Cerca nel blog

giovedì 4 maggio 2017

World Password Day: Studio McAfee: a cosa rinunceremmo pur di non dover mai più ricordare una password?

Santa Clara, California, 4 maggio 2017 - Dalle manicure ai massaggi, un nuovo sondaggio di McAfee realizzato in occasione del World Password Day rivela che più di un quarto degli utenti sarebbero disposti a rinunciare ad alcune delle proprie attività gratificanti e trattamenti di benessere preferiti, pur di non dover mai più ricordare una password.

Per chiunque rientri nel 37% degli utenti all’antica che trascrivono su un foglio di carta le proprie password o nel 34% che riutilizza la stessa password per più account, è arrivato il momento di ripensare le proprie abitudini di sicurezza in merito alle password.

“La maggior parte delle persone non si rende conto che molte volte siamo proprio noi stessi a rendere vulnerabili i nostri dati personali perché tendiamo a utilizzare password troppo semplici o sempre la stessa password” ha sottolineato Antonio Gaetani, Director Partner Product Management di McAfee. “In fin dei conti, ciascuno di noi ha la responsabilità di proteggersi, e giornate come il World Password Day ci aiutano a pensare seriamente a questo problema e a come superarlo. Iniziamo cambiando le nostre password già oggi!”.

Tra i principali risultati emersi dallo studio segnaliamo:

Come vengono memorizzate le password
Secondo gli intervistati, una delle modalità più diffuse per memorizzare le proprie password è scriverle. Il 37% degli intervistati ha ammesso di conservare un documento con tutte le proprie password in un posto ritenuto sicuro.

Al secondo posto, l’abitudine di riutilizzare le password per più account, con il 34% che ammette di farlo regolarmente.

Sorprendentemente, con il 57% sono le donne di età compresa tra 18 e 24 anni ad avere questa brutta abitudine, rispetto al 25% degli uomini della stessa fascia di età che ammettono di riutilizzare la stessa password per più account.

Fortunatamente, anche l'utilizzo di un programma per gestire le password è stato tra i metodi più utilizzati per tenere traccia delle password con il 20% che ne fa un impiego regolare.

Ancora una volta i più attenti alla protezione sono gli uomini, che con una percentuale più che doppia (29%) rispetto alle donne (12%) utilizzano maggiormente questo sistema di archiviazione delle password.

A cosa si rinuncerebbe pur di non dover sforzare la memoria
Più di un quarto degli intervistati (26%) sarebbe disposto a rinunciare ai trattamenti di benessere (manicure, pedicure, massaggi, ecc.) pur di non dover mai più ricordare una password.

Solo il 10% degli intervistati ha dichiarato di essere disposto a rinunciare al proprio cibo preferito in cambio di non dover ricordare le password, in misura minore le donne (6%) rispetto agli uomini (15%).

Dispositivi non protetti
Più della metà (54%) degli intervistati possiede tra uno e quattro dispositivi non protetti da password o da una forma di autenticazione biometrica (come l'impronta digitale).

È più probabile che sano gli abitanti delle aree urbane a disporre di dispositivi connessi che non richiedono una password. Il 60% possiede tra uno e quattro dispositivi senza protezione di accesso, rispetto al 44% di persone che vivono in una zona rurale.

Autenticazione biometrica
L'autenticazione tramite impronte digitali è il fattore singolo considerato piú affidabile per sbloccare i dispositivi collegati al posto di una password (35%).Questa percentuale sale al 50% per gli individui tra i 18 ei 24 anni.

E se ci si dimentica la password…?
Quando si trova di fronte ad una password dimenticata, il 18% degli intervistati tenta varie combinazioni di password finché l’account non viene bloccato.
Più della metà (54%) degli intervistati, se si dimentica la password, il più delle volte abbandona il sito senza fare quello che avrebbe voluto.

Creazione e condivisione delle password
Quando deve creare una password, meno della metà (46%) degli intervistati afferma che la propria principale preoccupazione sia l’efficacia della password, mentre il 34% è più interessato a che sia semplice da ricordare.

Un preoccupante 59% degli intervistati si è dichiarato disponibile alla condivisione delle proprie password con gli altri. I più giovani sono i più aperti alla possibilità di condividere le loro password con il 69% degli intervistati di età compresa tra i 18 ei 24 anni che afferma di non trovarci niente di sbagliato.

Il 73% per cento degli uomini nella fascia di età 18-24 si sente tranquillo nel condividere le password rispetto al 65% delle donne dello stesso gruppo di età.
Le password condivise più spesso sono state quelle delle applicazioni di streaming video, con poco meno di un quarto (23%) che afferma di essere disposto a condividere la propria password per questa tipologia di servizi.

McAfee offre alcuni consigli utili per essere protetti:

  1. Creare password efficaci. Le password sono le chiavi della nostra vita digitale, perciò è bene essere certi di creare password solide e uniche per bloccare l’ingresso agli utenti indesiderati. È consigliato utilizzare un mix di numeri, lettere minuscole e maiuscole e simboli. Più complessa è la password, più difficile sarà violarla. Infine, evitare le password comuni e facili da indovinare come "12345" o "password".
  2. Utilizzare l'autenticazione a più fattori (MFA). Utilizzare più fattori di autenticazione per i propri account, ad esempio l’impronta digitale o un dispositivo affidabile, porta molti vantaggi, tra cui una maggiore sicurezza e un più facile accesso ai propri account online. Se si utilizza un servizio che offre l’MFA, assicurarsi di abilitarlo. Più fattori è possibile combinare, più sicuri saranno gli account.
  3. Cambiare spesso la password. Assicurarsi di cambiare le password alcune volte l'anno, specialmente se le password sono state utilizzate per più account. Utilizzare nuove password uniche aiuterà a rimanere un passo avanti rispetto ai criminali informatici.
  4. Utilizzare un password manager. Un programma per la gestione di password, come l'app True Key, aiuterà a creare password complesse e affidabili, eliminando la difficoltà di ricordarle e permetterà di accedere automaticamente ai propri siti web preferiti utilizzando l'autenticazione multifattoriale.
Nello spirito del World Password Day, McAfee ha creato un gioco online per informare divertendo gli utenti sulle buone abitudini da preferire in ambito di sicurezza e password e sui vantaggi di utilizzare uno strumento per la gestione delle password.

McAfee è impegnata nell'eliminazione delle password con la creazione di soluzioni che tolgano agli utenti le problematiche e i fastidi quotidiani dovuti alle pessime abitudini in ambito di password.

Ulteriori informazioni sul World Password Day e suggerimenti sulla sicurezza sono disponibili nel blog firmato da Gary Davis, chief consumer security evangelist di McAfee.

A proposito dello studio:
McAfee ha commissionato a MSI International la realizzazione di un sondaggio online a livello globale (in Australia, Francia, Germania, India, Giappone, UK e USA) con l’obiettivo di comprendere meglio gli atteggiamenti degli utenti verso le password. Lo studio è stato condotto tra marzo e aprile 2017 e ha coinvolto 3.000 persone, di età compresa tra i 18 anni di età.


A proposito di McAfee
McAfee è una delle principali società di sicurezza informatica indipendenti a livello globale. Ispirata dal potere della collaborazione, McAfee crea soluzioni per utenti professionali e privati che rendono il mondo un luogo più sicuro. www.mcafee.com

McAfee e il logo McAfee sono marchi registrati che appartengono a McAfee LLC negli Stati Uniti e in altri paesi.
* Altri nomi e marchi citati sono proprietà del loro legittimo proprietario/autore.

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Follow by Email