Cerca nel sito

mercoledì 22 marzo 2017

Affitti: salgono domanda (+2,1%) e offerta (+1,3%). Prezzi in aumento dell’1,2% in un anno

Osservatorio sul mercato degli affitti residenziali in Italia 

Il mercato degli affitti riprende vivacità: crescono domanda (+2,1%) e offerta (+1,3%). 

Prezzi in aumento dell'1,2% in un anno. 

La regione più cara è il Lazio; tra le città, i prezzi più alti sono richiesti a Firenze 

Milano, marzo 2017  Se il 2016 si è concluso come un anno positivo per le compravendite, lasciando intravedere segnali diripresa, il mercato degli affitti gode di buona salute e si conferma più vivace. 

Secondo l'Ufficio Studi di Immobiliare.it,  in un anno l'offerta di immobili in locazione è aumentata dell'1,3% e la domanda ha fatto meglio, crescendo del 2,1%
L'incremento più consistente delle richieste ha portato i prezzi a proseguire sulla strada della crescita, segnando un +1,2% negli ultimi dodici mesi.
«Questi numeri mostrano come l'affitto, in Italia, stia sempre più diventando una forma abitativa concorrenziale rispetto all'acquisto di un immobile – ha dichiarato Carlo Giordano,Amministratore Delegato di Immobiliare.it  Per comprare la prima casa è ormai consolidata l'abitudine di attendere che si costituisca un nucleo familiare e, fino ad allora, si preferisce la locazione. Sul fronte dell'offerta, oggi i proprietari hanno sempre più strumenti per tutelarsidalla fidejussione fino alle polizze contro la morosità: così chi non era pronto a vendere e preferiva tenere sfitto il suo immobile, ora è portato a rimetterlo sul mercato».
Le metropoli, insieme alle città in cui tradizionalmente il mercato degli affitti è sempre stato più vivace per la presenza di studenti universitari, stanno trainando l'intero settore. 
Guardando, ad esempio, alle dieci città italiane più carel'offerta di immobili in locazione sta aumentando in tutte, con un picco del +3,1% a Bolognaseguita da Bolzano (+2,8%) e Como (+2,6%), località che attraggono anche un'utenza straniera. 
Per la domanda, invece, Milano batte tutti, con un incremento annuale del 3,1%; al secondo e al terzo posto Bologna (+2,7%) e Roma (+2,6%).

Il trend dei prezzi
Rispetto a febbraio 2016 i canoni di locazione, secondo le rilevazioni di Immobiliare.it, hanno registrato un incremento dell'1,2%, seppur più contenuto rispetto allo scorso anno (+1,7%). 
L'andamento dei prezzi non è uniforme in tutta l'Italia: se in alcune regioni è più visibile un trend di stabilità, in altre si rilevano oscillazioni più forti. 
In Sicilia i canoni richiesti risultano in aumento del 3% rispetto allo scorso anno; segnano incrementi importanti anche le Marche (+2,8%), la Sardegna e il Veneto (+2,3%). 
Al contrario, le contrazioni maggiori si evidenziano in Molise (-4,6%) e in Puglia (-3,9%). Umbria e Valle d'Aostaregistrano valori prossimi allo zero, segno di un mercato vicinoalla stabilità. 
La spesa mensile per affittare in Italia un bilocale da 65 metri quadrati è pari mediamente a 570 euro. 
Nella classifica delle regioni il Lazio, trascinato dal peso della Capitale, si riconferma quella più cara: per prendere in locazione un bilocale tipo, qui si spendono in media 740 euro. 
A seguire troviamo la Lombardia, in cui i prezzi sono aumentati dell'1,7% in un anno, portando il canone medio per un bilocale a 720 euro. 
Terza la Toscana, con costi medi pari a 680 euro. 
Ultima in classifica il Molise, dove il costo medio di un bilocale è sceso a 330 euro al mese; segue la Calabria con 380 euro. 
Guardando alla classifica delle dieci città più care, i nomi sono rimasti invariati, rispetto allo scorso anno, e qualche cambiamento si è rilevato solo nelle diverse posizioni occupate nella top ten. 
Regina del podio, così come per i prezzi degli immobili in vendita, è Firenze: qui si arrivano a spendere 600 euro per un monolocale e fino a 1.120 euro per un trilocale. 
Segue a breve distanza Venezia, dove un'offerta più ridotta e la domanda in aumento portano i prezzi verso l'alto, con una spesa media per un bilocale pari a 590 euro per arrivare a 1.110 per un trilocale. 
A Milano si arrivano a spendere 540 euro al mese per un monolocale e fino a 1.010 euro per un trilocale. 
Roma occupa il quarto posto: nella Capitale si chiedono mediamente 520 euro per un monolocale e si spendono fino a 1.100 euro per un trilocale.
Nella classifica delle prime dieci città più care si piazza, a seguire, Bolzano, dove i canoni di locazione si mantengono più alti di città ben più grandi. 
Como passa da ultima della top ten a sesta, quasi a pari merito con Bologna, dove però i canoni sono di poco più bassi. 
Chiudono la classifica Napoli, Siena e Pisa
A seguire si forniscono le tabelle con le regioni italiane e indicazione del canone medio richiesto per un bilocale di 65 metri quadrati (con le variazioni rispetto al 2016) e la classifica delle 10 città più care per gli affitti residenziali:


Regione 
Canone d'affitto mensile in euro per bilocale 
65 mq in €
Variazione prezzi (febbraio 2017 vs febbraio 2016)
ABRUZZO
420
-0,7%
BASILICATA 
410
1,8%
CALABRIA 
380
1,1%
CAMPANIA 
480
-1,0%
EMILIA ROMAGNA 
540
-0,6%
FRIULI VENEZIA GIULIA 
480
1,6%
LAZIO 
740
1,0%
LIGURIA 
590
-1,0%
LOMBARDIA 
720
1,7%
MARCHE 
480
2,8%
MOLISE 
330
-4,6%
PIEMONTE 
450
-1,5%
PUGLIA 
430
-3,9%
SARDEGNA 
470
2,3%
SICILIA 
420
3,0%
TOSCANA 
680
2,0%
TRENTINO ALTO ADIGE 
590
-2,3%
UMBRIA 
450
-0,3%
VALLE D'AOSTA 
590
0,5%
VENETO 
520
2,3%
ITALIA 
570
1,2%


Città
Monolocale
Bilocale 
Trilocale 
Quadrilocale 
Variazione domanda
feb2017 vs. feb2016
Variazione offerta
feb2017 vs. feb2016
Firenze 
600
670-970
1130-1340
2,3%
0,3%
Venezia 
590
660-960
1120-1330
0,7%
0,3%
Milano 
540
610-880
1030-1220
3,1%
1,9%
Roma 
520
590-850
860-980
2,6%
2,1%
Bolzano 
480
540-780
790-900
1,3%
2,8%
Como 
450
510-730
740-850
1,7%
2,6%
Bologna 
450
510-730
740-840
2,7%
3,1%
Napoli 
440
500-720
730-830
2,1%
1,7%
Siena 
440
490-710
720-820
830-990
0,9%
0,4%
Pisa 
410
460-670
680-770
780-920
1,6%
0,6%

Fonte dati: Ufficio Studi Immobiliare.it


--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI