Cerca nel blog

lunedì 11 giugno 2018

PRETA lancia la prossima fase per realizzare la Directory PSD2 di Open Banking Europe

PRETA lancia la prossima fase per realizzare la Directory PSD2 di Open Banking Europe

A seguito del lavoro iniziato nel 2017 per la progettazione e lo sviluppo di una directory per i servizi Open Banking, PRETA è impegnata ad incrementare, insieme a un consorzio di banche, l'adesione alla piattaforma che aiuta gli attori sul mercato a essere conformi ai requisiti della PSD2 in materia di accesso ai conti.


Parigi, 11 giugno 2018 – PRETA annuncia oggi il lancio della fase due del progetto di directory Open Banking Europe (OBE). L'iniziativa Open Banking Europe è stata avviata nel giugno 2017 per aiutare i i prestatori di servizi di pagamento di radicamento del conto (AS-PSP) e le terze parti (TPP) che offrono servizi di payment initiation e di account information a soddisfare i requisiti di accesso ai conti stabiliti dalla PSD2.


La directory OBE fornirà una piattaforma centralizzata al fine di aiutare gli AS-PSP a verificare i diritti di accesso delle terze parti e aiuterà inoltre queste ultime a localizzare i portali di sviluppo degli AS-PSP e altri dati operativi che sarebbero, in alternativa, distribuiti su più siti separati tra loro.

Al progetto partecipano attualmente 32 banche e fornitori di servizi che hanno lavorato insieme per realizzare una directory centralizzata e paneuropea che possa fornire informazioni rilevanti su AS-PSP e TPP per i servizi autorizzati di accesso ai conti. La directory OBE è già sviluppata e utilizzata da banche e fornitori di servizi per misurare l'impatto della PSD2 sui propri sistemi e conoscerne le implicazioni operative.

La fase 2 aggiunge alcune funzionalità alla directory ed è aperta anche a nuovi partecipanti. Si prevede che la fase 2 sarà finalizzata entro la fine dell'anno, con l'obiettivo di rendere operativa la versione avanzata della directory entro il 2 gennaio 2019.

"Il settore ha fatto molta strada dalla fine dello scorso anno", ha dichiarato John Broxis, Managing Director di PRETA. "A dicembre non disponevamo di standard per la certificazione e-IDAS in PSD2, di nessuna idea condivisa sul funzionamento dei controlli all'accesso, e di nessuna piattaforma per aggregare i dati contenuti nei 31 registri nazionali delle autorità competenti. Open Banking Europe ha contribuito alla definizione di codesti elementi permettendo ai vari stakeholders di disporre di un quadro di riferimento più preciso.

Mentre gli AS-PSP e TPP stanno diventando sempre più consapevoli di questo nuovo strumento e delle esigenze che è in grado di soddisfare nel contesto dell'accesso ai conti, stiamo proseguendo nel convenzionamento di nuovi utenti."

L'iniziativa Open Banking Europe è inoltre alla ricerca di strumenti di verifica e di conformità per testare le API delle banche partecipanti.

I soggetti interessati a utilizzare la directory OBE e/o a essere parte della fase 2 del progetto, sono invitati a contattare PRETA.


PRETA S.A.S. è stata fondata nel 2013 al fine di sviluppare e innovare i servizi di pagamento digitali e di verifica dell'identità elettronica. L'azienda è interamente controllata dalla società EBA CLEARING, un fornitore di soluzioni infrastrutturali di pagamento paneuropee, di proprietà di 51 banche.

L'obiettivo di PRETA è quello di garantire la protezione dell'identità digitale e di fornire soluzioni sicure e semplici, in ambito online e mobile. La ovcazione paneuropea di PRETA incoraggia la collaborazione di tutti gli attori nello spazio cooperativo, con lo scopo di sostenere l'economia digitale europea e il Mercato Unico Digitale.

PRETA possiede e gestisce MyBank, una soluzione di autorizzazione elettronica che consente lo scambio di informazioni finanziarie e non finanziarie Prestatori di Servizi di pagamento e altri operatori sul mercato. MyBank Payments consente ai clienti di pagare online o da mobile, direttamente dal proprio conto corrente bancario.


Open Banking Europe
(OBE) è un'iniziativa PRETA che è stata lanciata nel giugno 2017 con l'obiettivo di promuovere l'innovazione, la concorrenza sul mercato e l'efficienza, al fine di ampliare le possibilità di scelta dei consumatori e di migliorare la sicurezza dei pagamenti online nell'UE.

Per poter riuscire in questo obiettivo Open Banking Europe ingaggia i soggetti del mercato, al fine di trasformare i requisiti normativi in una realtà operativa e per fornire al settore i servizi di directory PSD2.



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *