Cerca nel sito

lunedì 3 aprile 2017

LICENSING: UN MERCATO IN ITALIA DA 1,2 MILIARDI DI ROYALTY

Image

MAGGIORE FATTURATO DA MODA, CHARACTER E AUTOMOTIVE

La nuova ricerca "Italian Licensing Industry Survey 2017"
annunciata in occasione del Bologna Licensing Trade Fair (BLTF)

Il mercato del licensing in Italia ha sviluppato nel 2015 un fatturato di 1,2 miliardi di euro per le royalty relative alla compravendita di licenze e allo sviluppo di prodotti basati su marchi e property affermati. Un business in notevole crescita che ha quasi raddoppiato gli incassi del 2013, quando il fatturato delle royalty aveva raggiunto i 680 milioni di euro. E' quanto emerge dalla nuova ricerca "Italian Licensing Industry Survey 2017", realizzata dalla società di consulenza PwC in collaborazione con l'associazione internazionale LIMA (Licensing Industry Merchandisers' Association). 

I risultati di questa ricerca sono stati annunciati in occasione dell'apertura oggi della fiera specializzata Bologna Licensing Trade Fair (BLTF), organizzata da BolognaFiere e giunta alla decima edizione, che si svolgerà fino a dopodomani 5 aprile nel Quartiere fieristico di Bologna, contemporaneamente alla grande Fiera del Libro per Ragazzi. 

Quest'anno al BLTF partecipano 46 espositori, in rappresentanza di circa 800 brand, su una superficie espositiva più ampia rispetto all'edizione 2016.

La ricerca "Italian Licensing Industry Survey 2017" è stata elaborata da PwC nel 2016 sulla base di un questionario inviato nel corso del 2015 a 183 aziende italiane (101 hanno risposto) attive nel mercato come licenzianti o agenzie di licensing. Il business più dinamico è risultato essere la moda, che ha fatto registrare 613,9 milioni di euro di incassi per le royalty (pari al 52,8% del totale). 

Altri settori importanti sono i character, cioè i personaggi lanciati dai cartoon, con un fatturato di 178,2 milioni (15,3%), l'automotive con 101,2 milioni (8,7%), l'abbigliamento con 86,4 milioni (7,4%) e lo sport con 56,9 milioni (4,9%). Sul totale di 1,2 miliardi di euro di fatturato per le royalty, la maggior parte proviene direttamente dall'Italia (477,6 milioni, 41,1%), seguita dal resto dell'Europa (293,7 milioni, 25,3%), dall'Estremo Oriente (178,1 milioni, 15,5%), dal Nord America (163,6 milioni, 14,1%) e infine dal Sud America (48,5 milioni, 4,2%).

La fiera BLTF 2017 si è aperta oggi a Bologna con la conferenza inaugurale sul tema "Come le tendenze digital nell'industria del giocattolo incidono sul licensing", a cui hanno partecipato esperti di livello internazionale di ToyTrends, Kidz Global Europe, Spin Master Italy e Total Licensing. 

Nei tre giorni di manifestazione, sono previsti una decina di convegni ed eventi, dedicati in particolare alla produzione in Italia di prodotti premium (organizzato oggi da Leoni SpA), a Doraemon (CPLG Italy) e Dragon Ball Super (Starbright Licensing), alle attività di licensing degli illustratori e alle risorse pubbliche per l'animazione (entrambi organizzati da BLTF e Studio Legale Pellegrino), oltre alle presentazioni delle ultime property da parte di alcune aziende (Planeta Junior, Maurizio Distefano Advisory, Hasbro, Bic e Studio Bozzetto). In aggiunta a questi appuntamenti, il programma del BLTF prevede una ventina di preview e performance organizzate dagli espositori. 

Confermato anche il "Licensing Retail Day", giunto allaquinta edizione e organizzato in collaborazione con Largo Consumo, che vedrà la presenza di importanti reti di distribuzione europee ed internazionali. Tra le novità, la prima edizione del "Bologna Licensing Award", un riconoscimento rivolto per i migliori programma di licensing e sviluppo di prodotto realizzati nel biennio 2015-16 dagli espositori della manifestazione: i premi sono stati assegnati a PeppaPig, Barbie, i Puffi, i Rollinz, Despicable Me–Franchise Minions, Trolls e Paw Patrol. 

Bologna, 3 aprile 2017

Image

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI