Cerca nel sito

giovedì 10 agosto 2017

Sergio Staino al Premio Caccuri: "Renzi è un cafone"

SERGIO STAINO: "RENZI E' UN CAFONE. L'UNITA'? CI HA ABBANDONATI"


Grandi dibattiti e confronti ieri sul palco del Premio Letterario Caccuri che stasera vedrà "l'incoronazione" del vincitore tra Giulia Innocenzi, Giampiero Mughini e Antonio Padellaro

Faranno sicuramente discutere le parole di Sergio Staino a cui è stato consegnato il premio "Letteratura e Satira". 

Intervistato sul palco dal giornalista Filippo Veltri, l'ex direttore dell'Unità non le ha certo mandate a dire a Matteo Renzi, ripercorrendo tutte le fasi del tentativo di salvataggio del giornale fondato da Antonio Gramsci. 

"E' un cafone", ha affermato. "Io sono un uomo di sinistra e sto male in questa Italia che una sinistra non ce l'ha più e le maggiori responsabilità sono proprio di Matteo Renzi. Tutte le sue azioni sono state mirate a destrutturare il Pd. Oggi possiamo dire che l'ha distrutto. Sulla vicenda "Unità" si è comportato male. Mi aveva promesso che avrebbe fatto di tutto per rilanciare le sorti del giornale. Ci ho creduto, al punto da accettarne la direzione. Poi, però, è sparito. Non ci ha neanche rilasciato una intervista. Poi, su La Repubblica, ha detto che si trattava di una società privata, una esperienza imprenditoriale finita male di cui non aveva responsabilità. In realtà erano state promesse una serie di cose che non si sono verificate: dei 10 mila abbonamenti di partenza si è scesi fino a 400... Da un giorno all'altro Renzi ha smesso di parlarmi, nonostante fosse stato lui a tirarmi in ballo in quell'avventura". 

Sergio Staino ha anche svelato un retroscena: "Inizialmente voleva Cuperlo alla guida dell'Unità. Voleva dare l'idea che non si trattasse di un giornale 'governativo'. D'Alema, però, non volle e spinse Cuperlo di non accettare".


Caccuri, 10 agosto 2017 



--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI