Cerca nel blog

martedì 9 maggio 2017

Open Dream: Comune e Camera di Commercio di Treviso Belluno, Unindustria Treviso, Iuav e Zanardo insieme per la ex Pagnossin. Presentato oggi il progetto e l'accordo Iuav e Zanardo

L'area ex Pagnossin di Treviso, dopo anni di abbandono e degrado, sta tornando ad assumere un ruolo centrale a Treviso e nella storia imprenditoriale del territorio.  L'area, acquistata nel 2015 dalla holding dell'imprenditore veneto Damaso Zanardo, è oggi oggetto di un impegnativo progetto a cui è stato dato il nome Open Dream (http://opendream.it), per il quale Zanardo ha coinvolto l'Università Iuav di Venezia come coordinatore del progetto.

Sulla base di questa idea, il team che si è messo al lavoro, composto da architetti, designer, curatori d'arte, pianificatori, selezionati dall'Università Iuav di Venezia e affiancati dai professionisti  incaricati da Zanardo, sperimenta nella pratica, e anticipa, le azioni di scambio e collaborazione tra Territorio, Università e Impresa fortemente in linea anche con il piano Industry 4.0.

100 mila metri quadrati, di cui 42 mila di edifici storici: sono questi alcuni dei numeri dell'area industriale dell'ex-Pagnossin, un tempo luogo simbolo della ceramica Made in Italy.
Ed è in quest'area che sta nascendo Open Dream: un progetto di riqualificazione di un'area di archeologia industriale che ha, tra le altre, la peculiarità di essere realizzato grazie ad una partnership pubblico - privato con l'ambizione di creare benessere e sviluppo per il territorio.

Il progetto, congiuntamente all'accordo tra la Zanardo e l'Università IUAV di Venezia, è stato presentato  in una conferenza stampa e con una visita ai luoghi dell'Open Dream (area ex Pagnossin, Via Noalese, 94 Treviso) a cui hanno partecipato tra gli altri il Sindaco di Treviso Giovanni Manildo, il Presidente della Camera di Commercio di Treviso e Belluno Mario Pozza, il presidente di Unindustria Treviso  Maria Cristina Piovesana,  il rettore dell'Università Iuav di Venezia Alberto Ferlenga  e l'imprenditore Damaso Zanardo.

"Si tratta- ha dichiarato il rettore dell'Università Iuav di Venezia Alberto Ferlenga-  di un vero e proprio progetto di rigenerazione urbana al quale i giovani ricercatori Iuav, lavorando a stretto contatto con Zanardo, stanno dando sostanza progettuale. L'idea è dar vita ad un area che risponda alle primarie esigenze della Persona: ravvivando i 5 Sensi.
L'ambizione è di creare una cittadella nella quale si incontrino food & beverage, ricettività ed eventi con arte e design, dando grande attenzione alle produzioni locali a partire dalla bioagricoltura".

Damaso Zanardo ha sottolineato che "Open Dream ha l'ambizione di far diventare questo straordinario patrimonio come l'ex Pagnossin, grazie anche al suo forte legame con il territorio, un luogo catalizzatore di imprese, università, centri di ricerche e di cultura. Un luogo facilmente raggiungibile perché fortemente connesso a livello internazionale grazie alla vicinanza all'aeroporto e che ha un connotato Green dato dal collegamento con la ciclabile Treviso Ostiglia".

"Ringrazio davvero Damaso Zanardo- ha dichiarato il Sindaco di Treviso Giovanni Manildo- per la lungimiranza con la quale sta gestendo il futuro di quest'area di rilevanza enorme per la storia industriale del nostro territorio. Un luogo che per anni ha esportato il nome di Treviso nel mondo. Oggi l'ex Pagnossin rappresenta ancora uno snodo fondamentale e sicuramente importante alle porte della città.
Ritengo poi ottima la progettazione in sinergia con l'Università: è grazie al sapere, allo studio approfondito dei luoghi e dei contesti in cui si trovano che è possibile gestire al meglio anche le ricadute e i cambiamenti che le novità portano con loro.

"Una bella azione di marketing territoriale da parte di Zanardo- dichiara il Presidente della Camera di Commercio di Treviso e Belluno Mario Pozza - a cui va riconosciuto il merito d'aver saputo realizzare e concretizzare  l'idea ispiratrice che porta valore aggiunto al contesto socio- economico del territorio. Questo recupero è un esempio di come un territorio possa  ridisegnare i propri profili e creare nuovi motivi di attrazione."

"Ci complimentiamo con il Gruppo Zanardo -  ha ribadito il presidente di Unindustria Treviso  Maria Cristina Piovesana- per questa importante iniziativa che, insieme allo Iuav, individua nuove idee e progetti per quest'area industriale alle porte di Treviso che è stata a lungo abbandonata.  E' un investimento di pensiero lungimirante, che unisce la responsabilità sociale per lo sviluppo del territorio alla creazione di nuove opportunità imprenditoriali e occupazionali. Questo progetto rappresenta un passaggio importante anche per l'iniziativa di  Unindustria Treviso volta a portare, nelle imprese come nelle Amministrazioni Comunali, una nuova cultura di utilizzo del territorio e per il recupero delle aree e molte strutture, capannoni e altro, che per effetto della crisi ma anche nuove esigenze produttive risultato dismesse. Prenderà l'avvio un progetto associativo pluriennale, con il coinvolgimento dei maggiori stakeholder locali, per capire le trasformazioni e analizzare le nuove domande di spazi produttivi per ridurre il consumo di suolo, recuperare importanti asset reali e promuovere l'insediamento di nuove attività".


Chi è Damaso Zanardo
Damaso Zanardo, 56 anni imprenditore di seconda generazione, è promotore di un nuovo modello di logistica per la sanità  e il  beverage con la Zanardo Soluzioni Logistiche, realtà con quartier generale a Venezia e unità operative nel Nord Italia.

E' attivo da più di trent'anni in Confindustria dove ha ricoperto numerosi incarichi e le sue aziende fanno parte di Confindustria Venezia, Unindustria Treviso, Assolombarda e di Assologistica, di cui  fa parte del Consiglio direttivo.
Ha la delega alla Città Metropolitana in Camera di  Commercio di Venezia Rovigo ed è coordinatore nazionale della Rete delle Associazioni territoriali di Confindustria delle Città Metropolitane (Ndr prima di lui a guidare la rete è stato il presidente di Assolombarda Gianfelice Rocca).

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Follow by Email