Cerca nel blog

giovedì 27 marzo 2014

Non solo furti di rame e ferro. Bande dell'ottone rubano maniglie, targhe professionali, pomelli e citofoni dei portoni d'ingresso dei condomini

Non solo furti di rame e ferro. Bande dell’ottone rubano maniglie, targhe professionali, pomelli e citofoni dei portoni d'ingresso dei condomini. Un fenomeno da non sottovalutare.

 

Non  bastava la corsa al nuovo oro rosso, il  rame, e ai tombini di ghisa, ma la carenza di materie prime ed i loro prezzi alle stelle stanno facendo nascere nuove tendenze criminali: adesso ci sono anche i ladri di maniglie, targhe professionali, pomelli e citofoni d’ottone.

Arrivano allo “Sportello dei Diritti”,, infatti, da ogni dove del Nostro Paese le segnalazioni di questo tipo di furti: dai portoni, stanno andando letteralmente a ruba pomelli e battenti di ottone.

Tra le vittime ci sono i condomini e qualche palazzo storico. È la notte il momento prescelto perché al calar delle tenebre i ladri s'impossessano dei pomelli dei palazzi e i batacchi dei portoni antichi. Furti di piccolo spessore, certo, nondimeno fastidiosi come qualsiasi forma di sottrazione.

Una delle cause principali, come da tempo va a denunciare Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è la crisi economica per la quale molti cittadini si ritrovano ad essere costretti ad arrangiarsi rubando questo tipo di materie prime che, una volta rivendute, consente un facile guadagno, un tempo prerogativa soprattutto degli stranieri dell'est europeo, oggi diffusi anche fra gli italiani.

Vecchi o nuovi, non importa: tanto la loro destinazione è di solito un forno, per la fusione. Anche perché le quotazioni dell’ottone sono in crescita nel mercato della rottamazione e seguono solo quelle del rame, che fa più gola negli ambienti della criminalità.

Solo così può spiegarsi l’ondata di furti che ha lasciato increduli i condomini presi di mira. Sono diversi, infatti, le città ed i quartieri dove viene segnalato il fenomeno, certamente in escalation e perciò da non sottovalutare da parte delle forze dell’ordine anche perché a pagare sono sempre ignari cittadini e i  palazzi storici che rendono unici i nostri centri urbani.

 


Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *