Cerca nel sito

martedì 28 marzo 2017

“Sèleco Design Workshop”: le TV italiane del futuro si progettano con i giovani designer.

Alessandro Maola Comunicazione
7 giorni di "creative camp" per lavorare al design dei nuovi Tv Séleco e sviluppare concept innovativi per rilanciare il brand sul mercato.
Latella: "Vogliamo riportare la creatività e il design dentro le aziende italiane, riaffermando un primato che tutto il mondo ci riconosce.".

Dal 27 marzo fino al primo aprile si tiene a Lucca presso gli spazi del Palazzo Orsetti e la Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, il "SèLECO DESIGN WORKSHOP", progetto ideato e organizzato dalla Aurelio Latella Advisory, per conto di Twenty Spa, giovane e dinamica realtà dell'elettronica di consumo in Italia che ha recentemente acquisito il marchio Séleco e avviato una fase di ri lancio sul mercato nazionale e internazionale.

Con un approccio totalmente "disruptive", ispirato ai principi del Design Thinking, 16 giovani "televisionari", appartenenti al network dello IED, Istituto Europeo del design - uno dei centri di formazione di matrice italiana più prestigiosi a livello internazionale - avranno la possibilità di immergersi nella realtà Séleco e lavorare in modo intensivo al rilancio del brand e al design industriale del prodotto.

Sotto la guida dei docenti dello IED e degli art director Francesco Subioli (Executive Member Adi, l'associazione che bandisce ogni anno il celebre Compasso d'oro) e Marco Pietrosante (docente Isia – l'Istituto Superiore per le Industrie Artistiche di Pordenone), i ragazzi, provenienti da Cina, Spagna, Ghana , Argentina , Svezia e Kurdistan e Italia, saranno invitati a riscoprire la storia e l'immaginario legato al famoso marchio friulano per proporre, in chiave attuale, geometrie, colori e materiali capaci di trasformare lo schermo in un oggetto di design e arredo, liberandosi da forme anonime e standardizzate che caratterizzano l'attuale mondo high tech.

Ma non solo. "Iniziative di questo tipo – sottolinea Aurelio Latella, ideatore del progettograzie alla contaminazione tra le fertili menti dei creativi e l'expertise di settore del management aziendale, realtà spesso molto distanti tra loro, conducono a innovazioni radicali anche nei processi, servizi e modelli di business, proponendo soluzioni tecniche e progettuali a cui l'azienda da sola non avrebbe mai pensato. 
Il nostro approccio che chiamiamo ( C.I.B. - Creative Inspired Business Model), e che già abbiamo sperimentato con successo presso importanti brand italiani del settore manifatturiero e agroalimentare è quello tipicamente induttivo e disruptive delle start up più innovative, che hanno letteralmente sovvertito le regole in diversi settori, scalzando completamente i player tradizionali. 
Cito ad esempio Airbnb nel settore degli hotel, Uber per il servizio di taxi, Amazon kindle nell'editoria. 
Siamo convinti che un approccio di questo tipo possa aiutare le aziende italiane a competere di nuovo, anche in settori più tecnologicamente avanzati, come quello dell'elettronica di consumo, dove siamo ormai in posizioni di retroguardia".

Sèleco è lo storico marchio nato negli anni '60 sull'onda del boom del mercato dei televisori in Italia, come divisione della Zanussi e diventato autonomo nel 1984.

Fin da subito Sèleco ha conquistato grande notorietà e riconoscimenti nel mondo sia per la qualità che per il design dei suoi output fino a diventare, nel 1986, il primo produttore italiano di televisori a colori con il 13% di share del mercato nazionale.

Oggi, grazie a Twenty S.p.A, il marchio e la produzione Sèleco hanno la possibilità di rinascere con l'obiettivo di costruire un autentico Brand del Made in Italy entro pochi anni. 

La nuova gamma di Tv Sèleco, apparecchi in alta definizione da 24 a 55 pollici dotati di un design unico e di una tecnologia innovativa, sarà sul mercato a partire dal mese di Aprile, collocandosi all'interno della fascia medio-alta del settore: un posizionamento premium di grande prestigio.



--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI