Cerca nel sito

mercoledì 22 marzo 2017

ITAS Assicurazioni chiude il 2016 con un utile consolidato di 25,6 milioni di euro, ampiamente superiore agli obiettivi prefissati da piano industriale

La nuova ITAS supera tutti gli obiettivi del 2016. 

Il Gruppo chiude con un utile consolidato ante-imposte di 25,6 milioni di euro e prosegue con successo il processo di integrazione post acquisizione RSA. 


 
Trento, 22 marzo 2017Ad un anno dall'integrazione delle branch italiane di RSA, ITAS mette a segno un altro anno positivo, registrando un utile ante-imposte consolidato pari 25,6 milioni di euro, ampiamente superiore agli obiettivi prefissati da piano industriale.

Nonostante le sfidanti condizioni del mercatoil patrimonio del Gruppo sfiora oggi i 387 milioni di eurocon un aumento di oltre 9 milioni di euro rispetto al 2015. Il patrimonio della capogruppo ITAS Mutua vale da solo 329 milioni di euro (+10,2% rispetto al 2015) e la raccolta premi è ora di oltre 740 milioni di euro.

Icombined ratio Danni (Ldi), ovvero l'indicatore che misura la parte dei premi utilizzata per coprire il costo dei sinistri, le spese di gestione e le provvigioni alla rete, si attesta al 93,6%, in miglioramento di un punto percentuale rispetto all'anno precedente ed esprimendo così una redditività tecnica positiva.

"Il 2016 è stato per noi un anno determinante – dichiara Giovanni Di Benedetto, presidente di ITAS e vice-presidente di ANIA. – Dopo 195 annidalla sua fondazione, ITAS ha infatti vissuto una svolta storica, concludendo ufficialmente l'acquisizione delle filiali italiane del gruppo inglese RSA. Questa importante operazione ci ha permesso non solo di aumentare la diversificazione geografica in Italia centrale e nel nord-ovest, ma anche di raddoppiare la nostra capacità di servizio, rafforzando la rete commerciale e migliorando la redditività delle polizze tramite coperture assicurative di altissima qualità. Questo ambizioso risultato – sottolinea Di Benedetto – è stato possibile solo grazie all'importante sforzo professionale, organizzativo e tecnico dell'intera Compagnia. Siamo promotori della formula vincente del modello mutualistico: ai nuovi soci assicurati ex RSA, è statoinfatti esteso il principio cardine della mutualità che da sempre ci contraddistingue con orgoglio".

Il processo di integrazione è stato portato avanti con successo da tutte le componenti aziendali. Dal punto di vista organizzativo, la Compagnia si è impegnata a rendere coerenti ed efficaci i carichi di lavoro sulle tre sedi di Trento, Milano e Genova. Sul piano dei sistemi informaticisin dal 1° gennaio 2016, c'è stato un ridisegno e una progressiva migrazione verso tutti quei sistemi che consentissero una unicità di processo e di risultato. Infine, sul fronte finanziario, impegno eccezionale è stato dedicato nelrendere coerenti gli investimenti ricevuti in dotazione dall'acquisizione di RSA rispetto alle linee di politica degli investimenti propri del Gruppo ITAS.

"I risultati del 2016 – commenta Ermanno Grassi,direttore generale del Gruppo – dimostrano la massima capacità di operare in un contesto di mercato segnato più che mai dalla competitività e dal cambiamento. Le performances delle singole Compagnie del Gruppo – prosegue Grassi – sono in linea con i nostri obiettivi. La raccolta premi diITAS Mutua supera oggi i 740 milioni di euro, con un incremento nei rami Auto (348,9 milioni di euro, +61,3% rispetto al 2015a fronte di un -4,3% del mercato) e nei rami elementari (389,9 milioni di euro, +67,3% rispetto al 2015a fronte di un +1,9% del mercato). Inoltre, nel mese di novembre l'agenzia Fitch ha ridefinito il rating di ITAS Mutua modificando l'outlook da stabile a positivoComplimenti all'organizzazione interna ed alla rete intermediari arricchita ora dall'importante contributo dei broker".

Oggi ITAS si presenta come un Gruppo assicurativo che conquista posizioni di mercato e risultatinotevoli. Cresce il numero dei soci assicurati ITAS che salgono a 696 mila: l'obiettivo è quello di raggiungere 1 milione di soci assicurati entro il 2018, un traguardo oramai sempre più vicino. Fondamentale è anche la nuova presenza dei broker, oggi 237, che vanno ad arricchire una rete commerciale nazionale costituita da 635 agenti distribuiti negli oltre 700 punti vendita sul territorio italiano.

"Il 2017 – conclude Di Benedetto – si prospetta come un anno ancora più stimolante. Dal 20 marzo sono operativi i nuovi uffici di Milano in via Santa Maria Segreta 5, in pieno centro, dedicati principalmente a corporate e broker. ITAS continua a puntare in alto e sono assolutamente certo che sapremo affrontare le sfide poste dall'innovazione e dalla volatilità del mercato con la solidità e la prudenza che da oramai due secoli ci rendono un'eccellenza all'interno del mercato assicurativo italiano".

Raccolta premi di Gruppo (Ldi): oltre 1.130milioni di euro

ITAS Mutua
Raccolta premi: oltre 740 milioni di euro
Utile lordo: supera gli 11 milioni di euro
Patrimonio netto: 329 milioni (+10,2%)
Imposte pagate: superano i 5,3 milioni di euro.

ITAS Vita 
Raccolta premi360 milioni di euro (-22,7% vs mercato -11,0%) 
Utile lordo4,8 milioni di euro
Imposte pagate: 2,1 milioni di euro.
A ITAS Vita fa capo anche il fondo pensione aperto PensPlan Plurifonds, oggi fra i primi 10 del mercato nazionale. A fine 2016, gli aderenti sono oltre 56.300 con un incremento del 8,8%. Il patrimonio netto del fondo supera i 574 milioni di euro.

Assicuratrice Val Piave SpA
Premi raccolti: superano i 30,7 milioni di euro, +4,3%
Utile lordo: 3,1 milioni euro
Imposte pagate: inferiori al milione di euro



Gruppo ITAS Assicurazioni
Fondata in Trentino nel 1821, ITAS (Istituto Trentino-Alto Adige per Assicurazioni) è la Compagnia Assicuratrice più antica d'Italia. 

Il Gruppo ITAS, una delle poche mutue presenti nel territorio italiano, vanta una rete di circa 650 agenti, i quali insieme ai collaboratori e al personale di agenzia, danno vita ad una famiglia di 4.500 persone, dislocate in oltre 700 uffici e agenzie sul territorio italiano, che operano a tutela dei soci assicurati secondo i principi mutualistici della Compagnia. 

Posizionandosi tra i primi 10 gruppi assicurativi italiani, ITAS mette quotidianamente al centro del proprio operato la sicurezza e la mutualità, i valori fondanti della Compagnia.  

La vera forza del Gruppo ITAS, infatti, è data dall'efficacia dell'azione mutualistica, che si concretizza anche nel sostegno di iniziative rivolte alle imprese sociali impegnate nello sviluppo della comunità. 

Ad oggi, la struttura del Gruppo ITAS è il risultato di partecipazioni azionarie incrociate fatte nel corso dei quasi 200 anni di storia della Compagnia, al fine di rispondere in modo più efficiente e puntuale alle diverse necessità dei soci assicurati.


--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI