Cerca nel sito

martedì 28 marzo 2017

Anima/Confindustria: India è il mercato potenziale per la meccanica al 2030

Nel 2016 l'export italiano di meccanica varia a 277 milioni di euro


L'Ufficio studi Anima ha fotografato gli scambi commerciali tra l'Italia e l'India dal 2011 al 2016. Le tecnologie della meccanica italiana hanno conosciuto un forte calo passando dai 478 milioni di euro nel 2011 ai 247 milioni di euro nel 2014. 
Il 2015 ha visto un incremento dell'export italiano verso l'India (314 milioni di euro), ma già l'anno scorso ha segnato una leggera flessione toccando i 277 milioni di euro (-12%). 
I prodotti italiani più ricercati sono le valvole, che nel 2016 hanno subito un calo a doppia cifra (-49%) perdendo 45 milioni di euro rispetto all'anno precedente. 
Sono state esportare le pompe italiane per un valore di 55 milioni di euro, pari a un +30% rispetto al 2015. 
Buono anche il risultato dei macchinari da costruzione che segano un +46%, che equivale a 34 milioni di euro.

«Un mercato come quello indiano presenta grandi potenzialità. - dichiara Carlo Banfi, vicepresidente Anima con delega all'internazionalizzazione - Ma oggi richiede ancora poca meccanica italiana rispetto a quanta ne avrebbe bisogno. L'eccellenza delle nostre lavorazioni meccaniche è già molto apprezzata, ma sarà effettivamente scelta in larga misura nel giro dei prossimi 5-10 anni. L'India conta più del doppio degli abitanti d'Europa ed è giovane sotto molti aspetti, basti pensare all'indipendenza ottenuta 70 anni fa. È una nuova frontiera per la meccanica di Anima da affrontare correttamente. Possiamo paragonare la situazione dell'India oggi come ci appariva la Cina 20 anni fa, complessa, articolata e lontana. - conclude Banfi - Se pensiamo al ruolo e alle dimensioni industriali che la Cina rappresenta per il nostro export (quasi 900 milioni di euro di meccanica varia esportata, in costante crescita anno su anno) capiamo immediatamente il tipo  di opportunità che si presenta in India alle nostre aziende da qui al 2030».



Elaborazione Ufficio Studi ANIMA su dati ISTAT
ANIMA - Federazione delle Associazioni Nazionali dell'Industria Meccanica Varia ed Affine – è l'organizzazione industriale di categoria che, in seno a Confindustria, rappresenta le aziende della meccanica varia e affine, un settore che occupa 210.000 addetti per un fatturato di 44,7 miliardi di euro e una quota export/fatturato del 58,5% (dati riferiti al preconsuntivo 2016). I macrosettori rappresentati da ANIMA sono: macchine ed impianti per la produzione di energia e per l'industria chimica e petrolifera - montaggio impianti industriali; logistica e movimentazione delle merci; tecnologie ed attrezzature per acqua e prodotti alimentari; tecnologie e prodotti per l'industria; impianti, macchine prodotti per l'edilizia; macchine e impianti per la sicurezza dell'uomo e dell'ambiente; costruzioni metalliche in genere.




--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI