Cerca nel blog

sabato 21 maggio 2016

Volo Egyptair - Gli investigatori , " Fumo in più parti " / Di Marco Nicoletti

Investigatori francesi hanno confermato la presenza di fumo in diverse parti dell'aereo dell'Egyptair prima che precipitasse nel mare con 66 persone a bordo. La presenza di fumo sarebbe stata segnalata da più rilevatori di fumo a bordo. Le cause, hanno aggiunto, restano però incerte.
Il portavoce dell'agenzia francese per le indagini sugli incidenti aerei, Sebastien Barthe, ha detto che il sistema automatico di segnalazione a bordo ha inviato messaggi indicando la presenza di fumo, pochi minuti prima che l'aereo scomparisse dal radar. I messaggi, sostiene Barthe, "indicano generalmente l'inizio di un incendio". "Non traiamo nessuna conclusione da quest'ultima notizia. Il resto sono congetture", ha aggiunto.
Resti umani, rottami e valigie: il Mediterraneo a qualche centinaia di chilometri a nord dell'Egitto ha confermato che l'Airbus dell'Egyptair in volo da Parigi al Cairo con 66 persone si è inabissato. Il fondale però nasconde ancora le scatole nere con i loro elementi utili per capire le cause del disastro. Il timore diffuso è che possa avere una matrice terroristica, ma le autorità egiziane e francesi non si sbilanciano, mantenendo cautela. L'unica novità sugli ultimi minuti del volo Ms408 arriva da alcune informazioni che rimbalzano sui media, secondo le quali a bordo ci sarebbe stato del fumo. Un allarme 'smoke' in uno dei bagni sarebbe infatti stato trasmesso dai dati automatici inviati dall'aereo pochi attimi prima di sparire. A riportarlo è un sito specializzato di aviazione, The Aviation Herald che parla di dati trasmessi dal sistema automatico di bordo, captati da "tre canali indipendenti". Ma al momento resta il mistero. Per ora di certo c'è il ritrovamento di "rottami dell'aereo, oggetti personali dei passeggeri, parti di corpi di vittime, valigie e sedili" annunciati da Egyptair e forze armate egiziane a circa 290 chilometri a nord di Alessandria. Il mare viene osservato anche da aerei che decollano da Sigonella e in due o tre giorni è atteso in zona un ricognitore francese con sonar e altri macchinari utili alla ricerca delle scatole nere, fondamentali per capire cosa sia successo al volo MS804, sparito dai radar verso le 2:45 di giovedì e inabissatosi dopo misteriose virate.Il ministro degli Esteri francese Jean-Marc Ayrault ha detto che per il momento non c'è "alcuna indicazione" valida per privilegiare qualche ipotesi. "Certamente non si può escludere che si sia trattato di un attentato terroristico", ha constatato il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni basandosi su quanto risulta evidente e ripetuto dal governo francese. L'Airbus A320 è caduto senza lanciare Sos in condizioni meteorologiche ottimali. differenza di quanto avvenuto con il charter russo esploso in volo sul Sinai a fine ottobre, quando l'Isis rivendicò la bomba dopo cinque ore, a quasi due giorni dal disastro nessuna organizzazione terroristica si è fatta viva per firmare la tragedia dell'Egyptair. La presidenza egiziana, nel formulare condoglianze ai parenti delle vittime, ha parlato di "deplorevole incidente", sebbene i giornali governativi del Cairo gridino a un complotto ordito per colpire i rapporti politico militari tra Egitto e Francia. Secondo tre responsabili per la sicurezza europea, nessuno dei passeggeri compariva nella lista internazionale di potenziali terroristi. La pista terroristica però viene di fatto seguita con controlli allo scalo di decollo dell'Egyptair, l'immenso Roissy-Charles-de-Gaulle, a caccia di un'ipotetica complicità tra un terrorista e un dipendente del personale di terra dell'aeroporto parigino nonostante l'impianto sia già sottoposto ad ispezioni a tappeto per il rispetto degli standard europei di sicurezza, considerati "i più alti al mondo".Fra gli elementi emersi in mare c'è anche una macchia di carburante rilevata da uno dei satelliti dell'Esa, l'Agenzia spaziale europea. Le informazioni vengono vagliate da una commissione d'inchiesta egiziana che collabora con inquirenti francesi e un esperto del gruppo Airbus: a guidare le indagini c'è l'alto funzionario egiziano che si occupò del charter russo.Il pilota aveva un'esperienza di 6.275 ore di volo, di cui 2.101 su quel tipo di velivolo, mentre il copilota aveva un'esperienza di 2.766 ore.

Fonte ANSA 
-Marco Nicoletti Diritti Riservati 2016

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Follow by Email