Cerca nel sito

martedì 18 aprile 2017

Pagamenti Online. Da piattaforma di eCommerce a Digital Wallet: Amazon Pay arriva in Italia | Commento Osservatori Politecnico Milano


Da piattaforma di eCommerce a Digital Wallet: Amazon Pay arriva in Italia.

Commento di Valeria Portale e Ivano Asaro, Osservatorio Mobile Payment & Commerce


Milano, 18 aprile 2017 - Amazon lancia ufficialmente la sfida a PayPal anche in Italia. E lo fa con Amazon Pay, servizio che permette alle migliaia di account già registrate ad Amazon con carta di pagamento di pagare gli acquisti anche su siti di esercenti terzi inserendo solo username e password. 

Se sarà veramente sfida tra questi due grandi attori, o più una coopetizione, in realtà lo sapremo solo nei prossimi mesi: solo qualche settimana fa erano infatti emersi alcuni rumors, confermati indirettamente dal CEO di PayPal Dan Schulman, sul fatto che Amazon e PayPal avessero ricominciato a parlare della possibilità di inserire quest'ultimo come metodo di pagamento sulla piattaforma di eCommerce. Dialoghi, quindi, che non fanno ipotizzare una lotta serrata sul mercato. Jeff Bezos, numero 1 di Amazon, già prima di questo annuncio (l'Italia è l'ottavo paese in cui il servizio viene avviato) aveva in realtà aperto al mondo dei venditori terzi, abilitando la possibilità per gli esercenti di vendere direttamente sul marketplace del colosso americano e, di fatto, utilizzando già l'account Amazon per effettuare il pagamento. 

Il lancio del nuovo servizio va però oltre: Amazon Pay comparirà come possibile metodo di pagamento sui siti di eCommerce e nelle app dei merchant. L'obiettivo è sfruttare la fiducia che i consumatori ripongono in Amazon e la reputazione che il brand ha acquisito in questi anni per diventare ancora più "presente" negli acquisti degli utenti, indipendentemente da dove verranno effettuati. 

La semplicità è l'altra leva su cui Amazon punta fortemente: gli utenti possono pagare con pochi click, ricordandosi solo poche informazioni e senza dover inserire ogni volta i dati della carta; un aspetto fondamentale per gli acquirenti eCommerce. Amazon Pay sarà totalmente gratuito per i consumatori, mentre i merchant, similmente a quanto avviene con PayPal, si vedranno trattenere una percentuale dell'importo oltre a una commissione fissa.

Viene da chiedersi quale possa essere la strategia di lungo termine di Amazon. Si fermerà al mondo dei pagamenti online o proverà a planare anche sul mondo fisico? Il nome scelto per il servizio, Amazon Pay, che richiama molto quelli lanciati da altri grandi attori internazionali (Apple Pay, Samsung Pay, Android Pay) per i servizi di pagamento in negozio, apre a interessanti suggestioni. 

Di fatto, Amazon Pay diventa a tutti gli effetti un Digital Wallet che il cliente può utilizzare in diverse occasioni. L'azienda famosa per la piattaforma di eCommerce ha inoltre già dimostrato più volte di guardare con interesse anche al mondo brick&mortar: dal lancio di alcune librerie negli Stati Uniti, al test del negozio senza casse Amazon Go, al lancio di Amazon Prime Now per la consegna a domicilio, fino all'avvio della scorsa settimana del servizio Amazon Cash per ricaricare il wallet in contanti presso alcuni negozi fisici. 

Il rivale stesso, PayPal, nell'ultimo anno ha stretto diverse partnership – con Vodafone, Visa e Mastercard ad esempio – proprio con l'obiettivo di abilitare i propri utenti anche ai pagamenti in negozio.

La battaglia degli X-Pay in Italia deve ancora partire, ma il 2017 promette di essere un anno molto interessante in merito. Che Amazon possa diventare uno dei partecipanti alla partita?






La School of Management del Politecnico di Milano, costituita nel 2003, accoglie le molteplici attività di ricerca, formazione e alta consulenza, nel campo dell'economia, del management e dell'industrial engineering, che il Politecnico porta avanti attraverso le sue diverse strutture interne e consortili. La Scuola ha ricevuto nel 2007 il prestigioso accreditamento EQUIS. 

Dal 2009 è nella classifica del Financial Times delle migliori Business School d'Europa. Nel Marzo 2013 ha ottenuto il prestigioso accreditamento internazionale da AMBA per i programmi MBA e Executive MBA. Dal 2014, la Scuola è membro di UniCON, PRME e Cladea. La Scuola può contare su un corpo docente di più di duecento tra professori, ricercatori, tutor e staff e ogni anno vede oltre seicento matricole entrare nel programma undergraduate. 

Fanno parte della Scuola: il Dipartimento di Ingegneria Gestionale e MIP Graduate School of Business che, in particolare, si focalizza sulla formazione executive e sui programmi Master.

Gli Osservatori Digital Innovation della School of Management del Politecnico di Milano (www.osservatori.net) nascono nel 1999 con l'obiettivo di fare cultura in tutti i principali ambiti di Innovazione Digitale per favorire lo sviluppo del Paese. La Vision che guida gli Osservatori è che l'Innovazione Digitale sia un fattore essenziale per lo sviluppo del Paese. 

La Mission degli Osservatori è produrre e diffondere conoscenza sulle opportunità e gli impatti che le tecnologie digitali hanno su imprese, pubbliche amministrazioni e cittadini, tramite modelli interpretativi basati su solide evidenze empiriche e spazi di confronto indipendenti, pre-competitivi e duraturi nel tempo, che aggregano la domanda e l'offerta di innovazione digitale in Italia. Gli Osservatori sono oggi un punto di riferimento qualificato sull'innovazione digitale in Italia che integra attività di Ricerca, Comunicazione, Formazione e una Community sempre più ampia di professionisti. 

Gli Osservatori sono ormai molteplici e affrontano in particolare tutte le tematiche più innovative: Agenda Digitale, Big Data Analytics & Business Intelligence, Cloud & ICT as a Service, Cloud nella PA, Contract Logistics, Digital Finance, Digital Transformation Academy, Digital Insurance, eCommerce B2c, eGovernment, Enterprise Application Governance, Export, Fatturazione Elettronica e Dematerializzazione, Gestione Progettazione e PLM (GeCo), Gioco Online, HR Innovation Practice, Hubility/Multicanalità, Industria 4.0, Information Security & Privacy, Innovazione Digitale in Sanità, Innovazione Digitale nel Retail, Innovazione Digitale nei Beni e Attività Culturali, Innovazione Digitale nel Turismo, Internet Media, Internet of Things, Mobile B2c Strategy, Mobile Banking, Mobile Payment & Commerce, Professionisti e Innovazione Digitale, Smart Agrifood, Smart Working, Startup Hi-tech, Startup Intelligence, Supply Chain Finance.



www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI