondatori di Zoopla and LOVEFiLm.



--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI