Cerca nel sito

martedì 14 marzo 2017

No+Vello tra i Top 100 Global Franchise al mondo

Ancora una attestazione della qualità del servizio offerto a partner e clienti nel mondo

Roma, 14/03/2017. No+Vello, leader mondiale della depilazione luce pulsata a prezzo fisso, tra i migliori cento franchise al mondo del Top 100 Global Franchises stilata da Franchise Direct, primo motore di ricerca americano del mondo del franchising. Nella Top 100 Global Franchises il nome di No+Vello si trova accanto a marchi riconosciuti a livello mondiale, gruppi con una storia talvolta centenaria. Non a caso la classifica vede al primo posto McDonald's.

No+Vello, nata in Spagna nel 2007, ha iniziato la sua espansione internazionale nel 2008. Oggi nel mondo i centri No+Vello hanno superato le 1.000 unità (di cui 280 in Spagna e 163 in Italia) e sono attivi in 16 nazioni: Spagna, Italia, Regno Unito, Romania, Slovenia, Croazia, Bulgaria, Portogallo, Polonia, Svizzera, Bosnia ed Erzegovina, Serbia, Georgia, Brasile, Svezia e Montenegro.
No+Vello arriva in Italia nel 2011, grazie ad Antonello Marrocco, titolare di No+Vello Italy. Da allora una crescita esponenziale ha portato No+Vello Italy a contare 163 centri in tutta Italia a fine 2016. Uno sviluppo che non si arresta, come testimoniato dalle 5 nuove aperture dei primi mesi del 2017.

"Sono estremamente soddisfatto di questo risultato - dichiara Antonello Marrocco, Direttore generale No+Vello Italy- Ne siamo particolarmente orgogliosi soprattutto alla luce dei continui sforzi per migliorare la struttura internazionale e soprattutto i vantaggi per l'affiliato. Credo che il successo del nostro progetto sia proprio questo: mettere l'affiliato prima di ogni cosa aiutandolo a generare profitti e creare valore continuo per cliente finale"

Essere presenti in questa classifica è un'ulteriore attestazione per tutti i potenziali partner che affiliarsi a No+Vello significa mettere il proprio futuro imprenditoriale in mani sicure.
No+Vello sta puntando a coprire le zone in Italia in cui non è ancora presente, quindi in aree distanti dai centri già avviati, che non soffrirebbero così di alcuna concorrenza. Aree del paese ad alta domanda di servizi in cui il marchio non è ancora presente. Una grande opportunità per gli aspiranti franchisee alla ricerca di un investimento sicuro e redditizio. Grazie alle richieste ricevute da potenziali clienti sul territorio nazionale, infatti, No+Vello ha stilato un elenco delle città italiane in cui è stata segnalata un'alta domanda di propri servizi. Scegliendo una di queste zone, gli investitori hanno la possibilità di entrare sul mercato con la sicurezza di una clientela già pronta ad aspettarli.

E anche la novità dei No+Vello Point, stanze completamente attrezzate per la depilazione a luce pulsata, da inserire all'interno di strutture come palestre, centri estetici, parafarmacie e saloni di parrucchieri, da aprire nelle città con meno di 25.000 abitanti, stanno avendo un buon riscontro con 5 centri già aperti nel 2016.

"Siamo in Italia dal 2011 – continua Antonello Marrocco – e vogliamo coprire capillarmente il nostro paese. A questo link http://franchising.nomasvello.it/doveapro.php chi sta pensando di aprire un Centro o un Point può capire le aree più appetibili nella propria regione, ma in generale invitiamo tutti gli interessati a contattarci perché in Italia città apparentemente piccole svolgono un ruolo di attrattore per territori più vasti. In molti possono rispondere: basta avere doti imprenditoriali e voglia di entrare in un settore in continua crescita, quello del benessere, non c'è bisogno di esperienza o di titoli particolari; il supporto tecnico, commerciale e professionale lo mette No+Vello".
No+Vello mira a raggiungere 400 centri in Italia entro il 2020. Numero che – tradotto in posti di lavoro – equivale ad ulteriori 500 nuovi occupati che si sommano ai 350 addetti già operativi in Italia.




--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI