Cerca nel blog

giovedì 25 ottobre 2018

Un aranceto nel centro della Spezia: crowdfunding per sostenere il progetto di un'associazione culturale

Un aranceto nel centro della Spezia, crowdfunding per realizzarlo

L'associazione Orti di San Giorgio vuole riportare in città la tradizione agricola

 

Trenta piante di arancio nel parco delle Clarisse ai piedi del castello di San Giorgio. L'associazione spezzina di orticultura "Orti di San Giorgio" vuole riportare in città la tradizione degli aranceti nell'orto botanico ricreato in pieno centro cittadino. E lo fa affidandosi al crowdfunding sulla piattaforma Eppela. L'iniziativa fa parte di un percorso promosso da Fondazione Carispezia che, in collaborazione con Eppela, ha deciso di sostenere cinque progetti di organizzazioni no-profit del territorio della provincia spezzina e della Lunigiana, selezionati con una call lanciata a giugno. 
La scelta di realizzare l'agrumeto affonda nella storia della città della Spezia. Vicolo degli Aranci, infatti, era la stradicciola parallela alla Via degli Orti, ora via Gioberti, un tempo tra i caseggiati De Nobili ed il mare. Un nome che, appunto, tramanda il ricordo della presenza di numerose piante di arancio tanto che le "arance di Spezia" erano un tempo conosciute ed apprezzate al pari dei limoni di Monterosso. Nel 1827 (lo dice il censimento comunale) alla Spezia si producevano 9mila quintali di arance negli orti posti all'esterno delle mura cittadine che, una volta raccolti venivano poi inviati a Genova per essere spediti dentro grandi barili nel nord Europa.
Le trenta piante saranno collocate all'interno del parco delle Clarisse, spazio pubblico la cui gestione e cura è affidata all'associazione Orti di San Giorgio. 
Il sostegno economico richiesto (l'obiettivo è raggiungere i 7mila euro) non servirà solo ad acquistare le piante ma anche a tenere tutta la parte dei corsi per una corretta gestione dell'agrumeto e per la protezione da malattie e parassiti. E per creare una comunità cui sia affidata la cura dello spazio e la diffusione della cultura.Il terreno per la messa a dimora delle piante verrà preparato interamente a mano. 
Le donazioni possono essere effettuare sulla piattaforma al link eppela.com/fondazionecarispeziaIn cambio i piccoli o grandi mecenati riceveranno una "ricompensa"  proporzionata alla donazione.  Fondazione Carispezia parteciperà alla raccolta, raddoppiando le donazioni fino a un massimo di 5 mila euro a progetto nel momento in cui verrà raggiunto il 50% del traguardo.



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *