Cerca nel sito

mercoledì 5 luglio 2017

Residenziale: rallenta ancora il calo dei prezzi, -1,1% nel primo semestre 2017

Il costo medio delle abitazioni in Italia è di 1.918 euro al metro quadro

Rallenta ancora la discesa dei prezzi degli immobili residenziali: 
-1,1% nei primi sei mesi del 2017

A Potenza, Milano, Bologna, Firenze e Venezia i valori sono giàin risalita

Milano, luglio 2017  Per la seconda rilevazione consecutiva, il calo dei prezzi degli immobili residenziali in Italia è da record: il -1,1% registrato nei primi sei mesi del 2017 dall'Osservatorio di Immobiliare.it è la nuova riduzione più contenuta degli ultimi tre anni. Confrontando lo scorso giugno allo stesso mese del 2016, i prezzi risultano scesi del 2,3%; ma rispetto a marzo 2017 il valore, in calo di appena lo 0,6%, rivela una solidità del mercato sempre più vicina. 
A giugno 2017 il prezzo delle abitazioni italiane è stato pari a 1.918 euro al metro quadro, valore che però varia nelle tre diverse aree del Paese. Nonostante un'oscillazione semestrale più ampia (-1,5%) rispetto alla media nazionale, il Centro è sempre la zona più cara con prezzi medi pari a 2.305 euro al metro quadro. Al Nord la stabilità del mercato è più vicina che altrove: qui la cifra di 1.938 euro al metro quadro è il risultato di un calo di appena lo 0,7% nell'ultimo semestre ed è stato ancora più ridotto quello degli ultimi tre mesi (-0,4%)
Il primo semestre si chiude per il Sud con un -1,4% dei prezzi immobiliari e la cifra media richiesta è stata di 1.606 euro al metro quadro.
Se per i costi rimane molto ampia la forbice dei valori nei piccoli e grandi centri del Paese, osservando l'andamento dei prezzi delle abitazioni le oscillazioni sono molto vicine fra loro. Nelle città italiane con più di 250mila abitanti il prezzo medio, a giugno, è stato pari a 2.549 euro al metro quadro, contro i 1.671 dei centri più piccoli. Negli ultimi sei mesi l'oscillazione dei valori è stata pari rispettivamente al -1,2% e -1,3%. 

«La prima parte del 2017 ha confermato quello che ci aspettavamo dall'andamento del mercato immobiliare residenziale, con un aumento costante delle compravendite e prezzi delle abitazioni che lentamente si stanno avvicinando alla stabilità - dichiara Carlo GiordanoAmministratore Delegato di Immobiliare.it. - Il ritorno di interesse da parte degli investitori del mattone verso l'Italia ha portato a un'accelerata della ripresa nelle città più ambite come Firenze, Milano, Venezia e Bologna, dove i costi per gli acquisti di abitazioni risultano già in crescita.»
I capoluoghi di regione
Firenze rimane il capoluogo di regione più caro in Italia, con una media dei prezzi richiesti pari a 3.447 euro al metro quadro: come nell'Osservatorio relativo al 2016, anche nella prima parte del 2017 i prezzi delle case fiorentine risultano in aumento(+0,6% su base semestrale). 
I costi del residenziale tornano a crescere anche a Milano, seppur di poco (+0,2% nei primi sei mesi del 2017); il capoluogo lombardo rimane ancora terzo con i suoi 3.221 euro al metro quadro, ma accorcia le distanze nei confronti della seconda in classifica, che è Roma, con una media di 3.265 euro al metro quadro. 
Nella Capitale i prezzi degli immobili residenziali sono ancora in calo e hanno perso l'1,9% nel primo semestre 2017 e il 3,4% nell'ultimo anno.
Nonostante i valori siano mediamente stabili e abbiano perso solo lo 0,6% nell'ultimo semestre, Catanzaro è ancora il capoluogo di regione più economico, con una media di 1.123 euro al metro quadro. 
Ancora più prossimi alla stabilità i costi medi necessari per l'acquisto di un immobile a Campobasso, dove si pagano mediamente 1.179 euro al metro quadro, cifra in calo dello 0,1% nel primo semestre 2017. 
Scendono in modo evidente i prezzi delle case a Perugia: dopo un calo del 3,3% nei primi sei mesi dell'anno, la cifra media richiesta nel capoluogo umbro, pari a 1.247 euro al metro quadro, è la terza più economica fra i capoluoghi di regione.
Le migliori performance del mercato residenziale, oltre che nelle già citate Firenze e Milano, si sono registrate a sorpresa anche a Potenza, dove negli ultimi sei mesi i valori risultano in aumento del 5,6%. Confrontando giugno 2017 con dicembre 2016, i prezzi delle abitazioni sono saliti dell'1,9% a Venezia e 
dell'1,6% a Bologna


Di seguito la variazione dei prezzi ponderati per area geografica: 

giugno 2017
Variazioni

Media di €/mq
12 MESI
6 MESI 
3 MESI 


giu 16-giu 17
dic 16 - giu 17
mar 17-giu 17
Nord
€ 1.938
-1,6%
-0,7%
-0,4%
Centro
€ 2.305
-3,2%
-1,5%
-0,9%
Sud
€ 1.606
-2,8%
-1,4%
-0,8%
ITALIA
€ 1.918
-2,3%
-1,1%
-0,6%

Queste, invece, le variazioni dei prezzi richiesti nei 20 capoluoghi di regione per la tipologia immobiliareresidenziale:

Regione
Città
giu-17
VARIAZIONI


Media di €/mq
12 MESI
6 MESI
3 MESI



giu16-giu17
dic16-
giu17
mar17-
giu17
ABRUZZO
L'Aquila
€ 1.655
-8,3%
-6,2%
-3,8%
BASILICATA
Potenza
€ 1.701
0,5%
5,6%
1,6%
CALABRIA
Catanzaro
€ 1.123
-3,4%
-0,6%
-2,8%
CAMPANIA
Napoli
€ 2.609
-4,7%
-3,5%
-1,5%
EMILIA ROMAGNA
Bologna
€ 2.601
2,5%
1,6%
1,2%
FRIULI VENEZIA GIULIA
Trieste
€ 1.490
0,3%
-0,3%
0,3%
LAZIO
Roma
€ 3.265
-3,4%
-1,9%
-1,3%
LIGURIA
Genova
€ 1.805
-5,8%
-3,4%
-2,2%
LOMBARDIA
Milano
€ 3.221
-1,1%
0,2%
0,1%
MARCHE
Ancona
€ 1.854
-5,5%
-2,5%
0,1%
MOLISE
Campobasso
€ 1.179
-5,8%
-0,1%
4,1%
PIEMONTE
Torino
€ 1.759
-2,5%
-1,6%
-1,5%
PUGLIA
Bari
€ 1.985
-2,8%
-1,4%
-0,9%
SARDEGNA
Cagliari
€ 2.105
-2,3%
-2,1%
-2,2%
SICILIA
Palermo
€ 1.479
-3,6%
-1,7%
-0,7%
TOSCANA
Firenze
€ 3.447
0,9%
0,6%
0%
TRENTINO ALTO ADIGE
Trento
€ 2.518
-1,0%
-0,5%
-0,3%
UMBRIA
Perugia
€ 1.247
-4,8%
-3,3%
-1,2%
VALLE D'AOSTA
Aosta
€ 2.101
-0,5%
-1,7%
-1,8%
VENETO
Venezia
€ 2.875
1,5%
1,9%
0,7%

Fonte dati: Ufficio Studi Immobiliare.it


--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI