Cerca nel sito

martedì 24 gennaio 2017

IR TOP: DETASSAZIONE DEI RENDIMENTI E DETRAZIONE FISCALE DEL 30%

ECCO PERCHÉ CONVIENE FARE UN “PIR” SU AIM ITALIA

Gli incentivi fiscali introdotti dalla Legge di Stabilità 2017 rendono più attraente il mercato AIM Italia delle PMI innovative

·       Solo su AIM Italia, mercato non regolamentato, è possibile investire in PMI Innovative quotate e ottenere la detrazione fiscale del 30%
·       Oggi sono 5 le PMI Innovative su AIM Italia (FOPE, MailUp, Digitouch, DHH ed Energica Motor Company), ma in base alle analisi dell’Osservatorio IR Top circa il 70% potrebbe già avere i requisiti per diventarlo
·       Nel PIR l’investimento massimo annuale per singola società quotata (10% del totale) è coerente con gli scambi medi giornalieri dei titoli sul mercato
·       Il Lock Up obbligatorio di 5 anni (3 anni per la detrazione fiscale) è coerente con l’orizzonte di investimento di medio-lungo periodo su AIM Italia
·       Numerosi altri vantaggi per le aziende che si iscrivono al Registro delle PMI Innovative, compreso l'accesso alla finanza agevolata
·       A favore del mercato AIM Italia la divisione “Compliance” di IR Top affianca le società nell’ottenimento della qualifica di PMI Innovativa

Milano, 23 gennaio 2017

IR Top, Partner Equity Markets di Borsa Italiana – LSE Group, leader in Italia nella consulenza specialistica sulle Investor Relations e Advisor per l’IPO, ha analizzato l’impatto potenziale dell’introduzione dei PIR (Piani Individuali di Risparmio) sul mercato AIM Italia.

Anna Lambiase, Amministratore Delegato IR Top: “Da una approfondita analisi delle novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2017, l’AIM Italia risulta il mercato azionario favorito dagli incentivi fiscali sia sul fronte degli Investitori Istituzionali, in quanto permette la deduzione del 30% dell’investimento sulle PMI innovative, sia sul fronte degli Investitori Professionali e Retail, in quanto il beneficio della detrazione fiscale del 30% si somma all’esenzione da tassazione dei redditi derivanti dagli investimenti effettuati nel PIR. Oggi su AIM Italia le PMI Innovative sono 5 (FOPE, MailUp, Digitouch, DHH ed Energica Motor Company), ma in base alle analisi del nostro Osservatorio AIM circa il 70% potrebbe già avere i requisiti per diventarlo. Ciò permette di essere più appetibili per gli Investitori ma anche di ottenere molteplici vantaggi che potrebbero incidere positivamente sullo sviluppo del business e sulla possibilità di accesso ad altre fonti di finanza. Pertanto l’AIM Italia risulta il mercato azionario delle PMI sul quale, se le aziende quotate otterranno la qualifica di PMI Innovativa, potrà esserci il maggior impatto derivante dagli incentivi e dai PIR. Il Lock Up obbligatorio di 3 anni per la detrazione fiscale è inoltre coerente con l’orizzonte di investimento di medio-lungo periodo degli investitori di questo mercato.”

La Legge di Stabilità 2017 ha introdotto due importanti agevolazioni che, in quanto cumulabili, rendono più attraente l’investimento sulle PMI innovative quotate su AIM Italia per gli Investitori Professionali e Retail:

1) le agevolazioni fiscali per gli investimenti in PMI Innovative:
·       la durata delle agevolazioni diventa permanente;
·       la misura dell’agevolazione è unica e sale al 30% (sia per i soggetti passivi IRPEF, per i quali consiste in una detrazione dall’imposta lorda, sia per i soggetti passivi IRES, per i quali consiste in una deduzione dal proprio reddito complessivo);
·       per le persone fisiche l’investimento massimo su cui calcolare la detrazione passa da Euro 500mila e Euro 1 milione (per i soggetti passivi IRES l’investimento massimo in ciascun periodo di imposta resta pari a Euro 1,8 milioni);
·       il periodo obbligatorio in cui mantenere l’investimento passa da 2 a 3 anni;

2) l’introduzione dei Piani Individuali di Risparmio (PIR) a lungo termine:
·       contenitori fiscali all’interno dei quali i risparmiatori possono investire fino a 30mila euro l’anno, per un massimo di 150mila euro in 5 anni;
·       sulla base delle norme relative alla composizione del portafoglio “PIR compliant” è possibile investire anche solo su aziende AIM Italia, acquistando un numero minimo di 10 società;
·       il rispetto dei limiti alla concentrazione comporta un investimento massimo annuale per singola azienda pari a Euro 3.000, coerente con gli scambi medi giornalieri tipici del mercato AIM Italia;
·       il vincolo di detenzione degli strumenti finanziari, pari a 5 anni, è coerente con l’orizzonte di investimento di medio-lungo periodo che deve avere chi sceglie di investire nelle società AIM Italia.

Pertanto, se il PIR viene utilizzato per acquistare un portafoglio di 10 aziende AIM Italia (PMI Innovative) è possibile ottenere annualmente una detrazione fiscale del 30% pari a 9mila Euro sull’investimento massimo di 30mila Euro, beneficio che si somma all’esenzione da tassazione dei redditi derivanti dagli investimenti effettuati nel PIR.

Pertanto l’AIM Italia risulta il mercato azionario delle PMI sul quale, se le aziende quotate otterranno la qualifica di PMI Innovativa, potrà esserci il maggior impatto derivante dagli incentivi e dai PIR.


IR Top, Partner Equity Markets di Borsa Italiana – LSE Group, è lo studio professionale leader in Italia nella consulenza specialistica sulle Investor Relations e la Comunicazione Finanziaria per società quotate e quotande. Fondata a Milano nel 2001, è advisor per la quotazione in Borsa (IPO) e l’apertura del capitale a Investitori Istituzionali. IR Top opera attraverso le divisioni Investor Relations e Media Relations con un team composto da professionisti con anni di esperienza sul mercato dei capitali. Ha sviluppato relazioni strategiche di valore con la comunità finanziaria nazionale e internazionale (investitori e giornalisti), maturando un solido track record sulle small & mid cap quotate su MTA-STAR e una posizione di leadership sul mercato AIM Italia, dedicato alle PMI di eccellenza. IR Top e VedoGreen sono stati ideatori e promotori della SPAC GreenItaly1.

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI