Cerca nel sito

sabato 28 gennaio 2017

OGM, COMMISSIONE UE NON OTTIENE SOSTEGNO PER NUOVE COLTURE OGM, GREENPEACE: «BRUTTO SCIVOLONE DELL’ITALIA CHE HA VOTATO A FAVORE DEGLI OGM»

ROMA, 27.01.17 – Nonostante il clamoroso voltafaccia dell'Italia, che si schiera dalla parte degli OGM, quest'oggi i Paesi membri non hanno fornito il supporto necessario alle proposte della Commissione europea di autorizzare la coltivazione di due mais OGM - il BT11 della Syngenta e il 1507 della DuPont Pioneer - e di rinnovare l'autorizzazione dell'unico OGM al momento ammesso per la coltivazione nell'Unione europea, il mais MON810 della Monsanto. 


Il voto odierno dimostra che la Commissione è ben lungi dal raggiungere la maggioranza qualificata necessaria per l'approvazione dei tre mais OGM.

 

«Il voto italiano a favore della coltivazione dei tre mais OGM, oltre a dare la zappa sui piedi all'agricoltura europea, è pura ipocrisia, dato che in Italia queste colture sono già vietate. Come spiega il ministro Martina questo autogol?», chiede Federica Ferrario, responsabile campagna Agricoltura sostenibile Greenpeace Italia. «Gli europei, con gli italiani in testa, chiedono agricoltura sostenibile, e non quella intensiva e dannosa per l'ambiente promossa dalle multinazionali dell'agrochimica».

 

La gran parte dei Paesi Ue non ha sostenuto le proposte della Commissione, nonostante ora a livello nazionale si possa vietare la coltivazione di OGM. «Data la diffusa opposizione alle colture OGM da parte di cittadini e deputati europei, la Commissione sarebbe cieca a interpretare il voto odierno come una luce verde», continua Ferrario. «L'Europa dovrebbe voltare pagina sugli OGM una volta per tutte, e concentrare urgentemente i propri sforzi sull'agricoltura ecologica».





--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI