Cerca nel blog

venerdì 28 aprile 2017

Equo Garantito presenta il rapporto annuale sul fair trade italiano. Il 13 maggio è la Giornata mondiale del commercio equo e solidale

13 maggio 2017: in tutto il mondo si celebra la Giornata Mondiale del Commercio Equo e Solidale.
L'Unione Europea è il principale mercato mondiale per i prodotti del Fair Trade
A Treviso, il 6 maggio, verrà presentato il Rapporto Annuale di Equo Garantito, con tutti i numeri del Commercio Equo italiano

 

Milano, 28 aprile 2017 - Il 13 maggio prossimo ricorre la Giornata Mondiale del Commercio Equo e Solidale, occasione importante per fare il punto sullo scenario internazionale e italiano di un movimento che da più di 20 anni si propone di cambiare le regole "del  gioco” del mercato globale, per rafforzare e sostenere i mercati locali, dando con la propria azione un importante contributo per il raggiungimento degli obiettivi dell’agenda 2030 delle Nazioni Unite.
• Un milione i lavoratori del commercio equo e solidale nel mondo, tra cooperative e piccoli produttori.
• 2mila realtà produttive di agricoltura e artigianato.
• 50 Paesi coinvolti in Africa, Asia e Medio Oriente, America Latina, ma anche Europa.
• 8 miliardi di euro, la stima del fatturato del commercio equo nel mondo. 
Molti sono gli eventi in programma in tutta Italia organizzati nelle Botteghe e raccolti all’interno della campagna Maggio Equo – il mese che Equo Garantito dedica alle attività primaverili dei propri soci e alla presentazione dei dati economici e sociali che riguardano il movimento italiano rappresentato dagli 82 soci della nostra organizzazione. Fiere, colazioni eque, mostre fotografiche e dibattiti e attività nelle scuole.

Ciò che emerge a livello internazionale è una tendenza di crescita delle vendite dei prodotti, mentre secondo le analisi dell’European Parlamentary Service, rivela inoltre che sin dal 2013 l’Unione Europea era il principale mercato di prodotti del Commercio Equo a livello mondiale.

Il Rapporto Annuale di Equo Garantito 2017, che verrà presentato ufficialmente il 6 maggio 2017 a Treviso, nella Fiera 4 Passi  – nel convegno “Stiamo facendo un buon lavoro” che sarà aperto dal ministro per l’Ambiente Gian Luca Galletti, oltre a monitorare l’andamento economico di gran parte delle organizzazioni che fanno Commercio Equo e Solidale in Italia, conferma anche la forte valenza sociale e culturale di tali organizzazioni per la costruzione di nuovi modelli di economia basati sul rispetto dei diritti umani e dei lavoratori, sulla responsabilità sociale e ambientale del commercio e sulla promozione della sostenibilità a livello locale.

Nonostante i ricavi 2015 non siano cresciuti rispetto all'anno precedente, sono aumentati i lavoratori impiegati nel sistema e le attività con i produttori

Il valore delle importazioni dirette dai produttori è passato da quasi 12 milioni nel 2013 a circa 13 milioni di euro nel 2015.

I produttori in partnership con gli importatori Equo Garantito sono 206, anch’essi in leggero aumento, ma il dato più interessante è sicuramente che nel 2015 sono stati inseriti 24 nuovi produttori che non avevano contatti pregressi con importatori italiani.


"Questa positiva tendenza significa una continua apertura e ampliamento delle relazioni e innovazione dei prodotti per le nostre attività" conferma Giovanni Paganuzzi, presidente di Equo Garantito.

Questa fotografia rende visibile l’impegno concreto del lavoro dei soci di Equo Garantito, rispetto agli obiettivi di sviluppo sostenibile nel sud e nel nord del mondo. 

A livello italiano, altro dato interessante è il numero di capitolati pubblici -oltre 300- che hanno inserito tra i criteri quelli relativi al Commercio Equo e Solidale, soprattutto a livello di mense scolastiche.

Ricordiamo infine che c’è ancora una legge in attesa di approvazione definitiva dopo che, un anno fa a marzo 2016, è passato il primo step legislativo di approvazione alla Camera.


Equo Garantito – Assemblea Generale Italiana del Commercio Equo e Solidale è l’associazione di categoria delle organizzazioni di Commercio Equo e Solidale italiane. 

Rappresenta nel Paese, nella società civile, con i media e le istituzioni locali e nazionali le esperienze e la cultura dei suoi Soci: organizzazioni non profit e Botteghe del Mondo che promuovono i prodotti e i principi di un’economia di giustizia fondata sulla cooperazione e su relazioni paritarie tra i soggetti che partecipano alla realizzazione di un bene. 

Equo Garantito offre alle proprie Organizzazioni socie un sistema di garanzia certificato che non ha eguali al mondo: infatti Organizzazioni di diversa natura (Botteghe del Mondo e importatori) si sono date un sistema di tutela per garantire che le prassi contrattuali rispettino i valori del Commercio Equo, descritti nella Carta dei Criteri del Commercio Equo e Solidale di cui l’associazione Equo Garantito è depositaria.

A oggi Equo Garantito raggruppa 82 realtà EquoSolidali, Organizzazioni distribuite su tutto il territorio, che fatturano nel complesso quasi 75 milioni di euro e sono animate da circa 35mila soci. 


Oltre 900 sono i lavoratori impiegati nel Fair Trade in Italia, quasi 5mila sono i volontari mentre 234 sono i punti vendita sul territorio.

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Follow by Email