Cerca nel sito

mercoledì 3 maggio 2017

Food, nasce a Firenze la prima distilleria d'Italia esclusivamente dedicata al Gin // Domenica 7 maggio il pranzo-esperienza per gustare tutte le sfumature di Peter in Florence


Si chiama Peter in Florence il primo London Dry Gin prodotto solo con ginepro e petali di giaggiolo made in Tuscany, grazie ad un alambicco realizzato ad hoc, che sfrutta l'infusione a vapore.

Domenica 7 maggio a Pelago un pranzo esperenziale, nell'ecoresort dove si basa la produzione, per abbinare piatti a cocktail, nell'ambito della Florence Cocktail Week.


Firenze, 3 maggio 2017 – Solo ginepro e petali di iris toscani da agricoltura biologica, acqua del pozzo, purificata e trattata per osmosi, spezie certificate e un alambicco realizzato ad hoc: nasce a Firenze la prima distilleria in Italia esclusivamente dedicata al Gin. 

E' il Podere Castellare di Pelago, Eco Resort adagiato sulle colline fiorentine, la casa base di Peter in Florence, primo London Dry Gin prodotto con ingredienti quasi esclusivamente toscani (fatta eccezione per alcune botaniche non reperibili in Italia), laddove crescono le migliori materie prime per l'aromatizzazione del gin.

Il Podere Castellare di Pelago diventa così la prima micro-distilleria specializzata d'Italia, ma anche un laboratorio dedicato al gin a 360 gradi, dove sarà possibile vedere e cogliere le erbe utilizzate nella produzione (che crescono in un orto botanico attorno al casolare), fare formazione sul prodotto e degustazioni guidate. 

La prima è in programma domenica 7 maggio alle ore 13, nell'ambito della Florence Cocktail Week, un pranzo esperenziale in cui le portate si ispirano a fiori e spezie del gin e il distillato si sposa ai sapori sotto forma di cocktail.

Dall'antipasto a base di flan di carciofi alla lavanda, prosciutto e coccoli al rosmarino, fino al filetto di cinta con spezie e gin, passando per il risotto agli asparagi con erbette di campo e cenere di coriandolo, i commensali potranno assaporare tutte le sfumature aromatiche del gin. 

Chiude il menu una tortina di mela con salsa al ginepro e mandorla amara, altri due ingredienti di Peter in Florence.

Peter in Florence è, in tributo a Firenze, il "gin dell'eleganza": mette al centro l'iris, icona della città, di cui vengono utilizzati non solo la radice, come da tradizione, ma anche i petali, cosa ben più rara. E' un gin classico, in osservanza alle regole del London Dry Gin, ma innovativo, anche per l'uso delle varie botaniche.

Quattordici in tutto quelle che lo compongono, quasi tutte locali: oltre al ginepro e all'iris, la scorza di bergamotto fresca, quella di limone essiccata, i semi di cardamomo verde, le bacche di rosa, i fiori di lavanda e di rosmarino freschi. 

Tutti provenienti da micro-produttori locali specializzati e bio. A cui si aggiungono: la radice di angelica dalla Francia, la corteccia di cassia dalla Cina, il coriandolo dal Marocco, le mandorle amare dalla Spagna e i grani del Paradiso dall'Africa Occidentale.

Fondamentale l'acqua, che viene raccolta dal pozzo, analizzata in laboratorio e trattata con l'osmosi inversa, raggiungendo i più elevati standard qualitativi internazionali previsti dall'industria beverage.

Sebbene circa il 47% del ginepro di qualità utilizzato nell'industria del gin provenga infatti dalla Toscana - e in particolare dalla zona tra Firenze e Arezzo - ad oggi non sussiste un luogo dedicato al gin. E non esiste in Italia una distilleria esclusivamente dedicata: spesso il gin viene distillato in luoghi di produzione mista (ad esempio dove si produce la grappa), oppure Oltremanica, seppur con botaniche italiane.

Per la produzione di Peter in Florence, invece, è stato ideato uno speciale alambicco, realizzato in esclusiva da Green Engineering. Si tratta di una versione ridotta dello storico alambicco Carterhead utilizzato per la produzione di alcuni tra i migliori gin al mondo. 

Il design mantiene quello originale del 1831, ma le caratteristiche tecnologiche lo rendono all'avanguardia, unico in Italia, permettendo di controllare con un altissimo grado di precisione tutti i parametri fondamentali della distillazione, quali il grado alcolico, densità e temperatura, garantendo una elevata qualità. 

Si tratta anche dell'unico alambicco in Italia che utilizza l'infusione a vapore, permettendo una estrazione più delicata e naturale di olii essenziali e aromi.

La ricetta, creata da master distiller italiani, prevede processi di distillazione che combina in modo sapiente infusione liquida e infusione a vapore. La "vapour infusion" fu introdotta da Thomas Dakin utilizzando proprio un alambicco Carterhead, il cui progetto è stato reinterpretato per Peter in Florence utilizzando le migliori tecnologie disponibili, come la fluidodinamica numerica, ma mantenendone il design che lo contraddistingue da quasi 200 anni.


Costo della giornata con visita guidata alla distilleria: 30 euro
Info e prenotazioni: tel. 055 8326082 – info@poderecastellare.it


Materie prime/botanicals:
1 - Ginepro (Italia - Firenze) / Juniper berries - Vapour Infusion
2 - Iris radice (Italia - Firenze) / Orris (Iris root) - Vapour Infusion
3 - Iris petali (Italia - Firenze) / Iris flowers - Liquid Infusion
4 - Scorza di Limone essiccata (Italia) / Dried Lemon Peel - Vapour Infusion
5 - Scorza di Bergamotto fresca (Italia - Toscana) / Fresh Bergamot Peel - Vapour Infusion
6 - Radice di Angelica (Francia) / Angelica root - Vapour Infusion
7 - Corteccia di Cassia (Cina) / Cassia Bark - Vapour Infusion
8 - Semi di cardamomo verde (Italia) / Green Cardamomo seeds - Vapour Infusion
9 - Bacche di Rosa (Italia) / Rosehips - Liquid Infusion
10 - Fiori di Lavanda freschi (Italia - Firenze) / Fresh Lavander Flowers - Vapour Infusion
11 - Fiori di Rosmarino freschi (Italia - Firenze) / Fresh Rosemary Flowers - Vapour Infusion
12 - Coriandolo (Marocco) / Coriander - Vapour Infusion
13 - Mandorle amare (Spagna) / Almonds - Vapour Infusion
14 - Grani del Paradiso (West Africa) / Grains of Paradise - Vapour Infusion

Gradazione alc.: 43%
Metodo: London Dry Gin
 

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI