Cerca nel sito

venerdì 7 aprile 2017

Hera: a Rimini un sottomarino per videoispezionare le reti fognarie

Nell'ambito del PSBO Hera ha utilizzato una tecnica innovativa per la verifica di un tratto del torrente Ausa, utilizzato come collettore. Il robot, telecomandato, ha permesso di ottenere informazioni preziose sullo stato del canale     

Un sottomarino telecomandato per videoispezionare le reti fognarie; si tratta di un'efficace e innovativa tecnica sperimentata con successo da Hera a Rimini, dove è in corso la realizzazione del Piano di Salvaguardia della Balneazione Ottimizzato (PSBO), di cui l'azienda è parte attiva insieme al Comune di Rimini e a Romagna Acque. 

Il Piano, com'è noto, è la più grande opera di risanamento idrico attualmente in corso in Italia, ha un valore di 154 milioni di euro e consentirà di eliminare entro il 2020 la fognatura nera dagli 11 scarichi a mare.    

La realizzazione del PSBO passa anche attraverso la verifica dello stato funzionale della rete fognaria, dal momento che il corretto stato di conservazione dei collettori è un elemento fondamentale per garantire la piena funzionalità e l'adeguato livello di sicurezza idraulica del sistema e per programmare interventi di sviluppo.   

La verifica di questi aspetti avviene solitamente attraverso tecniche di videoispezione 'tradizionali', che permettono di evidenziare, tramite l'uso di videocamere, lo stato 'interno' dei collettori. 

Esistono, però, situazioni in cui l'utilizzo di questi sistemi non è attuabile: ad esempio quando vi siano depositi sul fondo della condotta o quando l'acqua sia tanta e talmente torbida da non permettere le riprese.   

Poiché questo era il caso del torrente Ausa, principale asse del sistema fognario riminese, Hera ha scelto di sperimentare, grazie al supporto di una società che opera nell'ambito della robotica sottomarina, un'innovativa tecnica di videoispezione. 

La soluzione individuata ha quindi previsto l'uso di un sottomarino a comando remoto (Remotely Operated Vehicle - ROV), una speciale apparecchiatura già utilizzata in altri campi ma mai sperimentata prima in Italia per la videoispezione delle reti fognarie.   

Dal punto di vista tecnico, l'indagine è stata effettuata sia mediante videocamera "tradizionale", sia attraverso un sonar panoramico e un sonar bidimensionale, installati sul robot telecontrollato. Inoltre è stato utilizzato un cavo ombelicale di circa 1.500 metri di lunghezza, con fibra ottica multimodale e monomodale, per permettere la trasmissione di segnale video, sonar, telemetria e sensore di pressione. 

Come cabina di controllo è stato utilizzato un furgone appositamente attrezzato, all'interno del quale era presente tutta la strumentazione necessaria alla gestione del ROV e alla sua corretta conduzione.   

L'utilizzo del sottomarino per la videoispezione del torrente Ausa ha consentito di ottenere informazioni preziose sullo stato del collettore fognario e di mettere in campo appositi interventi manutentivi.  

Nei prossimi mesi la Direzione Acqua del Gruppo Hera utilizzerà ancora questa tecnologia per svolgere ulteriori indagini sul sistema fognario di Rimini.   

"L'utilizzo di questa tecnica innovativa, ha detto Franco Fogacci,Direttore Acqua di Hera, ha confermato il nostro interesse verso strumenti capaci di rendere ancora più efficienti e all'avanguardia i nostri servizi. Da anni, del resto, Hera scommette sulle nuove tecnologie e sulle idee perché sono fattori fondamentali per la strategia di crescita del Gruppo. La videoispezione del canale Ausa, realizzata con questo nuovo sistema, ha fornito un contributo essenziale alla realizzazione di un'opera di rilevanza nazionale, quale è il PSBO".


--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI