Cerca nel sito

giovedì 20 aprile 2017

Cribis, pagamenti: Italia fra i Paesi meno puntuali d'Europa

CRIBIS, ITALIA TRA I PAESI MENO PUNTUALI D'EUROPA NEI PAGAMENTI COMMERCIALI

DANIMARCA E GERMANIA AL TOP, IN CRISI ROMANIA, GRECIA, PORTOGALLO E POLONIA. 

TAIWAN LA NAZIONE PIU' VIRTUOSA IN ASIA, IL MESSICO NEL NORD AMERICA

Danimarca il Paese più virtuoso d'Europa, con l'86,5% di imprese puntuali. 

In Romania la situazione più critica: ritardi gravi superiori al 50%, seguita da Portogallo, Polonia e Grecia. 

Italia nelle ultime posizioni nel ranking europeo dei ritardi gravi

Lo Studio Pagamenti 2017 nel mondo realizzato da CRIBIS

Milano, 20 aprile 2017 – La Danimarca, con l'86,5% di imprese puntuali nei pagamenti commerciali, è il Paese più virtuoso d'Europa. 

Seguono, per completare le prime tre posizioni, la Germania con l'81,7% di pagamenti puntuali e l'Ungheria con una percentuale del 55,4%. Performance negative invece per le imprese rumene, in fondo alla classifica europea, con il 55,7% di ritardi gravi, seguita da Grecia, con il 29,8% di pagamenti oltre i trenta giorni di ritardo, e da Polonia e Portogallo. 

Nel corso del 2016, il Regno Unito mostra dei miglioramenti nelle abitudini di pagamento rispetto al 2015, con una crescita dei pagatori puntuali e una riduzione dei ritardi gravi a quota 9,5%.

All'interno dello scenario l'Italia si posiziona in 12esima posizione sulle 19 nazioni europee analizzate, con una percentuale di pagamenti virtuosi del 35,6%. Peggio del nostro Paese hanno fatto solo la Grecia (32,4%), Regno Unito (30,4%), Irlanda (27,5%), Finlandia (26,8%), Bulgaria (23,7%), Portogallo (19,5%) e Romania con il 17,6%. Anche per quanto riguarda l'andamento dei ritardi gravi, con una quota del 12,3%, l'Italia si posiziona nella parte bassa del ranking europeo.

E' quanto emerge dallo Studio Pagamenti 2017 realizzato da CRIBIS, la società del Gruppo CRIF specializzata nelle business information, che ha analizzato a fine 2016 i comportamenti di pagamento di 30 Paesi nel mondo, di cui diciannove europei.

Dopo Danimarca, Germania e Ungheria, la speciale classifica delle imprese più puntuali d'Europa vede l'Olanda (53,6%), Spagna (51,1%), Turchia (51%), Repubblica Ceca (44,7%), Slovenia (43,7%), Polonia (43,5%), Francia (40,1%), Belgio (37,9%), Italia (35,6%), Grecia (32,4%), Regno Unito (30,4%), Irlanda (27,5%), Finlandia (26,8%), Bulgaria (23,7%), Portogallo (19,5%) e Romania (17,6%).  

Analizzando i risultati emersi dallo Studio Pagamenti, l'Italia in tema di ritardi gravi si posiziona in quattordicesima posizione con una percentuale di cattivi pagatori pari al 12,3%. Peggio hanno fatto solo Turchia (12,7%), Portogallo (19,1%), Polonia (22,5%), Grecia (29,8%) e Romania (55,7%). Nonostante un calo dei ritardi gravi del 13% rispetto ad un anno fa, i dati italiani dimostrano ancora un importante ritardo rispetto ai Paesi come la Danimarca (0,4%), la Germania (0,7%), Spagna (7,6%) o Francia (8,1%).                                                                                             
"I ritardi oltre i 30 giorni sono uno dei principali indicatori dello stato di salute di un'impresa e identificano bene la situazione economica dei diversi paesi. Ne emergono imprese in difficoltà come ad esempio quelle rumene, greche, portoghesi o polacche e realtà solide come la Germania o la Danimarca che esibiscono ritardi gravi quasi nulli. Un recente studio di Dun & Bradstreet sui trend dei fallimenti in 38 paesi, il 2017 Global Bankruptcy Report, mostra un generale miglioramento, con ben 26 paesi che vedono un trend più positivo. Un buon segnale per il tessuto imprenditoriale italiano che ha l'export nel suo DNA.

"Lo scenario italiano è in miglioramento. Le nostre ultime rilevazioni mostrano come i ritardi oltre il mese di ritardo siano in costante diminuzione, ben il 13% rispetto al 2015. C'è però ancora molto lavoro da fare per migliorare le proprie performance di pagamento", commenta Marco Preti, Amministratore Delegato CRIBIS. "Negli ultimi anni i mercati si sono allargati e le aziende italiane sono uscite dai confini dell'Unione Europea per sfruttare le nuove opportunità, trovandosi così ad affrontare mercati molto più complessi come quello asiatico. In questo contesto le aziende cercano nuovi partner e clienti con cui stringere partnership di lungo termine. Ma molte di queste aziende si affacciano per la prima volta in nuovi contesti e avere rapporti commerciali con nuove aziende estere significa spesso rapportarsi con dinamiche differenti. E' diventato dunque sempre più strategico verificare come un'azienda paga i suoi fornitori per  conoscere il suo reale stato di salute come controparte ed evitare cattive sorprese come i mancati pagamenti", conclude Preti.

Abitudini di pagamento in Asia
Nel 2016 Taiwan si distingue per la puntualità dei pagamenti delle sue imprese, virtuose nel 72,2% dei casi. Situazione diametralmente opposta per le Filippine, dove i pagamenti regolari sono solo del 12%, mentre i gravi ritardi sono addirittura del 66,2%. A seguire, dopo Taiwan per puntualità troviamo Hong Kong (30,2%), Cina (26%) e Israele (18,2%). La Cina inoltre mostra un peggioramento nelle abitudini di pagamento rispetto al 2015, con un decremento dei pagamenti virtuosi del 7,2%. A livello settoriale si segnalano invece le buone performance dei servizi finanziari in Taiwan e dell'edilizia in India.

Abitudini di pagamento nell'America del Nord
Il Messico, con una percentuale di pagamenti alla scadenza del 55,2% è il Paese più virtuoso. Di poco distanziati gli Stati Uniti (53,8%), più in difficoltà invece il Canada, che ha performance di pagamenti regolari del 42,3%. Contenuti per il Messico  i ritardi gravi, pari al 2,5%. Leggermente peggio le performance di Canada (8,6%) e Stati Uniti (7,2%).

Andamento dei pagamenti in Sud Africa nel 2016
Nel 2016 il 49,3% delle imprese del Sud Africa ha saldato puntualmente i propri fornitori, un bel miglioramento rispetto al 2015 quando la percentuale era del 35,9%. In diminuzione nel 2016 anche i ritardi gravi oltre i 90 giorni: erano il 7,7% nel 2015, sono scesi all'attuale 3,1%.



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI