Cerca nel blog

lunedì 28 gennaio 2008

Equens elabora primi bonifici SEPA

Equens: conformità all'implementazione SEPA per l'infrastruttura di pagamento


Equens elabora i primi bonifici SEPA

  UTRECHT, Paesi Bassi,  Recano la data odierna i primi bonifici SEPA elaborati con esito positivo  da Equens. Ciò significa che partire da oggi i sistemi Equens sono  perfettamente allineati agli accordi internazionali del Consiglio europeo per  i pagamenti vigenti in materia e dunque che soddisfano i requisiti dell'area  unica dei pagamenti in euro (Single Euro Payments Area, SEPA), l'eurozona in  cui è più facile effettuare pagamenti. In termini di elaborazione dei  pagamenti transfrontalieri mediante carte bancarie, l'infrastruttura Equens  ha ottenuto la conformità al relativo framework SEPA dall'1 gennaio 2008.

    Michael Steinbach, Presidente di Equens, ha così commentato: "Da oggi il progetto SEPA è a tutti gli offetti operativo". SEPA contribuirà all'aumento della concorrenza, alla creazione di nuovi prodotti, all'incremento dell'efficienza e alla riduzione dei costi per effetto delle economie di scala. "Grazie alla nostra scelta strategica di elaborare transazioni di giroconto e con carta, siamo già in grado di distinguerci dalla concorrenza. Equens punta inoltre a esplorare l'intero potenziale delle nuove tipologie di transazioni in numerosi mercati. Ne è risultata una linea di prodotti in costante crescita per soluzioni di pagamento innovative, riguardanti, ad esempio, il settore dei pagamenti mobili, la fatturazione elettronica e il mercato delle carte prepagate", ha dichiarato Steinbach.

    Uno dei principali prerequisiti per il successo del SEPA è il raggio d'azione. Equens mette a disposizione delle banche un'ampia libertà di manovra in ambito SEPA, con procedure standardizzate e modalità strettamente collegate alla interoperabilità. Steinbach: "In questo modo l'area SEPA risulterà alla portata di qualsiasi banca europea, che peraltro non dovrà necessariamente vincolarsi ai servizi di Equens. Abbiamo intenzione di potenziare questo servizio di base con svariate opzioni destinate a semplificare l'accesso al SEPA da parte delle banche in determinate comunità. Oggi Equens ha compiuto un ulteriore importante passo avanti verso la realizzazione delle sue ambizioni europee".

    Dalla sua posizione di leadership tra le società di servizi di gestione delle transazioni elettroniche in Europa, Equens mira a consolidare ulteriormente il suo primato facendo leva sull'effetto di scala ottenibile tramite partnership (anche internazionali) che consentiranno di ridurre i costi unitari delle transazioni. Una di queste collaborazioni è stata avviata con l'italiana Seceti, controllata dall'Istituto Centrale delle Banche Popolari Italiane (Gruppo ICBPI), con cui Equens si accinge a costituire una nuova società che andrà a inserirsi nell'attuale struttura di holding di Equens. La firma dell'accordo a opera delle parti è previsto entro i prossimi mesi, una volta ultimata la fase di due diligence.

    Per Equens il 2007 è stato un anno record in termini di pagamenti elaborati: quasi 7,3 miliardi di pagamenti in giroconto, equivalenti a un aumento del 4,3% rispetto all'anno precedente. A ciò si aggiungano i quasi 2,1 milardi di pagamenti con carte POS e prelievi di contante, pari a un aumento dell'11,7%.

    -------------------------------------------------------------------------

    Nota editoriale

    Equens è il primo fornitore di servizi completi per l'elaborazione dei pagamenti a livello paneuropeo. In quanto unta tra le più importanti e più innovative società di servizi di gestione delle transazioni elettroniche in Europa, Equens detiene una posizione di leadership nel mercato dei pagamenti future-proof e nelle soluzioni di elaborazione di carte. Grazie a un portafoglio vasto e competitivo e a un approccio flessibile e orientato al cliente, la società è in grado di rispondere perfettamente ai requisiti posti dal mercato europeo dei pagamenti. Con un volume annuo di 7 miliardi di transazioni e di 2 miliardi di transazioni POS e ATM, nell'eurozona Equens detiene una quota di mercato superiore al 10%. Grazie ai continui sforzi profusi ai fini dell'espansione e alla traduzione dei benefici offerti dalla raggiunta sinergia e dalle economie di scala in vantaggi per il cliente, la società contribuisce a rendere efficienti le transazioni di pagamento in Europa.

    Per ulteriori informazioni, visitare il sito http://www.equens.com.

per maggiori informazioni: contattare: Annemiek Vergoossen: +31(0)30-283-50-28, M: +31(0)6-21-51-87-67, E: Annemiek.vergoossen@nl.equens.com; Jörg Richter, T: +49-695-89-99-360-362, M: +49(0)172-6-13-95-97, E: Joerg.Richter@de.equens.com.

Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *