Cerca nel sito

mercoledì 25 gennaio 2017

La storia ancestrale della città di Ostuni

Oggi Ostuni è nota ai più come la Città Bianca, gemma del cuore di Puglia a metà strada tra il Salento e le Murge, borgo ricchissimo di arte e di suggestioni paesaggistiche. La città possiede però un retaggio antichissimo, che precede la dominazione romana e si perde in un’era che dista millenni da noi. Oggi ogni b&b Ostuni segna il tutto esaurito per almeno un mese l’anno e il flusso di visitatori non cessa neppure nel corso dei mesi freddi; pochi di essi, però, si lasciano davvero conquistare dalle discendenze più ancestrali della città e dedicano del tempo a conoscere l’anima preistorica del borgo.

Il passaggio dei Messapi

Le prime popolazioni semi-nomadi che occuparono la zona nei dintorni di Ostuni erano di origini messapiche, provenienti dall’Anatolia. Era circa l’VIII secolo a. C., quasi 3.000 anni fa, e i viandanti decisero di stanziarsi alle pendici di un colle, che avrebbe garantito un presidio sicuro e permesso di sviluppare un piccolo villaggio.

Furono loro i primi a solcare il territorio, e il loro retaggio è ancora forte e percepibile nei pressi della città. Oggi, lungo l’asse che collega Ostuni a Fasano, nasce il Parco archeologico e naturalistico di Santa Maria D'Agnano, 13 ettari di distese poste a circa 2 km dal centro abitato. Lì sono conservati resti antichissimi, tra cui l’ormai celebre “donna di Ostuni”. lo scheletro di una giovane e del suo feto. Il reperto, oltre a rappresentare una testimonianza storica di assoluto valore, colpisce anche per l’intensità emotiva che trasuda e riesce quasi a squarciare quel velo che si pone tra noi e ciò che è esistito millenni fa.

Nei pressi della città sorge anche il dolmen di Montalbano, alto poco meno di un metro e mezzo e testimonianza tra le più antiche degli usi e dei costumi dei popoli dell’epoca, che rivela il loro rapporto con la ritualità, la religione e gli istinti spirituali.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI