Cerca nel blog

martedì 7 marzo 2017

Quixa: Tagliando assicurativo: dopo la dematerializzazione, la metà degli automobilisti non sa cosa fare in caso di controllo

Lo rileva una ricerca Quixa sulla digitalizzazione dei servizi pubblici e privati

 

Agli italiani piace l'assicurazione digitale ma temono l'informatizzazione in altri settori: il 96% prevede difficoltà per gli anziani

 

 

Milano, 07 marzo 2017 L'entrata in vigore del provvedimento che ha abolito l'obbligo di esporre il tagliando assicurativo ha ormai più di un anno, ma quasi il 50% degli italiani non ha ancora le idee chiare su quello che comporta. A rilevarlo è l'indagine "Stetoscopio - Il sentire degli assicurati italiani", promossa dalla compagnia assicurativa online QUIXA e condotta dall'istituto di ricerca MPS Evolving Marketing Research.

 

Ben il 47% degli intervistati non sa dire quali documenti sia necessario mostrare in caso di controlli da quando è stato abolito l'obbligo di esibire il tagliandino sul parabrezza dell'auto, affidando direttamente alle compagnie assicurative il compito di segnalare le polizze emesse in un'apposita banca dati.


Nello specifico, quasi 3 italiani su 10 pensano che sia ancora necessario avere il tagliando al seguito anche se non in bella vista, per mostrarlo in caso di richiesta da parte delle autorità. Il 5% crede, invece, che non serva più portare con sé nessun documento, mentre il 14% non ha idea di come comportarsi. Solo il 53% degli italiani sa che a seguito della dematerializzazione del tagliando occorre portare al seguito il certificato di assicurazione.


Le più incerte sono le donne: meno della metà (il 49%) ne è informata, contro il 57% degli uomini. I più preparati sono invece i cittadini del Centro, che nel 59% dei casi hanno dato la risposta corretta, mentre la conoscenza più bassa si registra nel Nord Est (49%). A chiarire i dubbi sulle modalità di controllo stanno progressivamente contribuendo le comunicazioni dei diversi organi competenti.


Una circolare del Ministero dell'Interno ha confermato, ad esempio, la possibilità per gli automobilisti di esibire il certificato di assicurazione in formato digitale: un'indicazione importante, dato che in molti ormai ricevono i documenti di polizza via mail e gestiscono l'assicurazione dallo smartphone. All'interno della Quixa App messa a disposizione da Quixa, ad esempio, è possibile trovare sempre il certificato di assicurazione e mostrarlo in caso di controlli.

 

Nonostante le incertezze che ancora rimangono su questo punto, tuttavia, la digitalizzazione in campo assicurativo nel complesso è giudicata in maniera molto positiva dagli intervistati: apprezzano sia l'automatizzazione dei servizi, sia l'uso della posta elettronica in sostituzione di quella tradizionale, sia le assicurazioni online. Inaspettatamente, però, l'entusiasmo scende quando si pensa al generale processo di digitalizzazione in atto anche per molti altri servizi, pubblici e privati, utilizzati quotidianamente dai cittadini.

 

L'informatizzazione di certificazioni, moduli e bollette fa felici i giovani, ma allo stesso tempo li preoccupa quando pensano alle possibili difficoltà di genitori e nonni. Pensando a se stesso, 1 italiano su 2 sarebbe contento di poter gestire tutti i servizi via web, una percentuale che arriva al 57% nella fascia d'età tra i 18 e i 44 anni. A preoccupare, però, sono i "nonni" e le fasce meno digitalizzate: ben il 96% degli italiani crede che le persone anziane o meno abituate alla tecnologia potrebbero trovarsi in difficoltà nel gestire richieste e servizi via web, perché non hanno le competenze necessarie. Non è un caso, in effetti, che il 61% degli over45 dichiari di trovare scomodo richiedere PIN, effettuare registrazioni o ricordare password. Colpisce, invece, in maniera trasversale il timore di imbattersi in disservizi dovuti a problemi tecnici o alla mancanza di formazione del personale addetto alle nuove procedure, espresso dal 69% degli intervistati di tutte le età. La privacy preoccupa, infine, il 61% del campione.

 

 

Stetoscopio – Il sentire degli italiani

"Stetoscopio - Il sentire degli assicurati italiani" è una ricerca quali-quantitativa che fa parte del progetto "Stetoscopio - Il sentire degli italiani", un'indagine periodica che si basa su colloqui di gruppo focalizzati sull'esplorazione del vissuto degli intervistati in relazione ad alcune macroaree costanti che definiscono il clima socioculturale al momento dello svolgimento dello studio.


L'indagine prevede per la fase qualitativa la realizzazione di 8 gruppi 2 volte l'anno in 4 differenti aree geografiche con target misto uomini donne. La fase quantitativa è stata condotta con metodologia CATI (Computer Aided Telephone Interviewing) su un campione di 1.000 casi, rappresentativo della popolazione italiana per sesso, fasce d'età (popolazione adulta 18-75 anni), condizione professionale, area geografica, ampiezza comune di residenza.

La ricerca è realizzata da MPS Evolving Marketing Research, istituto di ricerca indipendente con sede a Bergamo, che si occupa da oltre venti anni di ricerche di mercato e consulenza alle aziende.

 

QUIXA

QUIXA è un marchio di AXA Global Direct Seguros y Reaseguros S.A.U., società del Gruppo AXA che opera nel mercato della vendita di polizze auto online. La compagnia è attiva in Spagna con il marchio Direct e in Italia con il marchio QUIXA.

QUIXA è specializzata nella vendita di polizze auto tramite Internet in Italia. Attiva da settembre 2008, la compagnia propone una formula innovativa che unisce ai vantaggi delle assicurazioni auto dirette – prezzo competitivo e multicanalità – un'estrema attenzione alla qualità del servizio al cliente, assicurato dalla presenza di un team di professionisti specializzati.

 

Il Gruppo AXA

Con 166.000 dipendenti e 103 milioni di clienti in 64 Paesi, il Gruppo AXA è tra i leader mondiali nel settore della protezione assicurativa e dell'asset management. Il fatturato dell'esercizio 2015 in base alle norme IFRS ammonta a 99 miliardi di euro e il risultato operativo a 5,6 miliardi di euro. 

 



Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Follow by Email