Cerca nel blog

mercoledì 26 marzo 2014

Alimentare: dispiace lo stop a più frutta nelle bevande, ma la decisione deve essere presa dall'Ue

Alimentare: dispiace lo stop a più frutta nelle bevande, ma la decisione deve essere presa dall’Ue

 

La Cia commenta la bocciatura dell’emendamento Pd in Commissione Politiche europee alla Camera. E’ importante favorire le intese di filiera. Bene l’accordo interprofessionale sui succhi ottenuti da agrumi.

 

          Dispiace che sia stato bocciato in Commissione Politiche Ue della Camera l'emendamento (presentato dal Pd) alla legge comunitaria che porta dal 12 al 20 per cento il minimo di frutta nelle bevande analcoliche a base di frutta prodotte e commercializzate in Italia. Ma la questione, sempre abbastanza controversa, è e rimane europea. La palla deve passare a Bruxelles dove va deciso un provvedimento comune che riguardi tutti i 28 paesi membri. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori.

            Indubbiamente avere più frutta nelle bevande analcoliche migliora la qualità del prodotto, tutela i consumatori e offre garanzie ai produttori agricoli. Tuttavia, senza una decisone chiara dell’Ue c’è il rischio -sottolinea la Cia- di creare problemi soprattutto in termini di competitività. E poiché la Commissione europea ha espresso più volte la sua contrarietà a un provvedimento del genere, occorre un’azione incisiva del governo in sede di confronto comunitario.

            Comunque, è importante che crescano accordi di filiera, in modo da sviluppare la nostra produzione agricola e garantire tutti vari soggetti, dal campo alla tavola. In particolare gli agricoltori che al momento risultano l’anello più debole. In quest’ambito appare utile anche il ruolo svolto dal legislatore.

            In tale contesto, la Cia esprime un giudizio positivo sull’accordo interprofessionale sui succhi di frutta ottenuti da agrumi. E’ un’intesa che apre importanti prospettive per il settore, ma soprattutto consente di conoscere l’origine dei prodotti agricoli utilizzati per le bibite. Si tratta di una reale tutela del consumatore e di una salvaguardia del produttore.

            D’altra parte, è sempre più importante che -rimarca la Cia- ci siano misure e atteggiamenti che rendano più visibile e rafforzino la filiera italiana. Basti considerare che oggi, su frutta e ortaggi freschi, al produttore agricolo va in media circa il 18 per cento del prezzo finale alla distribuzione. Una quota di valore che nell’ultimo decennio è scesa di oltre 5 punti, mentre è lievitato l’import “low-cost”, specialmente dal Nord Africa. Con l’aggravante che per gli agricoltori italiani sono cresciuti pesantemente i costi di produzione e gli oneri burocratici, che hanno tagliato la competitività sui mercati.

Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *