Cerca nel blog

mercoledì 4 maggio 2016

Alfredino Rampi - A 35 anni dalla tragedia a Vermicino il pozzo non c'è più. / Di Marco Nicoletti


Roma -  Abbiamo già trattato giorni fa la storia che sconvolse l'Italia nel lontano 1981 , storia da tante generazioni ricordata . La vicenda di quel bambino di 6 anni inghiottito da un pozzo artesiano abusivo. a giugno saranno passati 35 anni e quel set che fu palcoscenico macabro di ciò che fu definito "il primo reality show finito male " non esiste quasi più.  il pozzo ricoperto prima da un grosso tubo e poi riempito qualche mese Ortonovo.   Se Alfredino Rampi dopo trent’anni è ancora nel cuore di tutti, la memoria del luogo che l’ha inghiottito non è rimasta. Non si è costruita la chiesa di cui si era parlato, non si è realizzato un monumento. Eppure il 10 giugno 1981 un Paese intero seguì i tentativi di soccorrere quel bimbo di sei anni caduto in un pozzo artesiano appena aperto in via S.Ireneo a Vermicino.



Ha fatto bene mamma Franca, che per tenersi in vita, non c’è più tornata. «Purtroppo per un po’ gli abitanti del luogo avevano mantenuto il ricordo, poi il terreno è passato di mano, l’ultimo proprietario ha tolto tutto». Ha fatto bene mamma Franca che non ha perso tempo, ha smesso di mettersi le mani in testa e ha dato vita al Centro Alfredo Rampi, «per non morire mi sono spesa per gli altri, col centro dedicato a mio figlio ho salvato tanti bambini come lui. E ho salvato me».



Vermicino, campagna sconosciuta trent’anni fa, è ormai una succursale della capitale a ridosso dei Castelli romani. Solo nell’area del pozzo maledetto, sulla stradina che la costeggia e la terra che la circonda, il tempo si è fermato, quasi il paese abbia preso le distanze in una sorta di rimozione che ha portato quel luogo simbolo all’abbandono. 



Ora il terreno è diventato edificabile, il pozzo è chiuso con un lucchetto, un ulivo è l’unica nota gentile. Per il resto solo sterpaglie, bottiglie, rifiuti, pezzi di bambolotti di plastica. Anche lo sbancamento laterale del terreno è fermo a trent’anni fa. Un piccolo tubo rosso, dove si scorge il disegno di una croce, copre il pozzo in cui cadde il piccolo. 



«Prima si vedevano arrivare i pullman dei turisti - ricorda Alfredo Vari che abita nelle vicinanze dal ’92 - quando scendevano si mettevano le mani nei capelli. Chissà che si aspettavano». Ricoperti tutti i pozzi, gli scavi laterali dei soccorritori. Mamma Franca è andata via da un pezzo. Vendette casa anche la nonna. Lontane da quell’incubo, «come può vivere una mamma vicino a un luogo che le ricorda l’urlo di suo figlio?». Lei china sul pozzo col megafono, lei con le mani in testa in mezzo a politici e curiosi, il suo dolore offerto alle telecamere, lei per prima ha messo uno stop. E quando tutto finì, quando un vigile la informò che suo figlio non era più in vita, passò due ore nell’auto del presidente Pertini.



«Dovevo salvare mio figlio, avevo registrato per giorni errori troppo grandi, gli raccontai tutto. Mi disse che era costernato, sbigottito. Due mesi dopo telefonò per dirmi: Signora, dopo quello che è successo e dopo la conversazione con lei, ho deciso di istituire il ministero della Protezione civile».



Ieri Franca Rampi assieme al marito è salita al Quirinale. E’ stata premiata con una medaglia d’oro dal presidente Giorgio Napolitano per il suo impegno con il Centro Rampi. Al termine ha precisato come allora «fu spettacolarizzata l’impreparazione del Paese e la sua disorganizzazione nei soccorsi. Furono commessi diversi errori. Il primo fu quello dei vigili del fuoco di Frascati, che calarono una tavoletta spessa 2 centimetri e che all’altezza di 10 metri dalla superficie si bloccò. Il secondo fu quello di realizzare un pozzo parallelo senza l’analisi di un geologo: generò un allagamento nel pozzo dove era finito Alfredino, fango e smottamenti, che lo fecero sprofondare a 60 metri».



Una «madre coraggio», la definisce Tommaso Profeta, direttore della Protezione civile di Roma, «che ha dedicato la vita a un Centro che porta il nome del figlio, lavorando a fianco delle istituzioni per diffondere la cultura della Protezione civile e migliorare il sistema della prevenzione». Domani il Centro Rampi festeggerà i primi 30 anni di attività organizzando a Villa Gordiani un Villaggio della Prevenzione e della Sicurezza.



A Vermicino, c’è un uomo, sessantenne, che abita dietro la casa dove i Rampi passavano il fine settimana. «Conoscevo Alfredino, lo cercai tutta la notte poi mi dissero che era nel pozzo. Non mi sono mai avvicinato, per mesi nemmeno son riuscito a percorrere via S.Ireneo». Sua figlia era appena nata ma la sua casa divenne il quartier generale delle operazioni: «La Questura si prese la linea telefonica, i primi soccorsi li fecero usando attrezzi miei. Alfredino? Si poteva salvare, qualcosa di meglio si poteva fare. Povera creatura, non mi piace ricordare».


 


Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Follow by Email